Apri il menu principale

Non perdiamo la testa

film del 1959 diretto da Mario Mattòli
Non perdiamo la testa
Non perdiamo la testa.jpg
Paese di produzioneItalia
Anno1959
Durata94 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaMario Mattoli
SoggettoGiulio Scarnicci, Renzo Tarabusi
SceneggiaturaGiulio Scarnicci, Renzo Tarabusi
ProduttoreBruno Vailati
Casa di produzioneGalatea Film
Distribuzione in italianoLux Film
FotografiaGábor Pogány
MontaggioRoberto Cinquini
MusicheRoberto Nicolosi
ScenografiaPiero Filippone
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Non perdiamo la testa è un film del 1959 diretto da Mario Mattoli.

TramaModifica

L'ingenuo Tony viene avvicinato da una gentile signora, membro di un prestigioso comitato di beneficenza, che lo invita nella sua lussuosa villa in campagna. Il motivo dell'invito e delle cerimonie che le donne del comitato gli riserbano è che credono erroneamente che sia stata trovata in lui una malattia rarissima e dato che gli rimarrebbe poco tempo da vivere, vogliono fargli passare in modo lieto i suoi ultimi giorni.

In realtà Tony è sano come un pesce, ma decide di fare la sua parte e di godersi i piaceri di una bella villa e di una servitù sempre pronta a intervenire.

Nella casa Tony fa amicizia non solo con la cameriera Violante, di cui si innamora perdutamente, ma anche con il fratello della nobildonna: un maniaco studioso di crani umani che vorrebbe impossessarsi anche di quello del giovane.

Tuttavia Tony non si accorge che la magione ospita una banda di falsari (maggiordomo e alcuni camerieri) e che quindi si potrebbe cacciare in grossi guai. Infatti presto la polizia raggiunge la villa ad arrestare i malviventi mentre Tony, scagionato da Violante, viene lasciato libero. Così dopo che le donne del comitato vengono finalmente a sapere che egli non è realmente malato, può tornare a casa accompagnato da Violante stessa, nel frattempo divenuta la sua fidanzata.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema