Apri il menu principale

Ordine di San Guglielmo

StoriaModifica

OriginiModifica

L'ordine ha avuto origine dai seguaci dell'eremita Guglielmo di Malavalle († 1157). Sebbene Guglielmo non avesse durante la sua vita né fondato l'ordine né scritto la regola, un suo discepolo, Alberto, che con lui visse nel suo ultimo anno di vita, raccolse i suoi insegnamenti nel Consuetudines e Regula sancti Guillelmi.

Il primo monastero fu costruito in Malavalle, e raccolse i seguaci di Guglielmo che giungevano dalla Toscana, Lazio e dalle Marche.

Dissensi interniModifica

Sebbene il loro fondatore professò l'ideale eremitico secondo l'interpretazione patristica, già verso il 1250 alcuni conventi se ne distaccarono. I conventi si distinguevano in conventi di vita apostolica e conventi di vita vera apostolica dove i primi si dedicavano anche alla cura delle anime e accettavano un'interpretazione più mitigata della povertà, mentre i secondi erano per un'osservanza stretta della regola guglielmita.

Queste due correnti all'interno dell'ordine portarono a conflitti irrisolvibili. Nel 1254 il priore generale dell'ordine abdicò e si formarono due congregazioni, quella di Malavalle e quella di Montefavale (Pesaro).

Riforma nella TusciaModifica

Già nel 1243 papa Innocenzo IV aveva promulgato la bolla Incumbit nobis con la quale invitava le comunità di eremiti della Tuscia a riunirsi per costituire un unico Ordine religioso secondo la regola di sant'Agostino, gli eremiti dell'Ordine di Sant'Agostino. I dissensi interni e la divisione dell'ordine guglielmita, spinse nel 1256 papa Alessandro IV a sollecitare l'unificazione di tutti gli ordini eremitici e la nascita di un unico ordine.

Alcuni eremi guglielmiti, tra cui Ardenghesca, Selvamaggio, Murceto e forse anche Castiglione della Pescaia, accettarono la modifica della Regola, mentre altri quali l'eremo Torre di Palma nella Marca d'Ancona passò alla regola benedettina.

Diffusione all'esteroModifica

I guglielmiti si diffusero anche fuori dall'Italia: prima del 1240 erano presenti in Francia, Belgio, Boemia, Ungheria, Germania ed Austria.

ScioglimentoModifica

L'Ordine dei guglielmiti esistette fino al XVIII secolo.

  • In Austria lo scioglimento dell'ordine avvenne sotto l'imperatore Giuseppe II.
  • L'ultimo convento dei guglielmiti in Germania fu quello di Gräfinthal (Saarland). Il convento fu sciolto per volere dei monaci con una bolla papale il 24 novembre 1785.

AbitoModifica

La veste caratteristica dell'ordine era molto simile al vestito eremitico e a quello dei brettinesi. Inizialmente grigia, fu sostituita nel 1256 da quella nera caratteristica dell'ordine degli eremitani agostiniani.

Principali conventi, eremi e chieseModifica

ItaliaModifica

Alcuni dei conventi guglielmiti:

FranciaModifica

In Francia i guglielmiti erano conosciuti come blancs-manteaux (mantelli bianchi) a ragione del loro abito. I conventi in territorio francese erano:

BelgioModifica

  • Il monastero de Bernardifagnesis (Bernardfage-Ferrières) oggi "petit séminaire Saint-Roch de Bernardfagne", fondato nel 1248;
  • Il quartiere presso la stazione centrale di Liegi è chiamato Guillemins, poiché si sviluppò intorno al convento dei guglielmiti, che qui erano giunti nel 1287.

GermaniaModifica

In Germania i conventi dei guglielmiti erano:

BibliografiaModifica

  • Kasper Elm, Beitrage zur Geschicte des Wilhelmitenordens, Bohlau Verlag, Köln 1962 [2]

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN151741308 · GND (DE4238894-6 · WorldCat Identities (EN151741308