Olallamys

Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Olallamys
ThrinacodusAlbicaudaSmit.jpg
Olallamys albicaudus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Hystricomorpha
Infraordine Hystricognathi
Famiglia Echimyidae
Sottofamiglia Dactylomyinae
Genere Olallamys
Emmons, 1988
Specie

Vedi testo

Olallamys (Emmons, 1988) è un genere di roditori della famiglia dei Echimiidi.

DescrizioneModifica

DimensioniModifica

Al genere Olallamys appartengono roditori di grandi dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 180 e 240 mm e la lunghezza della coda tra 250 e 350 mm.[1]

Caratteristiche craniche e dentarieModifica

Il cranio presenta un rostro corto e largo, la regione inter-orbitale è ampia, con i margini rialzati che si estendono posteriormente. il palato è stretto, i fori sono piccoli. I denti masticatori hanno la corona bassa, hanno quattro radici e sono notevolmente larghi.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 1 0 1 1 0 1 3
3 1 0 1 1 0 1 3
Totale: 20
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

AspettoModifica

La pelliccia è soffice, le parti dorsali sono generalmente bruno-rossastre mentre le parti ventrali sono bianche o gialle. Le zampe hanno dita munite di artigli eccetto il secondo dito dei piedi, fornito di un'unghia obliqua ed asimmetrica. I piedi sono corti e larghi. La coda è molto più lunga della testa e del corpo, è cosparsa di pochi peli, più scura sopra e più chiara sotto e all'estremità.

DistribuzioneModifica

Si tratta di roditori arboricoli diffusi nelle regioni andine della Colombia e del Venezuela occidentale.

TassonomiaModifica

Il genere comprende 2 specie.[2]

NoteModifica

  1. ^ Novak, 1999.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Olallamys, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

BibliografiaModifica

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898
  • Patton JL, Pardiňas UFJ & D'Elia G, The Mammals of South America. Volume 2: Rodents, The University of Chicago Press, 2015. ISBN 978-0-226-16957-6.

Altri progettiModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi