Opel Monza

autovettura del 1977 prodotta dalla Opel

La Opel Monza è un'autovettura di fascia alta prodotta dalla casa automobilistica tedesca Opel tra il 1978 e il 1986. Nel Regno Unito la vettura è stata commercializzata come Vauxhall Royale Coupé.

Opel Monza
Descrizione generale
CostruttoreBandiera della Germania Opel
Tipo principaleCoupé
Produzionedal 1978 al 1986
Sostituisce laOpel Commodore B Coupé
Esemplari prodotti46.008[1]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezzada 4692 a 4720 mm
Larghezzada 1722 a 1734 mm
Altezza1380 mm
Passo2668 mm
Massa1335-1420 kg
Altro
Stessa famigliaOpel Rekord E
Opel Commodore C
Opel Senator A
Auto similiFord Capri Mk3 V6
Peugeot 504 Coupé

Profilo e storia

modifica

Debutto

modifica
 
Vauxhall Royale Coupé

Con questo modello si volle sostituire in un colpo solo sia la precedente Commodore B Coupé, sia la ben più grossa Diplomat Coupé che stentava molto a imporsi in un mercato, come quello europeo, in cui predominavano cilindrate ben più ridotte a parità di prestazioni. Specialmente in un decennio difficile come gli anni '70 del secolo scorso, segnato già da una grande crisi petrolifera che ha penalizzato enormemente proprio le autovetture di grossa cilindrata.

La Monza venne presentata come prototipo nel settembre del 1977 al Salone di Francoforte, assieme al prototipo della prima Senator realizzata sulla medesima base, il cui lancio commerciale fu anch'esso previsto nel 1978. All'inizio di quell'anno, infatti, nello stabilimento di Rüsselsheim vennero prodotti 23 esemplari di preserie della Monza, mentre la produzione vera e propria fu avviata nel maggio dello stesso anno.

Design interno ed esterno

modifica
 
Interni

Rispetto ai due modelli che andò a sostituire, la Opel Monza si presentò con caratteristiche del tutto nuove e inedite sul piano stilistico. La vettura era caratterizzata da uno stile spigoloso in pieno stile anni '70, ma non più con un corpo vettura a tre volumi e due porte, bensì con una più moderna e pratica configurazione a due volumi e a tre porte. La vettura era infatti provvista di un vero e proprio portellone grazie al quale risultava più agevole il carico di oggetti ingombranti. Stilisticamente, la vettura proponeva un frontale a gruppi ottici trapezoidali con indicatori laterali a sviluppo verticale e con calandra nera a trama quadrettata. Fino alla base del parabrezza la Monza era quindi praticamente identica alla prima generazione della Senator, mentre lungo la fiancata la principale differenza era l'assenza delle portiere posteriori, ma anche il passo ridotto di 15 mm. Le due portiere erano comunque di maggiori dimensioni per agevolare l'accesso ai posti posteriori. Per questo il montante era solo in apparenza spostato all'indietro. Inedito il disegno del padiglione, con la zona posteriore assai spiovente e che va a chiudere lo specchio di coda appena un palmo sopra i gruppi ottici e dando luogo a un piccolo accenno di spoiler integrato nel paraurti. I gruppi ottici posteriori erano di forma rettangolare e andavano a formare una fascia unica assieme alla zona centrale in cui trovavo posto anche l'alloggiamento per la targa.

Della Senator, la Monza riprese anche parte degli interni e in particolare la plancia. La configurazione dell'abitacolo era a cinque posti, più comodi davanti e più sacrificati dietro. Il posto guida era dominato dal grande cruscotto rettangolare a sviluppo orizzontale racchiuso in una cornice che si estendeva fino alla console centrale. Il volante a quattro razze era caratterizzato da un disegno piuttosto ricercato e la selleria era rivestita in velluto.

Struttura, meccanica e motori

modifica

La Monza era la versione coupé della Senator, di cui conservava la base meccanica e che comunque era a sua volta derivata dalla Rekord E e condivisa con l'ultima generazione della Commodore. L'architettura meccanica era a motore anteriore longitudinale e a trazione posteriore. A parte il leggero accorciamento del passo (comunque identico al quello della Rekord E), per il resto la scocca e tutta la struttura di base era derivata dalle altre due berline già citate, tranne il disegno del padiglione. Per incrementare la rigidezza strutturale della vettura, venne rinforzato in maniera particolare il montante centrale, che nella Monza svolgeva anche la funzione di roll-bar in caso di ribaltamento. La meccanica telaistica, come nella Senator, comprendeva un avantreno di tipo MacPherson, mentre il retrotreno era sempre a ruote indipendenti ma a bracci obliqui. Molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici e barre stabilizzatrici su entrambi gli assi completavano il quadro del comparto sospensivo. L'impianto frenante era a doppio circuito idraulico con servofreno optional e ripartitore di frenata di serie. Erano previsti freni a disco sulle quattro ruote, dei quali quelli anteriori erano entrobordo per ridurre le masse non sospese.

Al suo debutto, la Monza era prevista in due motorizzazioni, entrambe a 6 cilindri:

  • 2.8 S: motore da 2784 cm3 con alimentazione a carburatore doppio corpo e potenza massima di 140 CV;
  • 3.0 E: motore da 2968 cm3 con alimentazione a iniezione elettronica e potenza massima di 180 CV.

Il cambio era unicamente di tipo manuale a 4 marce, indipendentemente dal motore. A richiesta era possibile però ottenere un cambio automatico a 3 rapporti.

Evoluzione

modifica

La carriera commerciale della Monza, come anche quella della Senator e dell'ultima generazione della Rekord, viene solitamente divisa in due fasi, praticamente la pre-restyling e la post-restyling, ma che nel caso della Monza e della Senator venivano e vengono ancora indicate con le sigle A1 e A2.

Il mese successivo all'avvio della produzione, ossia a giugno, la gamma venne ampliata con l'arrivo del motore da 3 litri alimentato mediante carburatore doppio corpo e con potenza massima di 150 CV. Un anno dopo, alle due varianti di trasmissione già esistenti si aggiunse anche il cambio manuale a 5 marce, anch'esso disponibile a richiesta con sovrapprezzo. Intanto però, vi fu l'avvento della seconda crisi petrolifera del decennio, fatto che comportò nuovi aumenti del prezzo del petrolio e, di riflesso, anche dei carburanti. Per questo, alla Opel si cercò una soluzione, che però arrivò solo nel maggio del 1981, quando il 2.8 di base venne sostituito da un'altra unità a 6 cilindri, ma con cilindrata ridotta a 2490 cm3, alimentazione a iniezione elettronica anziché a carburatore e con potenza scesa da 140 a 136 CV. Questo aggiornamento fu anche l'occasione per apportare alcune rivisitazioni alla dotazione e all'equipaggiamento. Così, vennero ridisegnati il cruscotto e il volante, venne migliorato il sistema di ventilazione e esternamente comparvero nuovi retrovisori esterni risagomati e un nuovo spoiler anteriore. Queste ultime due modifiche furono apportate allo scopo di ridurre il Cx.

 
Restyling 1982

Restyling 1982

modifica

Nel dicembre 1982, in occasione del restyling della Senator, anche la Monza venne ritoccata nel frontale, che cambiava come quello della berlina proponendo gruppi ottici dal disegno più arrotondato, nei paraurti non più in acciaio ma in plastica verniciata in tinta con la carrozzeria e negli interni, completamente rinnovati e arricchiti della scenografica strumentazione digitale. Si arrivò così alla commercializzazione della Monza A2, la cui gamma motori comprendeva solo unità a benzina alimentate a iniezione elettronica e più in dettaglio un inedito 2 litri da 115 CV e le due già note unità a 6 cilindri da 2,5 e 3 litri rispettivamente con potenze massime invariate a 136 e 180 CV.

 
Vista posteriore

Nell'agosto del 1983 l'ABS divenne optional, mentre il mese successivo venne introdotta anche la Monza GS/E, basata sempre sulla versione con motore da 3 litri, ma dotata di un kit di carrozzeria che ne rendeva il look più grintoso e attraente e di una taratura più sportiva delle sospensioni. Tale modello era anche caratterizzato da un allestimento interno più ricco, ma anche più sportiveggiante e che comprendeva fra l'altro anche nuovi sedili Recaro. Proprio la GS/E venne ulteriormente arricchita nel febbraio 1984 con l'arrivo di una nuova strumentazione a cristalli liquidi. Nel settembre dello stesso anno, il motore da 2 litri venne sostituito da una nuova unità di pari potenza, ma con cilindrata salita a 2197 cm3 e un miglior apporto di coppia motrice. Nello stesso periodo, il motore da 2,5 litri venne rivisitato e la sua potenza salì a 140 CV. Con l'arrivo di questi due modelli mutò anche il criterio di denominazione, con la "i" che andò a sostituire la "E" in tutta la gamma. Quindi, per esempio, da 2.0 E e 2.5 E si passò a 2.2i e 2.5i. Stesso discorso anche per la versione dotata del motore da 3 litri, che divenne 3.0i. Quest'ultima versione, a partire dal settembre 1985 fu provvista del catalizzatore e la sua potenza subì un sensibile calo fermandosi ad appena 156 CV. Fu l'ultimo aggiornamento alla gamma della Monza, che nel giugno del 1986 venne tolta di produzione. Fu l'ultima coupé di fascia alta della casa di Rüsselsheim: non ve ne saranno più altre. Nel 1989 verrà introdotta la Calibra, certamente molto affascinante e moderna nelle sue linee ma appartenente a un segmento di mercato inferiore.

Tabella riepilogativa

modifica

Di seguito vengono riepilogate le caratteristiche relative alla gamma della Opel Monza:

Opel Monza (1978-86)
Modello Motore Cilindrata Alimentazione Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
N°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Anni di produzione
2.0 E 20EH 1979 Iniezione elettronica Bosch LE-Jetronic 115/5600 160/4200 Manuale
4 marce
1.335 185 12"6 9,4 12/1982-08/1984
2.2i 22E 2197 115/4800 182/2600 1.330 11"5 8,9 09/1984-06/1986
2.5 E 25E 2490 Iniezione elettronica Bosch L-Jetronic 136/5600 185/4600 1.370 195 11" 11,1 05-1981-08/1984
2.5i Iniezione elettronica Bosch LE-Jetronic 140/5200 205/4000 Manuale
5 marce
202 10"5 9,9 09/1984-06/1986
2.8 S 28H 2784 Carburatore doppio corpo Solex 4A1 140/5200 218/3500 Manuale
4 marce
1.375 195 10" 11,6 05/1978-04/1981
3.0 S 30H 2968 150/5200 230/3400 198 9"5 12 06/1978-07/1982
3.0i Kat/
GSE Kat
C30LE Iniezione elettronica Bosch LU-Jetronic 156/5600 225/4200 Manuale
5 marce
1.370 206 9"5 11 09/1985-06/1986
3.0 E 30E Iniezione elettronica Bosch LE-Jetronic 180/5800 243/4500 Manuale
4 marce
1.375 215 8"5 11,8 05/1978-11/1982
Manuale
5 marce
1.370 10"6 12/1982-08/1984
3.0i 09/1984-06/1986
3.0 GS/E 09/1983-06/1986

Altri usi del nome Monza

modifica
 
La Opel Monza Concept

L'Opel Monza non deve essere confusa con altri modelli della GM che portano lo stesso nome:

  1. ^ Opel - Fahrzeug Chronik Band 2, Rainer Manthey / Eckhart Bartels, 2013, Podszun, pagg.81 e 97

Bibliografia

modifica

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili