Apri il menu principale

Nonsolomoda

Nonsolomoda
Nonsolomoda.jpg
PaeseItalia
Anno1984-2012
Genererotocalco, moda, costume, artistico
Durata75 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreDal 1984 al 1995 vari, poi:
RegiaLuca Pasquero
Rete televisivaRete 4 (1984-1985)
Canale 5 (1985-2012)

Nonsolomoda è stato un rotocalco televisivo di Canale 5, nato da un'idea di Fabrizio Pasquero, storico autore di Mediaset.

Il programmaModifica

Era uno dei programmi più longevi di Mediaset in onda, dal 1984 fino al 1985 su Rete 4 e poi su Canale 5 fino al 2012. Così come dice il titolo, la moda non è che uno dei tanti argomenti trattati dal programma: si parla infatti anche di arte, architettura, viaggi, nuove tecnologie, approfondimenti sul mondo del cinema, della televisione, della pubblicità e dei motori, con un particolare riguardo nei confronti di usi, costumi e tendenze della vita quotidiana.

La prima puntata del programma andò in onda su Retequattro, giovedì 19 aprile 1984 alle 22:15.[1]

I servizi presentati nella trasmissione sono caratterizzati da un taglio dinamico ed elegante e dall'originalità delle scelte musicali che fanno da sottofondo ai servizi, rendendoli simili a videoclip.[2] Il programma è stato tuttavia accusato di realizzare pubblicità redazionale tramite servizi su prodotti da sponsorizzare; tuttavia, ciò non è mai stato verificato.[2]

La collocazione "storica" del programma era la seconda/terza serata della domenica, anche se per alcuni periodi è stato trasmesso al giovedì e al martedì. Dal gennaio 2011, invece, dopo ben 27 anni di trasmissione, abbandona la fascia notturna per inserirsi in quella del mezzogiorno, nella giornata del Sabato[3], ma dalla seconda puntata stagionale, tuttavia, torna nella sua abituale fascia oraria nella giornata del martedì. La voce che fin dall'inizio commenta i servizi è quella di Daniele Sassi, già speaker istituzionale di RDS. Fonico dal 1989 al 1994 è stato Adriano Pedersoli.

La conduzione è affidata tradizionalmente a volti femminili della televisione italiana: dal 1995 si sono succedute Roberta Capua,[4] Afef,[5] Vanessa Incontrada e Michelle Hunziker. Dal 2002 al 2009, per ben sette anni consecutivi, il rotocalco è stato condotto da Silvia Toffanin, che dal febbraio 2010, dopo alcuni mesi di assenza del programma dai palinsesti, ha lasciato la conduzione a Valeria Bilello. Nell'ottobre del 2011, la conduzione della trasmissione viene affidata all'attrice Samya Abbary.[6] Il programma termina definitivamente nell'autunno 2012 venendo sostituito da X-Style.

Nel 2012 va in onda L'Italia che funziona, uno spin-off affidato alla conduttrice elvetica Xenia Tchoumitcheva[7].

NoteModifica

  1. ^ pag.12 de L'Unità del 19/4/1984, vd. Archivio Storico Unità [1] Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive..
  2. ^ a b "Nonsolomoda" ovvero "Solosponsor", in Corriere della Sera, 9 agosto 1996, p. 26. URL consultato il 20 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2009).
  3. ^ Canale 5, da domani "Nonsolomoda" si sposta al mezzogiorno [collegamento interrotto], in Virgilio, 21 gennaio 2011. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  4. ^ Rispoli svela l'erede di Melba. È la Capua, Miss Italia 1986, in Corriere della Sera, 9 agosto 1996, p. 26. URL consultato il 20 settembre 2010.
  5. ^ Emilia Costantini, Afef: io sono selvaggia, Milly era costruita, in Corriere della Sera, 11 novembre 1999, p. 37. URL consultato il 20 settembre 2010.
  6. ^ Rispoli svela l'erede di Melba. È la Capua, Miss Italia 1986, in Corriere della Sera, 9 agosto 1996, p. 26. URL consultato il 20 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2013).
  7. ^ Xenia Tchoumitcheva l'Italia che funziona: foto e video dal set - Racing

BibliografiaModifica