Nikolaj Petrovič Kamanin

aviatore sovietico
Nikolaj Petrovič Kamanin
Stamp R18 10 12 cropped.jpg
Nikolaj Kamanin nel particolare di un francobollo sovietico del 1935

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature I
Circoscrizione Oblast' di Voronež

Dati generali
Partito politico Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico)
Università Military Academy of the General Staff of the Armed Forces of Russia e Accademia di ingegneria aeronautica militare "N. E. Žukovskij"

Nikolaj Petrovič Kamanin (in russo: Никола́й Петро́вич Кама́нин?; Melenki, 18 ottobre 1908Mosca, 11 marzo 1982) è stato un aviatore e generale sovietico.

BiografiaModifica

Nel 1934 partecipò al salvataggio dell'equipaggio del piroscafo sovietico Cheliuskin, ricevendo l'onorificenza di Eroe dell'Unione Sovietica.

Durante la seconda guerra mondiale comandò una brigata aerea, una divisione e poi una forza aerea, raggiungendo il grado di colonnello generale, al comando di una forza aerea, al termine della guerra. All'età di quattordici anni, suo figlio, Arkadij Kamanin, divenne in questo periodo il più giovane pilota di caccia della storia militare.

Tra il 1960 e il 1971, Kamanin ha diretto l'addestramento dei cosmonauti nell'ambito del programma spaziale sovietico. Reclutò ed addestrò la prima generazione dei cosmonauti sovietici, tra i quali Gagarin, Titov e Leonov. Rappresentò l'aeronautica nel programma spaziale, sostenitore dei voli con equipaggio nella Corsa allo spazio. I suoi diari, pubblicati tra il 1995 e il 2001, sono una delle fonti più importanti sul progresso del programma spaziale sovietico.[1][2]

NoteModifica

  1. ^ Una versione ridotta in inglese è accessibile su www.astronautix.com Archiviato il 14 maggio 2011 in Internet Archive.
  2. ^ (RU) Н.П. Каманин, Скрытый космос, vol. 1-4, 1995, 1997, 1999 e 2001, ISBN 5-93345-002-2. Il testo in russo è consultabile, ad esempio, qui: http://militera.lib.ru/db/kamanin_np/index.html

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52234106 · ISNI (EN0000 0000 5816 0139 · LCCN (ENn86123568 · GND (DE108377091 · WorldCat Identities (ENlccn-n86123568