Apri il menu principale

Nimravidae

famiglia di mammiferi carnivori
(Reindirizzamento da Nimravidi)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nimravidae
Hoplophoneus skeleton.jpg
Hoplophoneus
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Nimravidae

I nimravidi (Nimravidae) sono una famiglia di mammiferi carnivori comprendente esclusivamente forme estinte, fossili dell'Eocene, dell'Oligocene e del Miocene.

Indice

Falsi "gatti"Modifica

L'aspetto di questi primitivi carnivori assomiglia moltissimo a quello dei felidi, e difatti nelle vecchie classificazioni questi animali sono spesso noti come "paleofelidi". Il corpo allungato e snello, il cranio molto accorciato e la dentatura ridotta, in effetti, sono analoghi a quelli dei felidi. Le zampe, però, ricordano più i cani, e almeno alcune specie erano plantigrade come gli orsi. Alcune caratteristiche primitive, ad esempio la struttura delle ossa dell'orecchio, sembrerebbero porli vicino all'albero evolutivo dei carnivori. Molti anni fa, i paleontologi solevano dividere il gruppo in due: i nimravidi con i canini allungati avrebbero dato origine alle tigri dai denti a sciabola, mentre i nimravidi dall'aspetto più classico avrebbero dato origine a tutti gli altri felidi. In realtà i felidi primitivi si svilupparono da animali simili a viverridi. I nimravidi, ad ogni modo, forniscono uno straordinario esempio di convergenza evolutiva: si pensi a Dinaelurus crassus, nimravide dell'Oligocene degli Stati Uniti, dal cranio corto estremamente simile a quello di un ghepardo.

ClassificazioneModifica

Attualmente i paleontologi riconoscono due principali sottofamiglie di nimravidi: i nimravini (Nimravinae), dall'aspetto simile a leopardi dal corpo allungato, e gli oplofoneini (Hoplophoneinae), caratterizzati dall'estremo allungamento dei canini superiori. Una terza sottofamiglia, apparsa in epoca posteriore e in passato ritenuta un'evoluzione degli oplofoneini è ora classificata come una famiglia a sé stante (Barbourofelidae) da alcuni autori. Tra i generi principali di nimravidi, da ricordare almeno Dinictis, Nimravus, Eusmilus e Hoplophoneus. Oltre a queste sottofamiglie è nota una forma basale, Maofelis, proveniente dall'Asia e forse ancestrale ai nimravidi più derivati.

Classificazione completaModifica

  • Famiglia: Nimravidae
    • Genere: Maofelis
      • Maofelis cantonensis
    • Sottofamiglia Nimravinae
      • Genere: Dinictis
        • Dinictis cyclops
        • Dinictis felina
        • Dinictis squalidens
      • Genere: Dinaelurus
        • Dinaelurus crassus
      • Genere: Dinailurictis
        • Dinailurictis bonali
      • Genere: Eofelis
        • Eofelis edwardsii
        • Eofelis giganteus
      • Genere: Nimravus
        • Nimravus altidens
        • Nimravus brachyops
        • Nimravus edwardsi
        • Nimravus gomphodus
        • Nimravus intermedius
        • Nimravus sectator
      • Genere: Pogonodon
        • Pogonodon davisi
        • Pogonodon platycopis
      • Genere: Quercylurus
        • Quercylurus major
    • Sottofamiglia Hoplophoninae
      • Genere: Eusmilus
        • Eusmilus bidentatus
        • Eusmilus cerebralis
        • Eusmilus sicarius
      • Genere: Hoplophoneus
        • Hoplophoneus belli
        • Hoplophoneus dakotensis
        • Hoplophoneus occidentalis
        • Hoplophoneus latidens
        • Hoplophoneus mentalis
        • Hoplophoneus primaevus
        • Hoplophoneus robustus

Distribuzione e declinoModifica

I nimravidi conobbero la loro massima diffusione nel corso dell'Oligocene (35 - 22 milioni di anni fa), quando si diffusero per tutta l'Eurasia e il Nordamerica, e divennero tra i principali predatori dell'epoca insieme ai creodonti. Quando i mutamenti climatici e ambientali diedero nuovi impulsi evolutivi alle altre famiglie di carnivori, i nimravidi non riuscirono ad adattarsi abbastanza in fretta e scomparvero nel giro di pochi milioni di anni.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica