Suore della Provvidenza e dell'Immacolata Concezione

Le Suore della Provvidenza e dell'Immacolata Concezione (in francese Sœurs de la Providence et de l'Immaculée Conception) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla S.P.I.C.[1]

Cenni storiciModifica

La congregazione deriva da quella della Provvidenza, fondata nel 1762 da Jean-Martin Moyë.[2] Nel 1822 le suore di Portieux aprirono filiali a Branchon e a Jambes, in diocesi di Namur: per le numerose vocazioni nate in Belgio, fu presto aperto un noviziato a Jodoigne, trasferito nel 1833 a Harlue e poi, nel 1834, a Champion.[3]

Il 31 luglio 1837 l'episcopato belga rese le comunità del paese indipendenti dalla casa-madre di Portieux; il 14 settembre successivo si ebbe l'erezione canonica della congregazione di Champion e Marie-Xavier Voirin fu nominata superiora generale.[3]

La prima filiale all'estero fu aperta in Italia nel 1854; nel 1865, a seguito dell'invito del cardinale Henry Edward Manning, le suore giunsero in Inghilterra e nel 1871 il presidente Gabriel García Moreno le chiamò in Ecuador; seguirono fondazioni in Colombia, Repubblica Democratica del Congo, Stati Uniti d'America e Perù.[4]

Le Suore della Provvidenza sotto il patrocinio dell'Immacolata Concezione di Maria (questa è la denominazione originale della congregazione) ottennero il pontificio decreto di lode il 1º settembre 1858; l'istituto e le sue costituzioni ricevettero l'approvazione definitiva il 10 marzo 1877.[3]

Attività e diffusioneModifica

Le suore si dedicano prevalentemente all'istruzione e all'educazione cristiana della gioventù in orfanotrofi, asili e scuole di ogni tipo e grado, ma anche alla cura di anziani e ammalati, all'assistenza ai detenuti, al servizio domestico nei seminari e al lavoro nelle missioni.[3]

Sono presenti in Europa (Belgio, Italia, Regno Unito), nelle Americhe (Colombia, Ecuador, Perù) e in Repubblica Democratica del Congo:[5] la sede generalizia è a Champion.[1]

Al 31 dicembre 2008 l'istituto contava 528 religiose in 105 case.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2010, p. 1630.
  2. ^ Georges Tavard, DIP, vol. VI (1980), col. 180.
  3. ^ a b c d Paul Wynants, DIP, vol. VII (1983), col. 1090.
  4. ^ Paul Wynants, DIP, vol. VII (1983), col. 1091.
  5. ^ La Providence de Gap, su paroisse.lectoure.free.fr. URL consultato il 12 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2013).

BibliografiaModifica

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN168123008 · ISNI (EN0000 0001 2301 6134 · LCCN (ENno2007134366 · WorldCat Identities (ENlccn-no2007134366
  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo