Ordine della Santissima Annunziata

ordine monastico femminile
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo ordine cavalleresco, vedi Ordine supremo della Santissima Annunziata.

L'Ordine della Santissima Annunziata (in latino Ordo SS. Annuntiationis) è un ordine monastico femminile di diritto pontificio: le monache dell'ordine, dette comunemente annunziate turchine, pospongono al loro nome la sigla O.SS.A.

Indice

Cenni storiciModifica

 
La chiesa dell'antico monastero delle turchine di Roma

L'ordine venne fondato a Genova da Maria Vittoria De Fornari Strata (1562-1617) con il fine di adorare il mistero del Verbo Incarnato e onorare la divina maternità di Maria:[1] il 5 agosto 1604 le prime cinque monache vennero rivestite dell'abito religioso, dando formalmente inizio all'ordine.[2]

Il nobile Stefano Centurione e sua moglie Vincenzina Lomellini sono considerati i cofondatori delle annunziate: Centurione, infatti, riuscì a ottenere dalla Santa Sede il consenso per l'erezione del primo monastero (15 marzo 1604) e la conferma della regola (6 agosto 1613).[1]

Agli inizi l'ordine conobbe numerose difficoltà e nel 1605 si ventilò la possibilità di unire il monastero genovese alle carmelitane scalze. Nel 1612 le religiose di Genova fondarono la prima filiale a Pontarlier e l'ordine si diffuse rapidamente in tutta la Francia (nel decennio successivo sorsero comunità a Vesoul, Nancy, Champlitte, Saint-Michel); nel 1676 Maria Vittoria Orsini Borghese vedova di don Marcantonio Borghese Principe di Sulmona nipote del Pontefice Paolo V, fondò un monastero di annunziate turchine anche a Roma tuttora fiorente.[2]

Nel 1771 i monasteri dell'ordine erano settantuno, ma con la rivoluzione francese e le soppressioni napoleoniche l'ordine rischiò l'estinzione: la beatificazione della fondatrice nel 1828 portò a una certa ripresa dell'ordine.[2]

Carisma e diffusioneModifica

Le monache emettono i voti solenni di povertà, obbedienza e castità e quello di strettissima clausura; il loro abito è bianco, con scapolare e mantello azzurri (donde il nome di monache "celesti" o "turchine" con il quale vengono comunemente indicate).[2]

Sono dedite principalmente alla preghiera contemplativa e, per il loro sostentamento, confezionano paramenti sacri e fanno lavori di ricamo e cucito. La loro regola e la loro spiritualità si fondano sulla dottrina di sant'Agostino.[2]

Alla fine del 2008 l'ordine contava 5 monasteri sui iuris e 29 tra monache e novizie.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b A.M. Erba, DIP, vol. I (1974), col. 668.
  2. ^ a b c d e A.M. Erba, DIP, vol. I (1974), col. 669.
  3. ^ Ann. Pont. 2010, p. 1495.

BibliografiaModifica

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autorità VIAF: (EN255291030
  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo