Octineon

genere di celenterato antozoo dell'ordine Actiniaria
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Octineon
117074 octineon-suecicum.jpg
Octineon suecicum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Radiata
Phylum Cnidaria
Classe Anthozoa
Sottoclasse Hexacorallia
Ordine Actiniaria
Sottordine Enthemonae
Superfamiglia Metridioidea
Famiglia Octineonidae Fowler, 1894
Genere Octineon Moseley in Fowler, 1894
Sinonimi

Ammodiscus

Specie

Octineon Moseley in Fowler, 1894 è un genere di celenterato antozoo nella superfamiglia Metridioidea dell'ordine Actiniaria. È l'unico genere della famiglia Octineonidae .[1]

DescrizioneModifica

Octineon ha una base a forma di disco piatto com un ampio pedale senza muscoli basilari e corpo conico, la cui parte superiore è spesso sollevata come un cilindro da quella inferiore. La colonna è divisibile in scapus e scapulus, la prima con una cuticola, a volte incrostata di sabbia, così come il disco del pedale. Ectoderma di scapus che mostra una tendenza alla riduzione in determinati luoghi. Sfintere mesogloeale, lungo. Tentacoli poco numerosi, disposti a gruppi di sei, piuttosto deboli, capaci di involuzione. Sifonoglifi indistinti. Solo otto mesenteri, perfetti, fertili, con filamenti. Aconzio presente contenente solo nematocisti basitrici. Aconzio e divaricatori circoscritti pinnati. Mesenteri più numerosi solo nella parte prossimale del corpo. Muscoli parietobasilari larghi ma deboli, la loro parte più interna forma una piega sui macrocnemi. Cnidomi: spirocisti, basitrici, p-mastigofori microbasici. [2]

TassonomiaModifica

Secondo il World Register of Marine Species (WORMS), il genere risulta composto dalle seguenti specie:[1]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Octineon, in WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 16 aprile 2020.
  2. ^ O. CarlgrenOp. citata.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Octineon, GBIF - Global Biodiversity Information Facility. URL consultato il 18 marzo 2020.