Nova Gorica

città slovena
Disambiguazione – Se stai cercando il comune città di Nova Gorica, ente amministrativo in cui ricade l’insediamento omonimo, vedi Nova Gorica (comune).

Nova Gorica (pronuncia slovena [ˈnɔːva ɡɔˈriːʦa][2] ascolta; letteralmente Nuova Gorizia; in friulano Gnove Gurize[3]) è il principale insediamento, di 12 968 abitanti, della Slovenia appartenente alla regione statistica del Goriziano: ricade nel territorio del comune città di Nova Gorica (Mestna občina Nova Gorica) e ne è capoluogo comunale, rappresentando la controparte slovena di Gorizia, città posta sul confine tra l'Italia e la Slovenia.

Nova Gorica
insediamento
Nova Gorica – Stemma
Nova Gorica – Bandiera
Nova Gorica – Veduta
Nova Gorica – Veduta
Veduta di Nova Goricia e Salcano
Localizzazione
StatoBandiera della Slovenia Slovenia
Regione statisticaGoriziano
ComuneNova Gorica
Territorio
Coordinate45°58′N 13°39′E
Altitudine92 m s.l.m.
Superficie309 km²
Abitanti12 968[1] (2018)
Densità41,97 ab./km²
Insediamenti confinantiGorizia (ITA), Salcano (Solkan), Prestava (Pristava), Valdirose (Rožna Dolina), Moncorona (Kromberk)
Altre informazioni
Cod. postale5000
Fuso orarioUTC+1
TargaGO
Nome abitanti(SL) Novogoričani
Provincia storicaLitorale
Cartografia
Mappa di localizzazione: Slovenia
Nova Gorica
Nova Gorica
Sito istituzionale

È stata scelta per essere capitale europea della cultura nel 2025, in coppia con la confinante Gorizia, insieme a Chemnitz.

Geografia fisica

modifica

Nova Gorica fu costituita allo scopo di ridare un baricentro amministrativo all'area territoriale circostante annessa alla Jugoslavia con il trattato di Parigi del 1947, in quanto veniva a mancare il ruolo naturale che era stato svolto dalla città di Gorizia, rimasta in territorio italiano. Lo sviluppo urbanistico e demografico fu rapido e notevole soprattutto negli anni cinquanta e sessanta con la realizzazione di vasti quartieri di edilizia popolare.

Gorizia e Nova Gorica, in precedenza separate dal confine di stato italo-jugoslavo e poi italo-sloveno, sono di fatto unite dal 21 dicembre 2007, giorno in cui la Slovenia è entrata nell'area del trattato di Schengen, che ha comportato la definitiva caduta delle barriere doganali e la rimozione delle recinzioni alla frontiera. Le due città sono comunque molto diverse, essendo il centro sloveno praticamente privo di edifici storici: l'unico edificio di rilievo del centro cittadino è la stazione ferroviaria che è posta sulla linea transalpina. Dall'inizio del 2010, a coronamento di un percorso di riavvicinamento che dura da anni, i tre comuni confinanti di Nova Gorica, Gorizia e San Pietro-Vertoiba hanno siglato l'accordo di costituzione del GECT (Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale), per implementare e concordare più facilmente la collaborazione e lo sviluppo transfrontaliero.

Monumenti e luoghi d'interesse

modifica

Nova Gorica è stata edificata integralmente a partire dal dopoguerra seguendo gli schemi architettonici dei quartieri popolari sovietici, con grandi palazzine in cemento a vista che hanno contribuito a creare un insediamento urbano freddo e anonimo. Negli anni successivi all'indipendenza slovena sono sorti vari casinò, meta di molti giocatori italiani. Nelle vicinanze sul colle della Castagnevizza (in sloveno Kostanjevica) sorge l'omonimo monastero francescano; nella cripta della chiesetta annessa al monastero sono custodite le tombe del re Carlo X di Francia e di alcuni dei suoi parenti. Altri monumenti degni di menzione sono il ponte ferroviario di Salcano nel borgo omonimo subito a nord del centro, il santuario di Monte Santo ed il castello dei conti Coronini, posto su una collina ad est, nella frazione di Moncorona.

Architetture religiose

modifica

Architetture civili

modifica
 
La stazione Transalpina e l'omonimo piazzale fotografati nel 2018. Al centro sul selciato è visibile la targa tonda che marca il confine italo-sloveno.

Architetture militari

modifica

Aree naturali

modifica

Società

modifica

Etnie e minoranze straniere

modifica

La conoscenza della lingua italiana è molto diffusa, nonostante la minoranza italofona, autoctona e no, sia da tempo ridotta ai minimi termini e non sia stabilito alcun riconoscimento e tutela ufficiale per l'italiano (che è comunque insegnato come seconda lingua straniera in alcuni istituti superiori); secondo l'ultimo censimento le persone che si dichiarano di madrelingua italiana sono 98[4].

% Ripartizione linguistica (gruppi principali)[5]
0,98% madrelingua bosniaca
1,49% madrelingua croata
0,27% madrelingua italiana
2,13% madrelingua serbo-croata
88,50% madrelingua slovena
2,10% madrelingua serba

Infrastrutture e trasporti

modifica

La città è servita dalla Stazione di Nova Gorica, posta sulla Ferrovia Transalpina (Jesenice-Trieste) e capolinea della linea Nova Gorica-Gorizia.

Il ND Gorica è la massima associazione calcistica cittadina e milita nel campionato sloveno di calcio (Prva slovenska nogometna liga). Il KMN Gorica è la squadra di calcio a 5.

Lo stadio Športni Park, costruito nel 1947, è sede del ND Gorica. Ha una capienza di 3.066 posti ed è utilizzato nella 1. SNL.

  1. ^ Statistiche slovene, su stat.si.
  2. ^ (DE) Max Mangold, Duden Aussprachewörterbuch, a cura di Franziska Münzberg, 6ª ed., Mannheim, Bibliographisches Institut & F.A. Brockhaus AG, 2006, p. 588, ISBN 3-411-04066-1.
  3. ^ (FUR) Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan, su arlef.it.
  4. ^ Censimento Slovenia 2002
  5. ^ Censimento Slovenia 2002

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN140723757 · SBN URBL000595 · LCCN (ENn81005151 · GND (DE4306185-0 · J9U (ENHE987007566721105171