Apri il menu principale
OTO Mod. 35
OTO35 manuale.jpg
TipoBomba a mano a frammentazione, offensiva
OrigineItalia Italia
Impiego
UtilizzatoriItaliaRegio Esercito
ConflittiSeconda guerra mondiale
Produzione
CostruttoreOdero-Terni-Orlando
Entrata in servizio1935
Descrizione
Peso150 g
Altezza75 mm
Diametro50 mm
Tiro utile20 m
CaricaTrinitrotoluene
Peso della carica36 g
SpolettaA percussione all'impatto
www.Talpo.it
voci di granate presenti su Wikipedia

La OTO Mod. 35 è una bomba a mano in dotazione al Regio Esercito durante la seconda guerra mondiale.

Indice

DescrizioneModifica

Entrata in servizio nel 1935, la OTO Mod. 35, insieme alla SRCM Mod. 35 ed alla Breda Mod. 35 rappresentavano la nuova generazione di bombe a mano con le quali il Regio Esercito affrontò la seconda guerra mondiale. È una bomba a mano di tipo offensivo, costituita da un corpo bomba di alluminio verniciato di rosso contiene 36grammi di tritolo che al momento dell'esplosione frammentano una sfera di piombo contenente pallini di piombo[1].

Il O.T.O. è la più semplice dei tre tipi di Mod.35. La spoletta è composta da una palla di piombo tenuta tra un tappo a forma di cono e un detonatore a molla. Una caratteristica interessante è la struttura dei frammenti che vengono proiettati, è un complesso di pallini di piombo avvolto tra di loro, destinato dai progettisti a rompersi al momento della detonazione. Dal momento che la granata era di tipo offensivo, i progettisti non vollero avere schegge della bomba proiettate lontano dal punto previsto della detonazione, poiché potevano ferire il lanciatore. Questo è il motivo per cui la palla si deve rompere in piccole parti al momento della detonazione[2]. La capsula interna contiene l'esplosivo e un tubo di innesco/detonatore. Un filo sottile ad anello blocca le due metà della bomba in un luogo specifico, che fissa la lunghezza complessiva, in modo da non legare le parti interne.

Uso OperativoModifica

Per utilizzarla, si strappa la linguetta con la striscia di sicurezza, appena prima di lancio, si sbloccano la leva di sicurezza. Quando gettato la leva era di catturare l'aria ed essere tirato dal granata, rimuovendo la barra di sicurezza di tra il percussore e l'innesco. La OTO era una granata adatta a terreni aperti, in quanto era necessario trascorresse una certa quantità di tempo e venisse lanciata ad una distanza minima per consentire al meccanismo di funzionare correttamente.

NoteModifica

  1. ^ Descrizione della bomba su Talpo.it, su talpo.it. URL consultato il 29 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2016).
  2. ^ Descrizione della bomba su inert.net, su inert-ord.net.

BibliografiaModifica

  • Le armi e le artiglierie in servizio di F. Grandi, 1938.
  • Enciclopedia delle armi, Melita Editori, La Spezia 1995.
  • Dizionario delle armi di Letterio Musciarelli, Milano 1978.
  • Armi della fanteria italiana nella seconda guerra mondiale di Nicola Pignato, 1978.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra