Apri il menu principale

Oligarchia

sistema di governo imposto da un gruppo ristretto di persone

La parola Oligarchia deriva dal greco oligoi (ὀλίγοι) = pochi e archè (ἀρχή) = comando; l'oligarchia è un regime politico, un governo, caratterizzato dalla concentrazione del potere effettivo nelle mani di poche persone.

Indice

CaratteristicheModifica

Il termine oligarchia (a differenza di "monarchia", democrazia", ecc.) non indica una specifica forma di stato o di governo o un insieme di istituzioni, ma soltanto che il potere è detenuto da un gruppo ristretto tendenzialmente chiuso, omogeneo, coeso e stabile, che lo esercita nel proprio interesse. In questo senso può essere usato anche al di fuori della politica, e si può parlare ad esempio di oligarchie economiche, finanziarie, burocratiche, militari, ecc.

Oggi sono quasi scomparse le forme di governo in cui si accede al potere per nascita (cioè le aristocrazie in senso proprio); i componenti del gruppo oligarchico sono invece legati tra loro da vincoli di altro tipo: di interesse, di appartenenza a un determinato corpo di pubblici ufficiali (militari, funzionari) o a un gruppo politico come un movimento rivoluzionario o di liberazione nazionale.

Nella scienza della politicaModifica

Il pensiero politico classicoModifica

Oligarchia significa "governo di pochi", ma nell'antica Grecia il termine spesso indicava in modo più specifico il "governo dei ricchi": lo si ritrova usato in questo senso sia da Platone nella Repubblica (550c) sia da Aristotele nella Politica (1290b)[1].

Nella classificazione delle forme di governo formulata da Aristotele nella Politica (governo di uno/di pochi/di tutti), l'oligarchia e l'aristocrazia sono le due forme che può assumere il governo di pochi[2]. Mentre l'aristocrazia (il governo dei migliori) è la forma pura del governo di pochi, l'oligarchia ne è la forma corrotta. L'oligarchia è una forma di governo cattiva, non perché antidemocratica, ma perché quei pochi esercitano il potere indebitamente, o in quanto non ne hanno il diritto o in quanto lo fanno violando le leggi o, infine, in quanto lo esercitano favorendo gli interessi particolaristici a scapito di quelli della comunità. Se, invece, i pochi che esercitano il potere lo fanno in maniera legittima e in vista dell'interesse generale, allora il loro governo è un'aristocrazia, naturalmente nell'accezione greca in cui a governare sono gli aristoi, i migliori. Secondo Aristotele l'oligarchia è dunque la degenerazione dell'aristocrazia: "Abbandonando la ricerca dello Stato ideale, Aristotele si concentra quindi su due tipi reali, l’oligarchia e la democrazia. L’analisi minuta e di eccezionale lucidità che compie nel quarto, quinto e sesto libro della Politica gli consente di superare la fase meramente classificatoria, per capire che le costituzioni democratica e oligarchica non sono che gli estremi di un medesimo genere politico, in cui variano soltanto le caratteristiche, la quantità e la dimensione della classe politica attiva al loro interno. In altre parole, democrazia e oligarchia non sono due costituzioni di tipo opposto, ma poste su di un continuum comune al centro del quale si trova il problema della giusta dimensione della classe politica (che evidentemente varia nel tempo e nello spazio)"[3].

Il termine oligarchia conteneva quindi una valutazione negativa che ha mantenuto a lungo anche in seguito[4], tanto più che ad Atene, nel V secolo a.C., vi furono, con pessima stampa, il governo oligarchico dei Quattrocento nel 411 a.C. ed il regime dei Trenta tiranni del 404 a.C.. Governi oligarchici furono presenti anche in altre città, come Sparta o Tebe, presentati come degenerazione delle locali aristocrazie; pure a Roma la legittimità "risiedeva, piuttosto, nella nobilitas, poggiava su una concezione aristocratica del governo della cosa pubblica. L’ascesa alle massime cariche pubbliche, anche se consacrata da una votazione, era l’epilogo di un cursus honorum che prendeva, di regola, le mosse dai natali illustri e procedeva per tappe contrassegnate dalle sperimentate virtù militari e di attitudine così all’ubbidienza come al comando, dalla ricchezza accumulata, dalle precedenti cariche pubbliche ricoperte, dalla comprovata eloquenza, che era poi fattore spesso decisivo delle vittorie elettorali"[5].

Nella tradizione del pensiero occidentale si è perciò conservato a lungo, dall'antichità[6] al Medioevo[7], il concetto che un governo di pochi non è cattivo in sé, ma solo in quanto i pochi governino male.

Il pensiero politico modernoModifica

Nell'età moderna invece si è progressivamente affermata la concezione democratica e, con essa, la tesi che un governo di pochi è, in quanto tale, un cattivo governo: un governo buono è quello in cui è la maggioranza (i più) che governa. In realtà, anche in un governo democratico il potere è esercitato da un gruppo ristretto; ma nelle democrazie il gruppo che governa è scelto e legittimato per mezzo di elezioni, esiste un'opposizione che potrebbe sostituirlo, e sono garantite le libertà politiche per la generalità dei cittadini.

Il concetto di oligarchia è stato ripreso in età moderna dalle teorie delle élites formulate da studiosi come Gaetano Mosca, Vilfredo Pareto e Robert Michels. Secondo queste teorie, ogni governo è sempre un governo di pochi. Ciò non significa che tutti i governi siano uguali, ma soltanto che i governanti sono sempre, numericamente, una minoranza. Mosca e Pareto non usarono il termine oligarchia, ma espressioni come "classe politica", "minoranza governante", "aristocrazia", "classe eletta". Michels invece lo usò nei suoi studi sull'organizzazione dei partiti politici e giunse a formulare la cosiddetta "legge ferrea dell'oligarchia", secondo cui in un partito politico, e più in generale in ogni grande organizzazione, il potere inevitabilmente si concentra nelle mani di un gruppo ristretto.

Come conseguenza del successo di queste teorie, il termine oligarchia è entrato largamente nel linguaggio della scienza politica, e ha in gran parte perduto la sua connotazione negativa, assumendone una più neutra e descrittiva. Lo stesso effetto dell'esistenza delle élites è stato in qualche modo descritto come il portato della democrazia dei moderni.

«Forse a questo, realisticamente, si riduce la democrazia: il lavorio continuo di distruzione delle oligarchie. Costruire la democrazia equivale a distruggere le oligarchie, con la precisa consapevolezza che a un’oligarchia distrutta subito seguirà la formazione di un’altra, composta da coloro che hanno distrutto la prima. Questa è la “ferrea legge”, ferrea non perché descrive un regime d’immobilità, ma perché indica un ineluttabile movimento»

(Gustavo Zagrebelsky, La difficile democrazia, Roma: Carocci, Parolechiave (nuova serie di Problemi del socialismo): 43, 1, 2010, p. 139)

Nella sociologia economicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Plutocrazia.

Nel sistema economico capitalistico talvolta si accumulano risorse economiche presso centri di potere coacervati, e non diffusi sul territorio o tra le classi sociali. Benché si tratti di aggregazioni diverse da quelle investite della gestione della cosa pubblica, spesso queste oligarchie esercitano un ruolo assai importante nell'influenzarne la condotta e, più in generale, esplicano un effetto asfittico nei confronti della libera competizione tra le forze imprenditoriali[8].

La struttura sociale più avanzata al mondo, nell'accentramento oligarchico del potere economico, sarebbe quella statunitense secondo Simon Johnson[9], Jeffrey A. Winters[10], Michael Moore[11], Bob Herbert[12], Thomas Piketty[13], Martin Gilens e Benjamin Page[14] e perfino l'ex presidente Jimmy Carter[15].

Realtà di ricchezza (e di potere economico) assai più concentrata, invero, si riscontrano in Paesi giunti al capitalismo più di recente[16], come è il caso dei cosiddetti oligarchi russi[17]: si tratta di ex burocrati sovietici o loro clienti, che si giovarono della caduta dell'Unione sovietica per proporre[18] vantaggiosi acquisti delle fabbriche di proprietà statale[19]; stante il loro legame[20] con la classe politica che ha accettato le proposte di vendita, lo storico Edward L. Keenan ha in proposito tracciato un paragone con la classe dei boiardi che, su delega degli zar, gestiva il latifondo nel granducato di Moscovia del tardo Medio evo[21]. Analisi più proiettate sulla situazione contemporanea russa sottolineano il peso di queste realtà sulla vita pubblica[22], sulla diffusione del crimine organizzato[23] e sulla mancanza di una cultura di etica aziendale[24]; viene anche descritto il ruolo del governo russo[25] nella caduta di coloro che, tra gli oligarchi[26], rifiutano di riconoscere la primazia del Cremlino[27][28].

BibliografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Caruso, Valentina, Su alcuni termini del lessico politico antico, Napoli : Loffredo Editore, Vichiana : rassegna di studi filologici e storici del mondo classico : XV, 2, 2013.
  2. ^ "L’antitesi fra governo dei pochi e governo dei molti ricompare, un secolo dopo, nella classificazione aristotelica delle tre classiche forme di governo della Grecia arcaica. Il governo dei pochi è «aristocrazia» se esercitato nell’interesse di tutti, è «oligarchia» se i pochi governano solo nel proprio interesse": Francesco Galgano, La forza del numero e la legge della ragione. Storia del principio di maggioranza, Bologna, Il Mulino, 2007, p. 96.
  3. ^ Gianfranco Miglio, Lezioni di politica. I. Storia delle dottrine politiche, Bologna, Il Mulino, 2011, pp. 85-86.
  4. ^ Maurizio Giangiulio, Taranto diventa democratica : a proposito di Aristotele, Pol. V 3 1302B33-1303A13 : teoria politica, memorie e storia, Pisa : Fabrizio Serra, Atti e memorie della Società Magna Grecia quinta serie : I, 2016.
  5. ^ Francesco Galgano, La forza del numero e la legge della ragione. Storia del principio di maggioranza, Bologna, Il Mulino, 2007, pp. 22-23.
  6. ^ Carlo Franco, Storia romana, Pisa: Fabrizio Serra, Storiografia : supplemento XVIII, 2014; Fabrizio Pesando, Colonia Cornelia Veneria Pompeianorum, ovvero l'esperimento dell'oligarchia, MEFRA: Mélanges de l'École française de Rome: antiquité : 127, 2, 2015.
  7. ^ Antonio Collantes de Téran Sánchez, Interessi privati e finanze pubbliche: comportamenti delle oligarchie urbane dei grandi regni ispanici (secoli XIV-XV), Brescia : [poi] Roma : Centro di Ricerca F. Odorici ; Bulzoni, Cheiron : materiali e strumenti di aggiornamento storiografico. A.12, 1995.
  8. ^ "Nel caso di Venezia è debitamente sottolineato, a proposito di Francesco Griselini, «il fallimento [della] diffusione della nuova mentalità tecnica ed economica» nel chiuso mondo su cui regnava l’oligarchia veneziana; erano ricordate senza attenuazioni la «delusione senza ironia» e la «disperazione senza rimpianti» da cui nasceva la riflessione di «uno dei maggiori economisti del Settecento italiano», ossia l’Ortes; è puntualizzato con nettezza il «tormento nuovo [che] rode dall’interno» un tipico rappresentante di quella oligarchia qual è il Memmo, e lo spinge a lottare in solitudine contro «l’intera struttura corporativa della metropoli»": Giuseppe Galasso, Storici italiani del Novecento, Bologna, Il Mulino, 2008, p. 342
  9. ^ "The reemergence of an American financial oligarchy is quite recent": Simon Johnson, The Quiet Coup, in The Atlantic, May 2009. URL consultato il 17 agosto 2012.
  10. ^ "Oligarchy and democracy operate within a single system, and American politics is a daily display of their interplay": Jeffrey A. Winters, Oligarchy and Democracy, in The American Interest, vol. 7, nº 2, November–December 2011 [28 September 2011]. URL consultato il 17 agosto 2012.
  11. ^ Tom Kertscher e Greg Borowski, The Truth-O-Meter Says: True – Michael Moore says 400 Americans have more wealth than half of all Americans combined, in PolitiFact, 10 marzo 2011. URL consultato l'11 agosto 2013.
  12. ^ Bob Herbert, The Donor Class, in The New York Times, 19 luglio 1998. URL consultato il 10 marzo 2016.
  13. ^ Thomas Piketty (2014), Capital in the Twenty-First Century, Belknap Press. ISBN 067443000X p. 514.
  14. ^ Martin Gilens e Page, Benjamin, Testing Theories of American Politics: Elites, Interest Groups, and Average Citizens (PDF), 9 aprile 2016, p. 6.
  15. ^ Secondo cui gli Stati Uniti d'America sarebbero diventati "an oligarchy with unlimited political bribery": An oligarchy with unlimited political bribery, 31 luglio 2015.
  16. ^ Chorafas, D. Capitalism without capital. Springer, 2009.
  17. ^ Oligarchology by Alex Yablon, New York Magazine, Mar 31, 2013
  18. ^ Chrystia Freeland (2000). Sale of the Century: Russia's Wild Ride from Communism to Capitalism. New York: Crown Business.
  19. ^ Braguinsky, Serguey, and Roger Myerson. "A macroeconomic model of Russian transition." Economics of Transition 15.1 (2007): 77–107.
  20. ^ Johanna Granville, "The Russian Kleptocracy and Rise of Organized Crime." Demokratizatsiya (summer 2003), pp. 448-457.
  21. ^ E. L. Keenan, Russia's Oligarchy, Alive and Well, New York Times, December 30, 2013.
  22. ^ Virtual Politics – Faking Democracy in the Post-Soviet World,Andrew Wilson, Yale University Press, 2005
  23. ^ Satter, David. Darkness at Dawn: The Rise of the Russian Criminal State. Yale University Press, 2008.
  24. ^ Holmstrom, Nancy; Richard Smith (February 2000). "The Necessity of Gangster Capitalism: Primitive Accumulation in Russia and China". Monthly Review. Monthly Review Foundation. 51 (09).
  25. ^ Sergei Guriev e Andrei Rachinsky, The role of oligarchs in Russian capitalism, in Journal of Economic Perspectives, vol. 19, nº 1, 2005, pp. 131-150, DOI:10.1257/0895330053147994.
  26. ^ The fabulous riches of Putin's inner circle, The Bureau Investigates. URL consultato il 7 giugno 2012.
  27. ^ Profile: Boris Berezovsky BBC Retrieved on April 28, 2008
  28. ^ What a carve-up! The Guardian Retrieved on April 28, 2008.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica