Apri il menu principale
OS X El Capitan
Logo
OS X El Capitan screenshot.png
SviluppatoreApple Inc.
Famiglia SOUnix, BSD
Release iniziale10.11 (30 settembre 2015; 4 anni fa)
Release corrente10.11.6 (18 luglio 2016; 3 anni fa)
Tipo di kernelKernel Ibrido
Piattaforme supportateIntel x86-64
Metodo di aggiornamentoApp Store
Interfacce graficheAqua
Tipologia licenzaSoftware proprietario
LicenzaAPSL e Apple EULA
Stadio di sviluppoSupporto esteso
PredecessoreOS X Yosemite
SuccessoremacOS Sierra
Sito webOS X - Panoramica - Apple (IT) in Internet Archive (archiviato il 27 agosto 2016).

OS X 10.11 "El Capitan" (dall'omonima montagna nel parco di Yosemite) è la dodicesima versione del sistema operativo macOS sviluppato dalla Apple Inc.. È stato presentato ufficialmente al pubblico da Craig Federighi l'8 giugno 2015 a San Francisco, durante l'evento Apple WWDC[1].

La distribuzione della nuova versione è iniziata il 30 settembre 2015[2].

Caratteristiche principaliModifica

Una delle modifiche principali a livello di sistema è l'introduzione delle librerie Metal, che consentono di migliorare la gestione della grafica, ottimizzando l'interazione tra la CPU principale e il processore grafico. Secondo Apple, questa tecnologia permette un incremento della velocità di rendering fino al 50%[2] e un aumento di efficienza fino al 40%[2].

Un'altra nuova funzionalità di sistema è il supporto della modalità split view[2], che visualizza affiancate a schermo intero due applicazioni in esecuzione a scelta, con la possibilità di ritornare in qualsiasi momento alla modalità di visualizzazione ordinaria della scrivania.


Per quanto riguarda le applicazioni fornite col sistema, al client di posta Mail è stato implementato il supporto delle schede (tab), una gestione migliorata della modalità a schermo intero, un potenziamento del sistema di completamento automatico del testo e il supporto di nuovi comandi gestuali[2].

Il browser Safari supporta una nuova modalità aggiuntiva di gestione dei siti preferiti, con il meccanismo del pinning, la possibilità di silenziare l'audio a livello del singolo tab di visualizzazione e un'interazione migliorata con la Apple TV per lo streaming di contenuti video direttamente da web[2]. Sono state potenziate inoltre altre applicazioni come Note, Foto e Mappe, con l'aggiunta a quest'ultima dei dati relativi alle reti di trasporto pubbliche[2].

Sono state inoltre introdotte nuove famiglie di caratteri per la lingue cinese e giapponese e, per quest'ultima, dei miglioramenti al metodo di scrittura[2].

Per quanto riguarda gli strumenti di sviluppo, il sistema estende il supporto alla codifica di applicazioni tramite il linguaggio Swift 2.0[2].

Per quanto riguarda la sicurezza, Apple ha attivato da OS X El Capitan in poi una nuova funzione di protezione chiamata System Integrity Protection, anche detta rootless. Questo strumento è volto a prevenire che eventuale codice maligno o compromesso possa essere installato, intenzionalmente o accidentalmente, in OS X[3].

VersioniModifica

Requisiti minimi di sistemaModifica

Requisiti minimi di sistema per OS X El Capitan
Memoria (RAM) 2 GB
Scheda video OpenGL 4.3[4]
Bluetooth 4.0 Low Energy[5]
Spazio libero su disco fisso 8 GB
Sistema operativo Mac OS X 10.6.8[6]

Dispositivi supportatiModifica

  • iMac (Metà 2007 e successivi)
  • MacBook (13″ Alluminio, Late 2008), (13 pollici, inizio 2009 e successivi)
  • MacBook Pro (13 pollici, metà 2009 e successivi), (15 pollici, Metà\Fine 2007 e successivi)
  • MacBook Air (fine 2008 e successivi)
  • Mac mini (inizio 2009 e successivi)
  • Mac Pro (inizio 2008 e successivi)
  • Xserve (inizio 2009)

NoteModifica

  1. ^ Apple WWDC Giugno 2015, su apple.com. URL consultato il 9 giugno 2015 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2015).
  2. ^ a b c d e f g h i Preview di El Capitan Archiviato il 24 giugno 2015 in Internet Archive. dal sito ufficiale Apple
  3. ^ Chiavetta TIM non funzionante dopo aggiornamento El Capitan - TecNews, su TecNews. URL consultato il 28 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  4. ^ Necessario per poter usufruire delle librerie Metal
  5. ^ Necessario per poter eseguire il download e l'installazione tramite App Store
  6. ^ Necessario per poter eseguire Continuity

Collegamenti esterniModifica

  Portale Apple: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Apple