Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la fazione di Warcraft, vedi Orda (Warcraft).

Un'orda (dal tartaro ordu, che significa "tribù", "accampamento"[1]) ha in italiano un'accezione negativa, identificando un'accozzaglia di uomini armati, caratterizzata dalla violenza e da un accentuato disordine e mancanza di disciplina.

Il termine mongolo indica invece l'organizzazione militare di un territorio, come ad esempio il Khanato dell'Orda d'Oro. Essendo formata da diverse componenti, l'orda ha assunto nel tempo una connotazione negativa sinonimo di caotica. Un'orda mongola era invece esattamente il contrario. Per quanto composta anche da clan e tribù di diversa provenienza e lingua, essa esprimeva in un capo militare la sua unione, mentre l'organizzazione dell'esercito era spesso rigorosa ed efficiente. Al suo interno venivano sanciti patti basati sul pragmatismo e sull'equa suddivisione del bottino o delle risorse del territorio per il mantenimento dell'orda stessa.

Nell'esercito ottomano il termine ordu designava una formazione equivalente all'armata.

Nei basci-buzuk, soldati irregolari dell'esercito ottomano, dell'Eyalet di Habesh, corrispondente all'incirca all'attuale Eritrea, l'Orda, corrispondente al plotone, era costituita da quattro buluk. Anche dopo la conquista italiana dell'Eritrea vennero mantenuti gradi, organizzazione e anche i quadri turchi; il Tabor, corrispondonde al livello ordinativo del battaglione era formato da tre cinque 5 orde e a sua volta tre tabur costituivano un Kalai, corrispondente al reggimento e posto al comando di un ufficiale italiano.

NoteModifica

  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra