Ordine del porcospino

L'Ordine del porcospino (in francese "Ordre du Porc-Épic"), è stato un ordine cavalleresco francese istituito da Luigi di Valois, Duca di Orléans, nel 1394.

Ordine del porcospino
Ordre du Porc-Épic
Bar,ordre Porc epic-Recueil de tous les costumes.JPG
Raffigurazione di un Cavaliere del porcospino
Royal Standard of the King of France.svg Francia
Regno di Francia
Statuscessato
Istituzione1394
Primo capoLuigi I di Valois-Orléans
Cessazione1498
Ultimo capoLuigi XII di Francia
GradiCavaliere

StoriaModifica

Luigi di Valois, Duca di Orléans fondò l'ordine in occasione del battesimo di suo figlio ed erede Carlo di Valois-Orléans nel 1394, dichiarandosene Gran Maestro e fissando a 25 il numero massimo dei cavalieri che potesse nominare.

Si dice che egli scelse questo animale come monito al suo nemico giurato il duca Giovanni di Borgogna, per simboleggiare infatti che si sarebbe vendicato della sua spavalderia come il porcospino usa i suoi aculei contro coloro che lo offendono. Tuttavia, quando Filippo III di Borgogna aiutò Carlo a venire liberato dalla prigionia, i due si scambiarono vicendevolmente i cavalierati dell'Ordine del porcospino e dell'Ordine del Toson d'Oro nel 1430[1].

L'Ordine fu soppresso nel 1498 da re Luigi XII di Francia (figlio del duca Carlo, quindi nipote di Luigi), che gli preferì l'Ordine di San Michele. Egli decise tuttavia di recuperare ed usare personalmente come stemma il porcospino, che apparve sul suo scudo e sulle sue monete[2] insieme al motto latino dell'ordine "cominus et eminus" (ovvero "da vicino e da lontano"), legato alla credenza che i porcospini potessero lanciare lontano i loro aculei[3].

InsegneModifica

 
Collare dell'ordine, rappresentazione grafica

Il collare dell'ordine si componeva di tre catene d'oro intrecciate, sulle quali pendeva l'effige in oro di un porcospino, poggiato su un prato verde con fiori composto da smalti.

La veste cerimoniale dell'ordine era una cappa azzurra (o violacea, secondo altre fonti), foderata di raso color cremisi, sulla quale poggiava un mantelletto ed un cappuccio anch'essi cremisi. Sotto di ciò, i cavalieri vestivano un lungo abito viola.

Inoltre i cavalieri ricevevano, al momento della loro nomina, un anello d'oro ornato da un cameo (nel francese dell'epoca "camaïeu" o "kamaheu" o "camail") sul quale era inciso un porcospino. Per questo motivo l'ordine veniva anche chiamato "Ordine del cameo".

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Famiglietti, R. C. "Tales of the Marriage Bed from Medieval France (1300-1500)". 1992, Picardy Press. pag. 73
  2. ^ Je Sais Tout... : Porc-Épic (Les Animaux et les Plantes), su yfolire.net. URL consultato il 2 agosto 2021.
  3. ^ cominus et eminus in Vocabolario - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 2 agosto 2021.

BibliografiaModifica

  • Palliot, La Vraye et Parfaite Science des Armoiries, 1660
  • Gourdon de Genouillac, Dictionnaire des ordres de chevalerie, 1860
  • Pierre Hélyot et Maximilien Bullot, Histoire des ordres monastiques, religieux et militaires, et des congregations seculieres de l'un & l'autre sexe, qui ont esté establies jusque'à present, 1719
  • Famiglietti, R. C. Tales of the Marriage Bed from Medieval France (1300-1500). 1992, Picardy Press

Altri progettiModifica