Apri il menu principale
Olbia Pontica
Olvia5.JPG
Scavi dell'antica città di Olvia.
CiviltàGreci, Romani
Utilizzocittà
EpocaVI secolo a.C. - IV secolo d.C.
Localizzazione
StatoUcraina Ucraina
ComuneParutino
Dimensioni
Superficie1 280 000 
Scavi
Date scavi1901–1915, 1924–1926
ArcheologoBoris Farmakovsky
Mappa di localizzazione

Coordinate: 46°42′N 31°54′E / 46.7°N 31.9°E46.7; 31.9

Olbia e le altre antiche colonie greche lungo la costa settentrionale del mar Nero. V secolo a.C.

Olbia Pontica o Olvia è il sito di una antica colonia greca fondata alla fine del VII secolo dalla città di Mileto sulla foce del fiume Bug Meridionale (in greco: Hypanis), sulle rive del mar Nero, di fronte all'isola Berezan'. I Greci la chiamavano Borysthenes, dall'antico nome del Dnepr, che sfocia a pochi chilometri di distanza. Nel V sec. a.C. fu visitata da Erodoto.[1]

Il suo porto era uno dei principali scali del mar Nero per l'esportazione di cereali, pesci, e schiavi verso la Grecia e per l'importazione di manufatti dell'Attica nella Scizia[2].

La zona degli scavi è situata presso il villaggio di Parutino, nel distretto di Očakiv.

NoteModifica

  1. ^ http://www.treccani.it/enciclopedia/olbia_(Enciclopedia-Italiana)/
  2. ^ Encyclopedia Of Ancient Greece (ed. by Nigel Guy Wilson). Routledge (UK), 2005. ISBN 0-415-97334-1. Page 510.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh87002737