Apri il menu principale

Octave Lapize

ciclista su strada, ciclocrossista e pistard francese
Octave Lapize
Octave Lapize 1913.jpg
Octave Lapize nel 1913
Nazionalità Francia Francia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista, ciclocross
Ritirato 1914
Carriera
Squadre di club
1909Biguet-Dunlop
1910Alcyon-Dunlop
1911-1914Template:Ciclismo La Française
Nazionale
1908 Francia Francia
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Londra 1908 100 km
 

Octave Lapize (Montrouge, 24 ottobre 1887Pont-à-Mousson, 14 luglio 1917) è stato un ciclista su strada, ciclocrossista e pistard francese. Professionista dal 1909 al 1914, vinse tre Parigi-Roubaix e un Tour de France.

Lapize impegnato nella scalata del Tourmalet, Tour de France 1910

CarrieraModifica

(FR)

«Vous êtes des assassins ! Oui, des assassins !»

(IT)

«Voi siete degli assassini ! Sì, degli assassini !»

(Octave Lapize si rivolse così agli organizzatori del Tour in cima al Tourmalet, nel 1910. In quell'occasione avvenne infatti la prima scalata del Tourmalet al Tour de France e Lapize fu il primo corridore ad arrivare in cima[1][2])

Lapize si fece notare già da dilettante, vincendo il titolo francese sia su strada che nel ciclocross. Divenuto professionista nel 1909, dimostrò attitudine per le gare in linea, che gli permise di ottenere risultati di rilievo: insieme a Francesco Moser, infatti, è finora l'unico atleta che è stato in grado di vincere la Parigi-Roubaix per tre anni consecutivi (dal 1909 appunto al 1911). Realizzò altre due triplette ai Campionati nazionali e alla Parigi-Bruxelles (entrambe dal 1911 al 1913 e si aggiudicò anche la Parigi-Tours nel 1911.

Un posto nella leggenda di questo sport e che lo annovera di diritto tra i protagonisti del ciclismo eroico glielo regalò sicuramente il Tour de France 1910: un Tour che si presentava molto più duro del solito, per il fatto di proporre per la prima volta nel percorso le salite dei Pirenei, come l'Aspin, il Peyresourde e il Tourmalet. Ingaggiò subito una battaglia con i due principali candidati alla vittoria, ossia François Faber e Gustave Garrigou, che erano terminati rispettivamente primo e secondo in classifica finale nell'edizione precedente. Proprio sui Pirenei Lapize si rese protagonista: nella tappa che si concludeva a Bayonne riuscì a far fronte a dei problemi meccanici che lo costrinsero a percorrere a piedi tutta la discesa del Tourmalet ma, nonostante ciò, riuscì a raggiungere il traguardo vittorioso. La durezza del percorso però venne ritenuta da lui eccessiva tanto che, proprio alla fine di quella tappa, definì senza mezzi termini degli assassini gli organizzatori della corsa. Riuscito a strappare la leadership a Faber nella terz'ultima frazione, giunse vincitore a Parigi dopo aver ottenuto quattro vittorie di tappa. Negli anni seguenti invece non riuscì a ripetersi e come accennato ottenne i risultati migliori nelle gare in linea.

Nel 1914, con lo scoppio della prima guerra mondiale, decise di arruolarsi come volontario e partì per il fronte. Perse la vita durante un conflitto aereo il 14 luglio 1917 all'età di 29 anni.

PalmarèsModifica

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

1909: ritirato (5ª tappa)
1910: vincitore
1911: ritirato (4ª tappa)
1912: ritirato (9ª tappa)
1913: ritirato (3ª tappa)
1914: ritirato (10ª tappa)

Classiche monumentoModifica

1909: vincitore
1910: vincitore
1911: vincitore
1912: 4º

Competizioni mondialiModifica

Londra 1908 - Tandem: 7º
Londra 1908 - 20 km: 5º
Londra 1908 - 100 km: 3º

RiconoscimentiModifica

  • Inserito tra le Gloires du sport

NoteModifica

  1. ^ John Carlin, Summit or nothing, London, Guardian, 1º giugno 2003. URL consultato il 22 luglio 2010.
  2. ^ Tourmalet, siamo alla resa dei conti, in repubblica.it.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN4634639 · ISNI (EN0000 0000 5349 2732 · LCCN (ENno2004011006 · BNF (FRcb144661142 (data) · WorldCat Identities (ENno2004-011006