Apri il menu principale
Nissan Figaro
Nissan Figaro Front.jpg
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Nissan Motor
Tipo principale Utilitaria
Produzione nel 1991
Esemplari prodotti 20.000[senza fonte]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3740 mm
Larghezza 1630 mm
Altezza 1365 mm
Passo 2300 mm
Massa 810 kg
Altro
Stile Naoki Sakai
Shoji Takahashi
Stessa famiglia Nissan Micra
Nissan Be-1
Nissan Pao
Nissan S-Cargo
Nissan Figaro Rear.jpg

La Nissan Figaro è un'automobile di piccole dimensioni realizzata dalla casa automobilistica giapponese Nissan Motor nel 1991.

Descrizione generaleModifica

La Figaro, assieme alle precedenti Be-1 e Pao, faceva parte delle cosiddette Pike car, ovvero piccole vetture dalla linea spiccatamente retrò vendute in serie limitata senza il marchio Nissan e realizzate dal gruppo progetti speciali della casa, chiamato appunto Pike Factory.

Le linee, opera del designer Naoki Sakai coadiuvato da Shoji Takahashi, traggono ispirazione da quelle di alcune compact car classiche del passato. In particolare, il corpo vettura ricorda la Datsun Fairlady del 1960, mentre il tetto bianco a contrasto dotato di capote in tela è molto simile a quello della Autobianchi Bianchina cabriolet. Tutte queste caratteristiche, unite all'abbondante presenza di dettagli cromati sulla carrozzeria, conferivano alla Figaro un aspetto particolare ed elegante. I colori disponibili erano quattro: Topaz Mist, Emerald Green, Pale Aqua e Lapis Grey. Ogni tinta simboleggiava una stagione dell'anno.

TecnicaModifica

Così come le altre Pike car, anche la Figaro era basata sulla meccanica della Micra prima serie a tre porte. Il motore era lo stesso 4 cilindri in linea da 987 cm³ presente sulla Be-1 e sulla Pao, ma turbocompresso, in grado di erogare 75 CV di potenza e 106 Nm di coppia motrice a 4.400 giri al minuto, abbinato ad un cambio automatico a tre rapporti.

 
Il badge presente sul cofano della Nissan Figaro

Sviluppo e produzioneModifica

Le origini della Figaro risalgono al salone dell'automobile di Tokyo del 1989, dove il duo Takahashi/Sakai portò nello stand Nissan le concept Chapeau e Figaro. La Chapeau restò un prototipo, troppo bizzarri il parabrezza verticale, i dettagli rosa e il padiglione talmente rialzato da poterci stare dentro in piedi. Diverso fu il destino della Figaro, che fu prodotta in piccola serie. L'intenzione era di realizzarne 8.000 esemplari, ma alla fine uscirono dalla Pike Factory circa 20.000 Figaro, quasi tutte vendute tramite lotterie, dato che il numero delle ordinazioni superava di gran lunga quello delle vetture disponibili[1]. La dotazione di serie comprendeva: ABS, cerchi in lega, climatizzatore, radio con lettore cd, sedili in pelle e tappetini coordinati.

Nonostante la Figaro fosse ufficialmente venduta solo in Giappone, fu in seguito commercializzata anche in Irlanda e nel Regno Unito da importatori paralleli, ottenendo un discreto successo. Tra i proprietari si possono annoverare il calciatore belga Thomas Vermaelen[2], il chitarrista Eric Clapton, il musicista Cassius Khan, la presentatrice televisiva inglese Vanessa Feltz e la principessa Eugenia di York.

NoteModifica

  1. ^ Nissan "Pike", le giapponesi da fumetto, su omniauto.it, 18 dicembre 2011. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  2. ^ (EN) Thomas Vermaelen urged to ditch his old banger by Arsenal captain Robin Van Persie, su metro.co.uk, 18 ottobre 2011. URL consultato il 24 gennaio 2017.

Altri progettiModifica

  Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili