Apri il menu principale
Niqmepa
Re di Ugarit
In carica 1320 a.C. –
1270 a.C. circa
Predecessore Arhalba
Successore Ammittamru II
Padre Niqmaddu II
Consorte Ahatmilku
Figli Ammittamru II

Niqmepa (... – 1270 a.C. circa), noto anche come Nicmepa, fu il quarto re di Ugarit, una città stato della Siria del nord. Fu contemporaneo a Mursili II e Hattusili III, re Tabarna ittiti, così come a Horemheb, Ramses I e Seti I, Faraoni d'Egitto.

Indice

RegnoModifica

Il suo regno è ben documentato dai testi cuneiformi trovati nella stessa Ugarit. Fu re per 50 anni (1320–1270 a.C. circa) segnando il suo come uno dei più longevi nella storia della città. Era figlio di Niqmaddu II, e fratello e successore di Arhalba. Arhalba fu re per solo due anni, regno che finì dopo un tentativo fallito di avvicinarsi agli egizi come loro alleato contro gli Ittiti.[1]

Niqmepa fu posto da Mursili II, re Tabarna ittita, dopo aver costretto il re, suo fratello Arhalba, ad abdicare in suo favore [2][1] e fu costretto a firmare un nuovo trattato dichiarando esplicitamente che Ugarit fosse uno stato vassallo degli Ittiti.[1] Il trattato rivela che Niqmepa ebbe un harem, e riferisce che sua moglie e i suoi figli sarebbero ritenuti responsabili nel caso non avesse onorato i suoi obblighi.[3] Contemporaneamente, Ugarit perse il controllo del territorio di Shiyannu a est, dimezzando il territorio controllato da Niqmepa. La secessione fu confermata da Mursili II e Shiyannu fu posta sotto controllo diretto di Carchemish, che era dominata da discendenti di re ittiti come "viceré". Tuttavia, a causa della perdita di Shiyannu, e a richiesta di Niqmepa, il tributo imposto a Ugarit fu ridotto di un terzo. Durante il regno di Niqmepa, Ugarit divenne completamente circondata da aree sotto controllo Ittita.[1]

Niqmepa sposò la principessa Ahatmilku, del Regno di Amurru al sud.[3]

MorteModifica

Dopo un lungo regno di 50 anni come vassallo di quattro successivi re ittiti, a Niqmepa succedette il figlio, il meno noto Ammittamru II.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Amélie Kuhrt, The Ancient Near East, c. 3000-330 BC, Routledge, 1995, p. 309, ISBN 0-415-16763-9.
  2. ^ Wilfred Watson, Handbook of Ugaritic Studies, 1999, p. 637, ISBN 9789004109889.
  3. ^ a b Hennie J. Marsman, Women in Ugarit and Israel: Their Social and Religious Position in the Context of the Ancient Near East, BRILL, 2003, p. 660, ISBN 90-04-11732-6.

Voci correlateModifica