Apri il menu principale
Operazione Leonte
Data28 agosto 2006
LuogoLibano
Voci di operazioni militari presenti su Wikipedia

L'operazione Leonte è una missione militare italiana in Libano, in ambito ONU iniziata nel 2006. L'operazione prende il nome dal Leonte, il più grande fiume del Libano e che delimita l'area in cui il contingente italiano opera secondo le disposizioni della risoluzione n.° 1701 delle Nazioni Unite.[1]

StoriaModifica

L'operazione ha avuto inizio il 28 agosto 2006, quando sono partite da Brindisi, alla volta del Libano, la portaerei Garibaldi, la nave da sbarco San Marco, la fregata Espero, la nave da sbarco San Giusto e la corvetta Fenice e dal porto di Marghera (Venezia) un'unità mercantile con i mezzi del genio dell'Esercito Italiano.

 
Fucilieri di marina del San Marco in Libano nel 2006

La formazione navale ha raggiunto le acque antistanti il Porto di Tiro nel Libano meridionale il 2 settembre sbarcando sia sul litorale di Tiro che al porticciolo dell'UNIFIL di Naqura la componente da sbarco, costituita da circa 1100 uomini, in gran parte Fucilieri della Marina del Reggimento San Marco e da 156 mezzi, che doveva contribuire alla costituzione della forza di interposizione ONU tra gli israeliani ed Hezbollah, i miliziani libanesi sciiti che di fatto detenevano il controllo di vaste aree del Libano e svolgevano vere e proprie operazioni militari contro Israele. La portaerei Garibaldi ha anche svolto successivamente la funzione di Direzione delle Operazioni di Controllo e di Sorveglianza delle acque libanesi condotte dalla Forza Navale Internazionale presente sul posto (Maritime Task Force 425) costituita oltre che da unità navali italiane, anche da unità britanniche, greche e francesi. L'unità mercantile il giorno dopo ha sbarcato i mezzi direttamente nel porto di Beirut.

Le Forze Armate italiane erano state fra le prime ad intervenire nella crisi[2] con l'operazione Mimosa '06 e con l'operazione Leonte che ha visto impegnati nel primissimo periodo iniziale la Marina Militare ed in seguito, fino ai giorni nostri le unità dell'Esercito Italiano.

Nel corso dell'operazione Mimosa '06 il cacciatorpediniere Durand de la Penne,[3] in esercitazione in Grecia, è stata tra le prime unità navali neutrali ad entrare nel porto di Beirut per l'evacuazione dei connazionali ed altri europei verso l'isola di Cipro con ben due viaggi.[4] Successivamente è intervenuto il battaglione San Marco, con l'unità da sbarco San Giusto che ha permesso il trasporto di beni di prima necessità per la popolazione in guerra oltre all'evacuazione di altri connazionali sbarcando, tonnellate di materiale destinato alla popolazione, cucine da campo, ambulanze, generatori per la produzione di corrente elettrica, tende pneumatiche, tonnellate di medicinali e tonnellate di generi alimentari destinati alla popolazione civile non combattente messi a disposizione dal Ministero degli esteri, dalla protezione civile, dalla Croce Rossa Italiana e dal Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite.

 
La base italiana "Cuomo" a Tiro

L'Operazione Leonte[5][6] è scattata a settembre, sotto l'egida dell'ONU all'interno della missione UNIFIL 2. La "forza d'ingresso" (Entry Force) del contingente di pace italiano, costituita dalle truppe anfibie della nuova Forza di Proiezione dal Mare (FPM), a loro volta composta dal Reggimento San Marco della Marina Militare e dai Lagunari dell'Esercito.

Nell'occasione, il Gruppo aereo imbarcato ha effettuato missioni di ricognizione sul traffico mercantile da e per le coste libanesi. Dal 1º novembre 2016 la JLF-L (Contrammiraglio Claudio Confessore) assumeva il comando del Settore Ovest dell’area di responsabilità di UNIFIL e, contestualmente, della Brigata Ovest della forza ONU, composta da due battaglioni italiani, un battaglione francese ed un battaglione ghanese. La missione è proseguita con le unità dell'Esercito italiano.

Organigramma reparti schieratiModifica

Hanno partecipato alla missione:

  • Leonte 1 Joint Landing Force - Lebanon (JLF-L) (2 settembre 2006 - 8 novembre 2006)
  • Leonte 2 Brigata Cavalleria "Pozzuolo del Friuli" (8 novembre 2006 - 22 aprile 2007)
  • Leonte 3 Brigata Paracadutisti "Folgore" (22 aprile 2007 - 10 ottobre 2007)
  • Leonte 4 Brigata Corazzata "Ariete" (10 ottobre 2007 - 29 maggio 2008)
  • Leonte 5 Brigata Bersaglieri "Garibaldi" (29 maggio 2008 - 11 ottobre 2009)
  • Leonte 6 Brigata Cavalleria "Pozzuolo del Friuli" (11 ottobre 2008 - 4 maggio 2009)
  • Leonte 7 Brigata Corazzata "Ariete" (4 maggio 2009 - 10 novembre 2009)
  • Leonte 8 Brigata Aeromobile "Friuli" (10 novembre 2009 - 10 maggio 2010)
  • Leonte 9 Brigata Bersaglieri "Garibaldi" (10 maggio 2010 - 9 novembre 2010)
  • Leonte 10 Brigata Cavalleria "Pozzuolo del Friuli" (9 novembre 2010 - 8 maggio 2011)
  • Leonte 11 Brigata meccanizzata "Aosta" (8 maggio 2011 - 6 novembre 2011)
  • Leonte 12 Brigata Meccanizzata "Pinerolo" (7 novembre 2011 - 10 maggio 2012)
  • Leonte 13 Brigata Corazzata "Ariete" (11 maggio 2012 - 12 novembre 2012)
  • Leonte 14 Brigata Aeromobile "Friuli" (13 novembre 2012 - maggio 2013)
  • Leonte 15 Brigata Cavalleria " Pozzuolo del Friuli" (maggio 2013 - novembre 2013)
  • Leonte 16 Brigata Meccanizzata "Granatieri di Sardegna" (novembre 2013 - aprile 2014)
  • Leonte 17 Brigata Corazzata "Ariete" (aprile 2014 - ottobre 2014)
  • Leonte 18 Brigata Meccanizzata Pinerolo (ottobre 2014 - aprile 2015)
  • Leonte 19 Brigata aeromobile "Friuli" (aprile 2015 - ottobre 2015)
  • Leonte 20 Brigata alpina "Taurinense" in configurazione Non Standing Bi National Brigade Command italo-francese (ottobre 2015 - aprile 2016)
  • Leonte 21 Brigata Meccanizzata "Sassari" (aprile 2016 - ottobre 2016)
  • Leonte 22 Brigata Paracadutisti "Folgore" (ottobre 2016 - dicembre 2017)
  • Leonte 23 Brigata Meccanizzata ''Granatieri di Sardegna'' (dicembre 2017- giugno 2018)
  • Leonte 24 Brigata Alpina "Julia" (giugno 2018 - dicembre 2018)
  • Leonte 25 Brigata Bersaglieri "Garibaldi" (dicembre 2018 - maggio 2019)
  • Leonte 26 Brigata Meccanizzata "Aosta" (maggio 2019 - novembre 2019)

NoteModifica

  1. ^ GRUPAER, LA STORIA E LE ATTIVITA' Archiviato il 21 giugno 2012 in Internet Archive.
  2. ^ Operazione Leonte, su cifr.it. URL consultato il 17-11-2007 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2010).
  3. ^ La Marina Militare in soccorso dei cittadini italiani in Libano, su marina.difesa.it. URL consultato il 14-12-2007.
  4. ^ Beirut: secondo intervento di Nave Durand de la Penne, su marina.difesa.it. URL consultato il 14-12-2007.
  5. ^ Preparativi di sbarco sulle unità in navigazione alla volta del Libano, su marina.difesa.it. URL consultato il 14-12-2007.
  6. ^ Operazione Leonte: terminate le operazioni di sbarco, su marina.difesa.it. URL consultato il 14-12-2007.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra