Nuova Rivista degli Scacchi

Nuova Rivista degli Scacchi
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàmensile
Genereperiodico di scacchi
Fondazione1875
Chiusura1903
SedeLivorno
 

La Nuova Rivista degli Scacchi è stato un periodico mensile di scacchi edito a Livorno dal settembre 1875 al marzo 1903.[1]

La rivista venne fondata grazie al contributo finanziario del ricco commerciante livornese Luca G. Mimbelli. Tra i collaboratori spiccano i nomi di Serafino Dubois, Luigi Centurini, Giovanni Battista Valle, Cyril Bexley Vansittart, Carlo Salvioli, Amerigo Seghieri, Achille Campo, Luigi Mussini, Fermo Zannoni.

La rivista aveva una sezione dedicata alla problemistica e organizzò diversi concorsi internazionali. Il primo concorso, del 1876, prevedeva l'invio di tre problemi: uno di matto in due mosse, uno di matto in tre e uno di matto in quattro. La commissione giudicatrice era diretta dall'avvocato e compositore Luigi Centurini di Genova. Il primo premio andò a Franz Schrüfer di Bamberg, il secondo a Konrad Bayer di Olomouc e il terzo allo spagnolo Aurelio Abela de la Torre. Primo degli italiani si classificò il famoso pittore senese Luigi Mussini.[2]

Ebbe un ruolo notevole nella diffusione del gioco per corrispondenza in Italia. Nel numero di ottobre 1875 si legge:

« Per aumentare l'interesse e il diletto che desta nei suoi cultori il giuoco degli scacchi, e per rendere maggiori e più strette le relazioni fra i vari dilettanti d'Italia, molti fra i quali si conoscono a mala pena di nome, crediamo che non vi sia miglior mezzo di questo delle partite giuocate per corrispondenza. » [3]

DirettoriModifica

NoteModifica

  1. ^ Dizionario enciclopedico degli scacchi, p. 431
  2. ^ Storia degli scacchi in Italia, p. 213
  3. ^ A. Chicco e A. Rosino: Storia degli scacchi in Italia, Marsilio, Venezia 1990, p. 416.

BibliografiaModifica