Apri il menu principale

Ordine di Nīshān al-Iftikār

(Reindirizzamento da Ordine di Nichan Iftikar)
Ordine di Nīshān al-Iftikār
نيشان الافتخار
Orde van de Glorie of Nishan Iftikhar van de Bey van Tunis.jpg
Impero ottomano Tunisia
Impero Ottomano, Banato di Tunisia
TipologiaOrdine cavalleresco statale
Statuscessato
IstituzioneIstanbul, 19 agosto 1831
Primo capoMahmud II
CessazioneTunisi, 25 luglio 1957
Ultimo capoMuhammad VIII al-Amin
GradiGran Commendatore
Grand'Ufficiale
Commendatore
Ufficiale
Cavaliere di I classe
Cavaliere di II classe
Precedenza
Ordine più altoChelengk
Ordine più bassoOrdine di Şefkat Nişanı
Ordre du Nichan Iftikhar Chevalier ribbon (Tunisia).svg
Nastro dell'ordine

Il Nīshān al-Iftikār (in arabo: نيشان الافتخار‎, Ordine della Gloria) fu un ordine cavalleresco tunisino fondato nel 1835 da Al-Mustafa ibn Mahmud, Bey di Tunisia. L'ordine venne concesso sino alla costituzionalizzazione del governo dei Bey, venendo abolito ufficialmente nel 1957.

StoriaModifica

L'ordine venne creato dal sultano ottomano Mahmud II il 19 agosto 1831 e destinato specificatamente alla premiazione dei meritevoli dell'area governata dal Bey di Tunisia. Questo fatto, come per altri ordini cavallereschi ottomani, generò ben presto una solo formale reggenza dell'ordine da parte del sovrano turco in quanto il Bey di Tunisi ne divenne sempre più il gran maestro formale. Esso esisteva essenzialmente secondo due modelli differenti: il primo, concesso dalla sua creazione ed il secondo concesso dopo il 1859. Inizialmente concesso in una singola classe di benemerenza, l'ordine venne riorganizzato in cinque classi nel 1843 ed espanso in sei classi nel 1882:

  1. Gran Commendatore
  2. Grand'Ufficiale
  3. Commendatore
  4. Ufficiale
  5. Cavaliere di I classe
  6. Cavaliere di II classe

Questo ordine poteva essere concesso alle persone di nazionalità francese, a città (come Verdun), e ad altri personaggi stranieri in rapporti con la Tunisia. Esso veniva concesso personalmente dal bey di Tunisi su proposta del Gran Visir, su una proposta a sua volta del Governatore Generale Francese (che occupava de facto il ruolo di Ministro degli Esteri della Tunisia). Ciascun Bey cambiava il proprio monogramma nella decorazione del medaglione centrale dell'insegna dell'ordine e per questo è possibile determinare approssimativamente il periodo di concessione di ciascuna onorificenza.

Nastri
Cavaliere di II classe Cavaliere di I classe Ufficiale Commendatore Grand'Ufficiale Gran Commendatore

Esempi di decorazioniModifica

La decorazione tipica dell'ordine era costituita da una placca di argento pieno smaltata di verde e di rosso con raggi. Alcune di esse potevano essere impreziosite da gioielli. Questo tipo di decorazioni (appartenenti al secondo modello) vennero concesse esclusivamente da Ali Muddat ibn al-Husayn (1882-1902).

Queste decorazioni nello specifico vennero concesse da Muhammad III al-Sadiq (1859-1882) e illustrano le differenze che possono esserci tra le decorazioni di manifattura francese e tunisina:

Questi due diplomi di concessione, illustrano la doppia lingua in cui essi venivano redatti, affinché divenissero comprensibili in bilingue:

Insigniti notabiliModifica

Altri progettiModifica

  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia