Apri il menu principale

Il Number One (chiamato usualmente Number) è una discoteca multisala di Corte Franca, in provincia di Brescia, nota per la sua influenza nella club-culture italiana degli anni 90[1].

Indice

Il locale dell'impossibileModifica

Nel logo utilizzato per l'insegna e per i flyer compariva abitualmente, sotto il nome "Number One", la dicitura "Il locale dell'impossibile". La discoteca, a causa delle sue peculiarità, rimase vittima di questo appellativo.

StoriaModifica

Il locale fu costruito all'inizio degli anni '80 per volere dell'imprenditore bresciano Mario Basalari. Dapprima furono suonati generi musicali come italodisco e house per poi passare agli stili elettronici più duri quali l'acid-house, la techno e i suoi derivati ma rimase contemporaneamente una sala da ballo per orchestre di musica leggera e per eventi di altro tipo. All'inizio degli anni '90 il locale suonava musica proveniente dalla cultura techno del Nord e Centro Europa (che si stava imponendo in paesi come Belgio, Germania, Paesi Bassi), poco conosciuta Italia. Fu il dj resident Claudio Lancinhouse (semplicemente "Claudio") che, dopo un viaggio in Olanda, propose generi come la techno, la trance e l'hardcore[2].

Nel 1999 fu al centro di un caso di cronaca nera a causa della morte di un ragazzo dovuta all'assunzione di sostanze stupefacenti che richiamò l'attenzione mediatica portando alla chiusura del locale, nonostante la povera vittima non avesse assunto la sostanza killer nel locale bensì in un oratorio nelle vicinanze.[3]

Il Number One nella cultura di massaModifica

Il locale fu un luogo dove vennero ribaltati i canoni delle classiche discoteche e della trasgressione giovanile della prima metà degli anni 90[1]. Fulcro di questo cambiamento fu la musica suonata nella sala imperiale (sala 2) che partendo dalla dance di inizio serata passava alla techno, alla trance e all'hardcore; il pubblico iniziò ad apprezzare sempre più quest'ultima identificando nel Number One questo genere, il che portò ad avere serate tematiche.

Lista degli eventi storici principaliModifica

  • Hardcore Warriors
  • Ravestorm
  • D-day Progressive
  • Thunderdome in Italy

La musica hardcoreModifica

Tra i frequentatori del Number One si identificava la musica Hardcore erroneamente con il termine "Techno acida" per via della cassa distorta o "Rotterdam" per la provenienza della stessa, vista l'influenza sul genere del dj olandese Paul Elstak; quest'ultimo una sera diede al locale l'appellativo "Lancin-house" in onore al dj resident Lancini (che da qui ne trarrà il suo nome d'arte). Se inizialmente la sala 2 ospitava spesso disk-jockey del bresciano e del bergamasco, in poco tempo furono contattati i migliori DJ europei e americani per partecipare alle serate evento a cadenza mensile denominate "Hardcore Warriors".

La sala 2Modifica

La sala imperiale è l'ambiente più popolare del Number One. Comparvero i primi gabber sulla falsariga di quelli olandesi e si formò una sottocultura denominata "Hardcore Warriors" caratterizzato da durezza estetica e caratteriale che culminava nel rito di fine serata con il disco di chiusura per questo rinominato "pogo".

Gli Hardcore WarriorsModifica

I clienti del Number One furono influenzati dal lifestyle dei frequentatori italiani ed europei quindi caratterizzati da abbigliamento e pettinature stravaganti e colorati, zeppe e piercing. Progressivamente il pubblico più assiduo fu preda di una gara all'outfit più estremo portando come conseguenza l'esasperazione di alcune caratteristiche quali il trucco, la pettinatura, gli accessori e il modo di ballare, quindi presero il nome "Warriors" spunto che viene dal nome dalle serate "Hardcore Warriors" per il fatto di indossare una divisa metaforica in un ipotetico esercito pronto a combattere al suono dell'Hardcore. Con la popolarità dello stile gabber gli "Warriors" si imposero come sottocultura in un bipolarismo che etichetta tuttora in queste categorie i frequentatori della sala 2.[4]

La sala 1Modifica

La sala dello zodiaco è il primo ambiente che si incontra provenendo dall'ingresso principale del locale. Musicalmente è la sala che ospita le orchestre e i dj dance popolari. In ambito elettronico i generi che l'hanno caratterizzata negli anni furono la techno-trance e la progressive. Analogamente alla sala 2 anche la sala 1 divenne un luogo di interesse per i frequentatori attratti dalla selezione musicale del Dj Giorgio Martini che negli anni ha portato alla creazione di serate evento denominate "D-day progressive". Dal 2015 la sala 1 è tornata molto in voga grazie alla musica EDM che rende il Number One uno dei locali Italiani più importanti sotto l'ambito di questo genere musicale. A cavallo del 2015 e 2016 sono infatti arrivati al Number ospiti dj del calibro di: Dimitri Vegas & Like Mike, Steve Aoki, Axwell, Alesso, Nervo, R3hab, W&W, Bassjackers, DVBBS, Tujamo, Vinai, Tigerlily, Juicy M, Nicky Romero e molti altri.

ArchitetturaModifica

Il locale è caratterizzato da materiali quali marmo e granito, le tre sale interne furono dotate di impianti luci all’avanguarida tanto che il soffitto della sala 2 ruota generando tre diverse opzioni di copertura della pista. Nei giardini c'è un anfiteatro romano e una pista che ricopre la ex piscina. Nello spazio sopra la sala 2 è presente una quarta pista interna che al tempo di costruzione fu dapprima un american bar esterno, poi un pub con ingresso autonomo chiamato "Last time".

CuriositàModifica

All'esterno del parcheggio vi è una struttura che fu un locale indipendente denominato "Number In" (erroneamente chiamato Numberino da molti); comprendeva una piccola pista da ballo a piano terra e delle piste da bowling al primo piano, l'esterno era caratterizzato da una riproduzione della parte superiore della statua della libertà. Il locale era raggiungibile da un cancello con orari di esercizio collaterali al Number One, fu chiuso nel 1996.

NoteModifica