Apri il menu principale
Ora il Popolo
Maintenant le Peuple
Now the People
Now the People logo.png
StatoUnione europea Unione europea
FondazioneAprile 2018
IdeologiaSocialismo democratico
Comunismo
Marxismo
Euroscetticismo
CollocazioneSinistra/Estrema sinistra
Gruppo parl. europeoGUE/NGL
Seggi Europarlamento
13 / 750
 (2019)
SloganPer una rivoluzione democratica in Europa!
Sito web

Ora il Popolo è un movimento politico europeo progressista, umanista ed ecologista fondato nell'aprile 2018 a Lisbona, dove undici anni prima i leader politici europei hanno firmato l'omonimo Trattato, da Catarina Martins, Pablo Iglesias e Jean-Luc Melenchon per siglare la loro alleanza contro le politiche europee imposte, tra l'altro, dal Trattato di Lisbona.

Indice

StoriaModifica

Il movimento politico europeo "Ora il Popolo" nasce a Lisbona il 12 Aprile 2018, in un incontro in cui Martins, Iglesias e Melenchon firmano a nome dei rispettivi movimenti politici (Blocco di Sinistra, Podemos e La France Insoumise) la dichiarazione "Ora, il Popolo! Per una rivoluzione democratica in Europa".[1]

Il 27 Giugno 2018, con un nuovo documento presentato a Bruxelles, viene annunciata l'adesione al movimento dell'Alleanza Rosso-Verde danese, del Partito della Sinistra svedese e dell'Alleanza di Sinistra finlandese.[2]

In Italia, il movimento Potere al Popolo! ha manifestato condivisione e sostegno al documento fondatore, aderendo al movimento[3] e partecipando ai successivi incontri[4][5].

Posizioni politicheModifica

Il documento di Lisbona esprime un giudizio negativo sulle politiche di austerità e considera necessario la rottura dei trattati europei, giudicati come una camicia di forza. Il movimento si pone come obiettivo la costruzione di istituzioni in difesa dei diritti sociali e della sovranità dei popoli.[6]

Il documento presentato a Bruxelles esprime contrarietà ai trattati di libero scambio, alle politiche xenofobe e razziste, alla militarizzazione e alle politiche coloniali dell'UE.[2]

ComponentiModifica

Alle elezioni europee del 2019, le varie componenti del movimento ottengono complessivamente 13 deputati, insufficienti, ad ora, per formare un gruppo politico (la soglia essendo di 25 deputati di almeno 7 paesi diversi)[7].

Partito Stato Parlamento Europeo Parlamento nazionale
% voti seggi % voti seggi
Podemos   Spagna 10,05% a
2 / 54
14,32% b
30 / 350
Blocco di Sinistra   Portogallo 9,82%
2 / 21
10,19%
19 / 230
La France Insoumise   Francia 6,31%
6 / 74
11,03%
17 / 577
Alleanza Rosso-Verde  Danimarca 5,5%
1 / 13
7,8%
14 / 179
Alleanza di Sinistra   Finlandia 6,9%
1 / 13
7,13%
12 / 200
Partito della Sinistra   Svezia 6,9%
1 / 20
8,0%
28 / 349
Potere al Popolo!   Italia 1,13%
0 / 945
Note:

a Alle Elezioni europee del 2019 (Spagna) Podemos si presenta nella lista Unidas Podemos. Dei 6 eletti nella lista, i membri di Podemos sono 2

b Alle elezioni generali del 2019 Podemos si presenta nella lista Unidas Podemos. Dei 42 eletti nella lista, i membri di Podemos sono 30

NoteModifica

  1. ^ Podemos sta con Mélenchon. È nato "Adesso il popolo" | il Salto, in il Salto - versione "transitoria", 17 aprile 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  2. ^ a b (FR) Le mouvement européen «Maintenant le peuple» s'élargit ! - La France Insoumise, in La France Insoumise, 27 giugno 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  3. ^ La nostra adesione all'appello di Podemos, France Insoumise e Bloco De Esquerda, in Potere al Popolo, 15 aprile 2018. URL consultato il 13 settembre 2018.
  4. ^ Europee, Melenchon scrive a "Potere al popolo": "Contento della vostra partecipazione", su Repubblica.it, 7 febbraio 2019. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  5. ^ “E ora il Popolo!” - Incontri nella regione del Lago di Ginevra, su Potere al Popolo, 23 novembre 2018. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  6. ^ Catarina Martinis, Jean-Luc Mélanchon, Pablo Iglesias, Maintenant le peuple - 12 aprile 2018, Lisbona - La Città Futura. URL consultato il 13 settembre 2018.
  7. ^ (FR) Elections européennes 2019 : les résultats en sièges, pays par pays, et la future composition du Parlement, 26 maggio 2019. URL consultato il 28 maggio 2019.