Apri il menu principale

Per oldies si intende un formato radio che trasmette brani di successo risalenti agli anni cinquanta e sessanta.[1][2][3] I generi prediletti dalle stazioni oldies sono il rock 'n' roll, il pop, nonché la musica della Motown e quella della cosiddetta British invasion.[1] Gli artisti tipicamente riprodotti includono Elvis Presley, i Beach Boys, i Beatles, Simon & Garfunkel, Wilson Pickett, i Temptations, i Monkees, James Brown, i Mamas & Papas, Frank Sinatra, Perry Como, Chuck Berry e i Four Seasons.[1][4]

StoriaModifica

Risalente al 1961,[5] l'oldies nasce come evoluzione dei formati middle of the road e top 40; fra le prime stazioni radio oldies vi sono la WCBS di New York e la WMMS di Cleveland.[6] Queste emittenti si caratterizzarono sin da subito per la trasmissione di musica rock 'n' roll degli anni cinquanta e sessanta. Tuttavia lungo gli anni ottanta e novanta hanno iniziato a incorporare successi musicali degli anni settanta e ottanta.[1][2][6] Sebbene con il passare degli anni molte stazioni radio lo abbiano abbandonato,[4] esso è considerato uno dei maggiori formati radiofonici.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) Autori vari, Broadcast Announcing Worktext: Performing for Radio, Television, and Cable, Taylor & Francis, 2005, p. 204.
  2. ^ a b (EN) David Baskerville, Music Business Handbook and Career Guide, SAGE, 2006, p. 365.
  3. ^ a b (EN) Autori vari, The Concise Encyclopedia of American Radio, Routledge, 2010, pp. 539-40.
  4. ^ a b (EN) Oldies a Thing Of the Past At WBIG-FM, su washingtonpost.com. URL consultato il 21 settembre 2017.
  5. ^ (EN) Ian van Tuyl, Popstrology: The Art and Science of Popstars, Bloomsbury, 2008, p. 217.
  6. ^ a b (EN) Christina Baade, James A. Deaville, Music and the Broadcast Experience: Performance, Production, and Audiences, Oxford University, 2016, p. 246.

BibliografiaModifica

  • (EN) Autori vari, Historical Dictionary of American Radio, Greenwood, 1998, p. 291.