Nunziatura apostolica a Napoli

Nunziatura apostolica nel Regno di Napoli
Emblem of the Holy See usual.svg
Paese accreditanteStato Pontificio Stato Pontificio
Paese accreditatarioRegno di Napoli
IstituzioneXIV Secolo
Soppressione1860
SedeNapoli

La nunziatura apostolica a Napoli o nunziatura apostolica nel Regno di Napoli (nell'Ottocento Nunziatura apostolica nel Regno delle Due Sicilie) è stata una rappresentanza diplomatica permanente della Santa Sede nel Regno di Napoli prima e nel Regno delle Due Sicilie poi. La sede era a Napoli, nel Palazzo del Nunzio Apostolico, in via Toledo, 352. La nunziatura era retta da un diplomatico, detto nunzio apostolico a Napoli, che aveva il rango di ambasciatore.

StoriaModifica

Nel corso soprattutto del Seicento e per la prima parte del Settecento, gran parte dei nunzi apostolici a Napoli vennero prescelti tra il clero locale o proveniente da stati sottoposti al dominio degli spagnoli.

I nunzi apostolici a Napoli, soprattutto nel XVII secolo, ebbero sempre ruoli di predominanza politica e addirittura tra questi due furono nominati pontefici: Innocenzo X e Clemente X.

L'ultimo nunzio apostolico fu Pietro Giannelli che chiuse la nunziatura il 6 settembre 1860, lo stesso giorno in cui il re con la sua corte lasciava Napoli per Gaeta.

Lista dei nunzi apostoliciModifica

XIV-XV secoloModifica

XVI secoloModifica

XVII secoloModifica

XVIII secoloModifica

XIX secoloModifica

NoteModifica

  1. ^ Biagio Aldimari, Memorie Historiche di alcune famiglie nobili così napoletano, come forastiere, Napoli, GIACOMO RAILLARD, 1691, p. 396 397.

FontiModifica