Apri il menu principale

Oliver Marsh

direttore della fotografia statunitense
(Reindirizzamento da Oliver T. Marsh)

BiografiaModifica

Nato a Kansas City nel Missouri, era fratello dell'attrice Marguerite Marsh e della più celebre Mae Marsh. Oliver T. Marsh cominciò la sua carriera di direttore della fotografia alla Keystone Film Company nel 1916, con Bucking Society, un cortometraggio interpretato da Chester Conklin.

Lavorò con i maggiori registi dell'epoca: con Fred Niblo in Camille; con George Cukor in Donne; con Raoul Walsh in Harrington faccia-di-bambino; con W. S. Van Dyke in San Francisco. Fu direttore della fotografia delle due famose versioni cinematografiche della più celebre operetta di Franz Lehár: La vedova allegra diretta da Erich von Stroheim del 1925 che aveva come protagonista femminile sua sorella Mae e, nel 1934, La vedova allegra diretta da Ernst Lubitsch, con Jeanette MacDonald, un'attrice che lo scelse come suo direttore della fotografia, rifiutando di lavorare con qualsiasi altro cameraman[1].

Nell'ottobre, dopo la sua morte, uscì Catene del passato di Frank Borzage (girato dal maggio al 5 luglio 1941) dove però il suo nome non venne accreditato nei titoli del film.

Nella sua carriera, durata fino al 1941, l'anno della sua morte improvvisa avvenuta il 5 maggio e dovuta a un'emorragia cerebrale, lavorò come direttore della fotografia (tranne che in Freaks, dove era fotografo aggiuntivo) in 134 film.

Venne sepolto al Forest Lawn Memorial Park di Glendale[1].

Premi e riconoscimentiModifica

Nel 1939, gli venne assegnato l'Oscar onorario. Nel 1941, fu candidato al Premio Oscar alla migliore fotografia a colori per il film Tzigana.

Galleria di filmModifica

FilmografiaModifica

Anni dieciModifica

Anni ventiModifica

Anni trentaModifica

Anni quarantaModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN120312602 · ISNI (EN0000 0001 1701 129X · LCCN (ENn85151672 · GND (DE141062894 · WorldCat Identities (ENn85-151672