Odoardo II Farnese

Odoardo II
Jan Frans van Douven - Edoardo Farnese, Prince of Parma.png
Odoardo Farnese ritratto da Jan Frans van Douven negli anni '60 del Seicento
Duca ereditario di Parma e Piacenza
Stemma
In carica 12 agosto 1666
6 settembre 1693
Nascita Palazzo Ducale, Colorno, Ducato di Parma, 12 agosto 1666
Morte Parma, Ducato di Parma, 6 settembre 1693
Casa reale Farnese
Padre Ranuccio II Farnese
Madre Isabella d'Este
Consorte Dorotea Sofia di Neuburg
Figli Alessandro Ignazio
Elisabetta
Religione Cattolicesimo

Odoardo II Farnese (Colorno, 12 agosto 1666Parma, 6 settembre 1693) era il figlio ed erede del duca Ranuccio II Farnese di Parma e Piacenza. Sua madre fu Isabella d'Este (1635-1666), seconda moglie di Ranuccio, che morì 9 giorni dopo averlo dato alla luce.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

 
Ranuccio II Farnese ritratto in tenuta militare da Justus Sustermans

Nacque da Ranuccio II Farnese e da Isabella d'Este (1635-1666), seconda moglie di Ranuccio, che morì 9 giorni dopo averlo dato alla luce.

MatrimonioModifica

 
Dorotea Sofia di Neuburg ritratta da Giovanni Maria delle Piane nel XVIII secolo. Oggi questo dipinto è conservato nel Stadtmuseum, Düsseldorf

Sposò Dorotea Sofia di Neuburg, figlia dell'Elettore palatino del Reno Filippo Guglielmo, il 17 maggio 1690.

MorteModifica

 
Odoardo in una stampa d'epoca

Odoardo premorì al padre, pertanto non governò mai il Ducato di Parma e Piacenza.

La sua vedova, Dorotea Sofia di Neuburg sposò in seconde nozze, l'8 dicembre 1695 il fratello di Odoardo, Francesco Farnese, che divenne duca alla morte del padre nel 1694.

DiscendenzaModifica

Ducato di Parma e Piacenza
Farnese

Pier Luigi
Ottavio
Figli
Alessandro
Ranuccio I
Figli
Odoardo I
Ranuccio II
Nipoti
Francesco
Antonio

Odoardo e Dorotea Sofia di Neuburg ebbero due figli:

AscendenzaModifica

BibliografiaModifica

  • Adele Vittoria Marchi, Parma e Vienna, Parma, Edizione Artegrafica Silva, 1988.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN16531062 · ISNI (EN0000 0000 5489 0185 · LCCN (ENn97875395 · GND (DE119112086 · ULAN (EN500354003 · CERL cnp00897362 · WorldCat Identities (ENlccn-n97875395