Apri il menu principale

Storia e descrizioneModifica

 
Interno

Inizialmente consacrata come chiesa di San Salvatore, passò poi alla confraternita omonima, che dal 1313 era solita ospitare nei locali in zona i sacerdoti in pellegrinaggio, su istituzione del vescovo Antonio d'Orso. La dedica della chiesa fu cambiata e diventò "di San Iacopo della Congrega maggiore". Con la riforma delle istituzioni assistenziali fiorentine ad opera del vescovo sant'Antonino, la confraternita ospitò un luogo di ricovero per anziani sacerdoti.

Fu ristrutturata su incarico dell'arcivescovo Alessandro de' Medici, negli anni fra il 1585 e il 1588 ad opera di Giovanni Antonio Dosio, a cui è riferibile il portale su cui si legge "HOSPITALE PRESBYTERORUM". All'interno sono conservati dei vividi affreschi in stile manierista che coprono tutte le pareti e incorniciano alcune pale, il tutto eseguito da Giovanni Balducci attorno al 1590 sul tema delle Storie cristologiche.

Sul portale da parte della controfacciata interna è presente un organo antico, restaurato nel 2005 e talvolta usato per concerti di musica sacra.

Il Pievano ArlottoModifica

È qui conservata anche la tomba del celebre Pievano Arlotto, al centro della navata centrale vicino all'ingresso. Arlotto Mainardi, parroco della chiesa di San Cresci a Macioli, vicino a Pratolino, nato nel 1396 e morto nel 1484 nell'ospizio per vecchi parroci, era diventato all'epoca quasi proverbiale per i suoi lazzi e le sue burle: è ritratto in diversi quadri anche nei secoli successivi a testimoniare la sua fama cittadina duratura.

Egli non smentì il suo spirito faceto neanche sulla sua lastra tombale, conservata in questo oratorio al centro del pavimento appena dopo l'ingresso, dove fece scrivere:

«Questa sipoltura a facto fare il Piovano Arlocto per se et per tucte quelle persone le quali drento entrare vi volessino»

L'epigrafe che si può leggere oggi non è l'originale, ma un anacronistico rifacimento posteriore, in un diverso italiano: «Questa sepoltura il Pievano Arlotto la fece fare per sé, e per chi ci vuole entrare».

BibliografiaModifica

  • Piero Bargellini, Ennio Guarnieri, Le strade di Firenze, 4 voll., Firenze, Bonechi, 1977-1978, II, 1977, pp. 13–20.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENn78036172