Apri il menu principale

Ordine famigliare reale di re Giorgio VI

Ordine familiare reale di re Giorgio VI
Royal Family Order of King George VI
Regno Unito
Casata di Windsor del Regno Unito
TipologiaOrdine cavalleresco familiare
Statusquiescente dal 1952
CapoElisabetta II
IstituzioneLondra, 1937
Primo capoGiorgio VI del Regno Unito
GradiDama (classe unica)
Precedenza
Ordine più altoOrdine famigliare reale di re Giorgio V
Ordine più bassoOrdine famigliare reale della regina Elisabetta II
GBR Family Order George VI BAR.png
Nastro dell'Ordine

L'Ordine familiare reale di re Giorgio VI (in inglese: Royal Family Order of King George VI) è una onorificenza del Regno Unito non più conferita ma ancora inclusa nel sistema premiale britannico, tradizionalmente posta in stato di quiescenza dalla morte del sovrano fondatore, concessa da re Giorgio VI come segno di particolare stima personale ai soli membri femminili della famiglia reale del Regno Unito o per particolari servizi verso la propria persona.

Attualmente la regina Elisabetta II e la principessa Alexandra, l'onorevole Lady Ogilvy sono le uniche detentrici in vita di questo Ordine, avendo ricevuto l'onorificenza direttamente da re Giorgio VI, la regina Elisabetta II è Sovrano dell'ordine dalla sua ascesa al trono nel 1952.

StoriaModifica

L'Ordine famigliare reale di re Giorgio VI venne istituito nel 1937, nell'anno dell'ascesa al trono del Sovrano, dopo la morte del padre re Giorgio V e l'abdicazione del fratello re Edoardo VIII, il quale, durante il suo breve regno prima della rinuncia alla corona, non fondò un proprio ordine familiare, per cui quello di re Giorgio VI segue immediatamente quello di re Giorgio V.

InsegneModifica

La medaglia dell'Ordine è composta da un cammeo raffigurante re Giorgio VI realizzato su avorio circondato da una cornice in argento e diamanti.

Il nastro è di seta rosa.

Elenco degli insignitiModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Immagine dell'Ordine, su royalcollection.org.uk (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).