Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio, vedi Noël (nome).
Noelia
Noelia Cropped.jpg
NazionalitàPorto Rico Porto Rico
GenereDance pop
Pop latino
Pop
Musica leggera
Electro
Periodo di attività musicale1999 – in attività
EtichettaFonovisa, EMI, Pink Star Music[1]
Album pubblicati9
Studio7
Live0
Raccolte2

Noelia, nome d'arte di Noelia Lorenzo Monge (San Juan, 31 agosto 1979), è una cantante e attrice portoricana.

Durante la sua carriera ha pubblicato numerosi singoli entrati in Latin Billboard Top 40 e ha venduto oltre 4 milioni di CD in tutto il mondo.[2]

Noelia ha mostrato interesse per la musica sin da bambina. Nel 1998 ha cominciato a lavorare al suo primo omonimo album, uscito poi nel 1999 dal quale sono poi stati estratti il primo singolo Tu, il secondo singolo Toco La Luz e il terzo singolo, la hit mondiale Candela sua canzone più conosciuta e tormentone estivo nel 2001.[3]

Successivamente ha pubblicato diversi altri album per l'etichetta Fonovisa e ancora per la EMI e per la Pink Star Music.[1]

Nel 2013 esce la versione di Mind Blown su Urbanlife Records, con il remix di Bsharry che arriva alla prima posizione su iTunes per due settimane.

DiscografiaModifica

AlbumModifica

SingoliModifica

  • 1999 -
  • 1999 - Te amo
  • 1999 - Candela
  • 1999 - Toco La Luz
  • 2000 - Ni una làgrima màs
  • 2001 - Golpendo fuerte
  • 2002 - Beyond All Superstitions (Per il mercato europeo)
  • 2003 - Clávame Tu Amor
  • 2003 - Ya No Eres El Mismo
  • 2003 - Enamorada
  • 2004 - Melao
  • 2004 - Perdoname
  • 2006 - Cómo Duele (Barrera de Amor)
  • 2006 - Enamorada de Ti (Remix)
  • 2007 - Te Seguiré
  • 2007 - Nada,Nada de ti
  • 2008 - Caribbean Queen Reloaded
  • 2009 - Estuve a punto de llorar
  • 2012 - Kiss Me!
  • 2013 - Mind Blown (Bsharry Remix)
  • 2017 - A Volar

TourModifica

NoteModifica

  1. ^ a b emusic, Noelia, su emusic.com.
  2. ^ Noelia, la "bomba sexy". Gossip e milioni di dischi, "Corriere della Sera" del 29 giugno 2007, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 17-11-2009.
  3. ^ Portoricano il ballo-tormentone dell'estate, "Corriere della Sera" del 19 giugno 2001, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 17-11-2009.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN60906765 · ISNI (EN0000 0000 3403 6475 · LCCN (ENn2002076287 · WorldCat Identities (ENn2002-076287