Odoardo Voccoli

politico e antifascista italiano
Odoardo Voccoli
Odoardo Voccoli.jpg

Sindaco di Taranto
Durata mandato 14 dicembre 1946 - 28 febbraio 1948
Predecessore Ciro Drago
Successore Giulio Cesare Fella

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature I, II
Gruppo
parlamentare
Comunista
Collegio Taranto
Incarichi parlamentari
  • membro VI Commissione permanente (Istruzione pubblica e belle arti) dal 17 giugno 1948 al 17 febbraio 1949
  • membro VII Commissione permanente (Lavori pubblici, Trasporti, Poste e Tel. e Marina Mercantile) dal 18 febbraio 1949 al 24 giugno 1953
  • membro Commissione speciale per le locazioni dal 16 ottobre 1951 al 24 giugno 1953, *membro Commissione speciale pdl enti locali regione sicilianadal 9 marzo 1950 al 24 giugno 1953,
  • membro Commissione speciale pdl città di Napoli dal 20 febbraio 1951 al 9 aprile 1953
  • membro Commissione parlamentare consultiva per le norme di attuazione della legge 13 maggio 1950, n. 120, sull'ordinamento dell'INADEL: 11 maggio 1951 al 24 giugno 1953

- II Leg.-

  • membro VII Commissione permanente (Lavori pubblici, Trasporti, Poste e Tel. e Marina Mercantile) dal 21 luglio 1953 all'11 giugno 1958
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano
Professione sindacalista

Odoardo Voccoli (Castellaneta, 13 marzo 1877Taranto, 27 ottobre 1963) è stato un politico e antifascista italiano.

BiografiaModifica

Odoardo Voccoli nasce a Castellaneta il 13 marzo 1877 da Lorenzo Voccoli, un tecnico dell'impresa Del Croix e Carriè e da Giuseppina Cassano, una di Castellaneta. Nel 1893 la famiglia Voccoli si trasferisce a Taranto.Voccoli compì gli studi classici al Liceo ginnasio Archita e si iscrisse giovanissimo all'età di 19 anni al Partito Socialista Italiano nel quale militò dal 1896 al 1921. Fu ferroviere ed organizzatore sindacale a Savona ma fu allontanato dal servizio per motivi politici. Si recò quindi a Genova interessandosi alle lotte dei portuali, passò poi a Brindisi e poi tornò a Taranto.

Lotta antifascistaModifica

Nel 1906 fu eletto consigliere comunale a Taranto con Edoardo Sangiorgio, avvocato ginosino leader dei socialisti jonici e l'arsenalotto Francesco Boccuni. Si sposa con Maria Assunta D'Auria e a novembre nasce il suo primo figlio. Nelle elezioni dell'provincia di Lecce del 1920 venne eletto insieme a Sangiorgio, nello stesso anno viene anche rieletto consigliere comunale. Nel gennaio 1921 partecipa come delegato al XVII Congresso del Partito Socialista Italiano a Livorno, portando l'adesione alla mozione comunista non solo della Sezione socialista di Taranto, ma anche di quelle di Castellaneta, Grottaglie, Monteiasi, Montemesola e Mottola, Massafra.

Assunse quindi la carica di segretario provinciale della federazione comunista di Taranto. Nel 1926 fu delegato al III Congresso intenzionale di Lione. Il 20 giugno 1926, a seguito della segnalazione viene arrestato mentre tiene una riunione di comunisti e antifascisti. Il 28 aprile 1928, il Tribunale speciale lo condanna 12 anni e sei mesi di reclusione, per cospirazione ai danni del fascismo. Con lui viene condannato a tre anni anche il figlio Todol, muore nel carcere di Bari, e viene arrestata la moglie. Nel 1932 per l'amnistia del decennale del fascismo viene scarcerato, ma fu arrestato nuovamente nel 1934 e condannato ad altri quattro anni di reclusione[1].

DopoguerraModifica

Scarcerato ritorna a Taranto, riorganizzando il fronte antifascista. Costituirà il Comitato di Liberazione Nazionale di Taranto di cui presidente era Ciro Drago. Il 6 maggio 1944 viene nominato vicepresidente della provincia di Taranto, è il primo esponente comunista a far parte degli organi provinciali[2]. Voccoli si candida alle elezioni comunali del capoluogo jonico nelle prime libere elezioni del 24 novembre 1946 sostenuto da Partito Repubblicano Italiano, Partito d'Azione, Partito Socialista Italiano e Partito Comunista Italiano. Il blocco laico socialista raccoglie il 60% dei voti e Odoardo Voccoli è il primo degli eletti. All'insediamento del Consiglio comunale, al primo scrutinio, Voccoli viene eletto Sindaco di Taranto ed è il primo Sindaco della nuova Repubblica eletto in libere elezioni.

Il 23 dicembre 1946 Voccoli insedia la Giunta. Nel 1948 Voccoli che si dimette da sindaco ed è candidato al Senato per il Fronte popolare: l'aggregazione socialcomunista prevale a Taranto con 32.747 voti[3] e Voccoli è eletto Senatore della Repubblica. Nel 1953 è ricandidato e rieletto nelle file del Partito Comunista Italiano con 26.459 voti[4]. Finita nel 1958 questa seconda esperienza parlamentare si ritira dall'attività politica. Odoardo Voccoli muore a 85 anni il 27 ottobre del 1963 in seguito ad emorragia cerebrale[5].

NoteModifica

  1. ^ Sentenza n. 1 del 2-1-1935 Pres. Le Metre - Rel. Presti
  2. ^ 1924-1999 Provincia di Taranto ,75 anni di storia a cura di Leonardo Rubino
  3. ^ Sito ministero degli interni, Archivio elezioni 1948
  4. ^ Sito ministero degli interni, Archivio elezioni 1953
  5. ^ La morte del compagno Voccoli, l'Unità del 27 ottobre 1963

BibliografiaModifica

  • Sovversivi di Taranto: la vita e le battaglie di Odoardo Voccoli (1877-1963) nella storia del movimento operaio tarantino di Roberto Nistri, Francesco Voccoli; con una introduzione di Mario Spagnoletti, Taranto: Sedi, 1987.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie