One Piece Stampede - Il film

film del 2019
One Piece Stampede - Il film
Stampede logo.png
Logo del film
Titolo originaleワンピーススタンピード
Lingua originalegiapponese
Paese di produzioneGiappone
Anno2019
Durata101 min
Rapporto16:9
Genereanimazione, azione, fantastico, avventura
RegiaTakashi Ōtsuka
SceneggiaturaAtsuhiro Tomioka, Takashi Ōtsuka
Produttore esecutivoEiichirō Oda
Casa di produzioneToei Animation, Fuji TV, Toei Company, Shūeisha, Bandai
Distribuzione in italianoKoch Media
FotografiaNaoyuki Wada
MusicheKohei Tanaka
Art directorKazuo Ogura
Character designMasayuki Sato
AnimatoriMasayuki Sato
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Edizione cinematografica:

Ridoppiaggio parziale home-video:

One Piece Stampede - Il film (ワンピーススタンピード?) è un film d'animazione del 2019 diretto da Otsuka Takashi.

La pellicola, ispirata alla serie manga e anime One Piece creata da Eiichirō Oda, è stata prodotta dalla Toei Animation ed è uscita in Giappone il 9 agosto 2019.

TramaModifica

Un flashback del passato mostra Barbanera che cerca nuovi membri per la sua ciurma al sesto livello di Impel Down. Qui un detenuto, Douglas Bullet, uccide i suoi compagni di cella, ma Teach rifiuta di farlo entrare nel suo equipaggio ritenendolo troppo pericoloso, così Bullet fugge da solo.

Nel presente, la ciurma di Cappello di paglia giunge a Delta per partecipare all'Expo pirata organizzata da Buena Festa, consistente nel recuperare un tesoro di Roger, lasciato su un'isola che emerge grazie a una Knock Up Stream. I vari equipaggi risalgono la corrente e la Thousand Sunny si posiziona in testa alla gara. Nel frattempo, Law emerge dai vicoli dell'Expo pirata con diverse ferite dopo avere scoperto che Buena Festa sta tramando qualcosa. Bagy il clown, in ritardo all'evento, lo nota e lo attacca, ma il chirurgo utilizza i suoi poteri per salire sulla Sunny. Avvisa così i Pirati di Cappello di paglia, che si dividono in due gruppi: mentre gli altri continuano la gara, Chopper, Robin, Brook e Sanji accompagnano Law a scoprire i segreti dell'evento.

Raggiunta l'isola, i vari equipaggi iniziano a combattere per impossessarsi per primi del tesoro, ma Bagy li procede e nota un Eternal Pose per Raftel chiuso in uno scrigno. Bullet rilascia una nave piena di esplosivi per fare precipitare l'isola, così Bagy perde lo scrigno, che viene recuperato da Usop. Vedendolo, Bagy lo riconosce e terrificato rivela che il nemico era stato anche lui nella ciurma dei Pirati Roger. Il resto della ciurma e Law raggiungono il covo di Festa, dove Robin e Brook lo sentono parlare di un imminente Buster Call. Provano ad avvisare i loro compagni, ma si imbattono in Smoker, anche lui lì per indagare. Quest'ultimo cattura la renna e lo scheletro, mentre Sanji lo affronta per permettere all'archeologa e a Law di allontanarsi. Durante la loro fuga, incontrano Crocodile, che ammette di essere interessato al tesoro di Roger.

Bullet malmena Usop per impossessarsi dello scrigno e i membri della peggiore generazione decidono di affrontarlo, ad eccezione di Zoro, che si prepara a fronteggiare la Marina con l'aiuto dei Pirati splendidi e dei Pirati Barto club. Grazie al loro gioco di squadra, Rufy riesce a colpire Bullet ma il nemico si rialza e trasforma il suo sottomarino in un grande robot. Usop spara alcuni semi contro quest'ultimo apparentemente inefficaci, venendo deriso per la sua debolezza. Bullet sconfigge poi tutti i suoi avversari.

La flotta che effettuerà il Buster Call arriva a Delta e i marine affrontano i pirati, mentre Zoro combatte con l'ammiraglio Issho. Nel frattempo, Smoker smette di combattere dopo essere stato informato da Tashigi dell'operazione e la raggiunge, riunendosi anche a Hina, Kobi e Hermeppo. Bullet estende i suoi poteri sull'isola e forma un colosso metallico, Buena Festa invece contatta Morgans, che lo mette in comunicazione con gli altri signori della malavita.

A Delta giungono anche Mihawk Occhi di Falco, accompagnato da Perona, e Boa Hancock, intenzionata ad assicurarsi che Rufy stia bene. Mentre gli scontri imperversano, Borsalino chiede un secondo Buster Call, ricevendo l'ordine da Sakazuki di eliminare Bullet a ogni costo, incluso quello di sacrificare i marine presenti sull'isola. Intanto Smoker incontra per caso Bagy, che costretto rivela che il tesoro è un Eternal Pose per Raftel. Il marine decide così di recuperarlo e ordina ai suoi compagni di allontanarsi, lanciandosi contro Bullet, ma Sabo lo ferma e lo affronta in un breve scontro.

Anche Rob Lucci giunge sull'isola per requisire l'Eternal Pose. Usop invece trasporta Rufy e in suo soccorso giungono Brook e Chopper, che cura il suo capitano. Dopo essersi ripreso, Rufy si scaglia contro il colosso di Bullet e accetta di collaborare con Law, Hancock, Sabo, Smoker, Lucci, Crocodile e Bagy per abbatterlo. Il gruppo lancia poi un attacco combinato contro il lato sinistro del colosso, che Rufy distrugge con il Gear Fourth. Le piante precedentemente lanciate da Usop distruggono anche il robot di Bullet, permettendo cosi a Rufy di sconfiggerlo. Rufy poi distrugge l'Eternal Pose per Raftel non volendo scorciatoie.

Dopodiché Sabo raggiunge Buena Festa e ha facilmente la meglio. I pirati presenti sull'isola salpano, ma Borsalino li attacca. Sabo allora alza un muro di fuoco per fermare le corazzate della Marina e consentire ai pirati di fuggire. Il film si conclude con un flashback di Roger, che getta in mare l'Eternal Pose per Raftel affermando di non averne bisogno.

DistribuzioneModifica

Edizione italianaModifica

In Italia il film è stato distribuito da Koch Media, proiettato al cinema dal 24 ottobre 2019 in italiano, con il doppiaggio diretto da Luigi Rosa[2][3], e dal 23 ottobre in lingua originale sottotitolata.

Come fu per One Piece Gold - Il film, il cast di doppiaggio italiano è lo stesso utilizzato per l'anime televisivo che va in onda su Italia 1, ma l'adattamento mantiene tutti i nomi e le grafie originali, tra cui "Luffy" senza il soprannome "Rubber". Per la prima volta Brook non è doppiato da Daniele Demma poiché scomparso prima dell'uscita del film. Il doppiatore viene sostituito da Alessandro Zurla. L'edizione home video italiana comprende una seconda traccia audio in cui la voce di Rufy è prestata da Luigi Rosa, che originariamente fu la voce del personaggio prima di venire sostituito da Renato Novara.

AccoglienzaModifica

In madrepatria il film ha riscosso molto successo[4]; su Rotten Tomatoes il film ha ricevuto un voto del 92%[5].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q One Piece: Stampede - Il film - Tutti i doppiatori, Anime Factory. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  2. ^ One Piece: Stampede, scopriamo i doppiatori del film, in AnimeClick.it, 23 ottobre 2019. URL consultato il 24 ottobre 2019.
  3. ^ Mario Lucio Papaleo, One Piece Stampede: come festeggia un vero pirata? La recensione del film celebrativo della saga, su ScreenWEEK, 24 ottobre 2019. URL consultato il 5 novembre 2019.
  4. ^ One Piece Stampede potrebbe diventare il film più redditizio della saga?, in AnimeClick.it, 20 ottobre 2019. URL consultato il 5 novembre 2019.
  5. ^ (EN) One Piece: Stampede, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 23 gennaio 2020.

Collegamenti esterniModifica