Ordine reale di San Michele dell'Ala

Ordine reale di San Michele dell'Ala
Real Ordem de São Miguel da Ala
Cross wing saint michael.png
PortugueseFlag1385.svg
Regno del Portogallo
TipologiaOrdine dinastico
Statusconcesso solo privatamente
Capoin disputa tra Pedro José Folque de Mendoça Rolim de Moura Barreto e Duarte Pio di Braganza
IstituzioneLisbona, 1147
Primo capoAlfonso I del Portogallo
GradiGran collare
Cavaliere di Gran Croce
Grand' Ufficiale
Commendatore
Cavaliere
Precedenza
Ordine più altoOrdine di Santa Isabella
Order of Saint Michael of the Wing (Portugal) - ribbon bar.gif
Nastro dell'ordine

L'ordine di San Michele dell'Ala (OSMA), il cui nome completo è "Real ordine di San Michele dell'Ala" (lat. "Ordo Equitum Sancte Michaelis sive Ala"), è un ordine dinastico portoghese, che si ritiene originariamente fondato dal re Alfonso I del Portogallo dopo la conquista di Santarem, strappata ai musulmani nel 1147 e successivamente riattivato dai sostenitori dell'ex principe Michele di Braganza.[1]

Oggi è un ordine dinastico e onorifico il cui gran maestro è il capo della casa reale portoghese, il duca di Braganza, titolo disputato fra Duarte Pio di Braganza e Pedro José Folque de Mendoça Rolim de Moura Barreto, Duca di Loulé.

Fondazione ed epoca anticaModifica

In realtà storicamente la presa della città di Santarém non avvenne nel giorno di San Michele, l'8 maggio, quando, secondo la leggenda, l'arcangelo apparve ai guerrieri cristiani, sotto forma di un braccio armato e alato, aiutandoli a sconfiggere i Mori. Proprio per celebrare questo miracolo, il re Alfonso avrebbe deciso la fondazione dell'ordine cavalleresco, che sarebbe così l'ordine portoghese più antico. Non esiste però nessun documento coevo che comprovi tale fondazione. In realtà la città di Santarem fu invece conquistata nel marzo 1147 (e non in maggio), come è chiaramente dimostrato storicamente. Sembra che comunque ottenne un breve papale nel 1177 da Alessandro III[2].

Secondo Bernardo Giustiniani[3], l'ordine dal titolo "Cavalieri dell'Ala di S. Michiele in Portogallo" venne fondato, secondo un cronista cistercense, nel 1165, e nel 1171 vennero armati vari cavalieri sotto il titolo dell'Ala di San Michele Arcangelo. Giustiniani riporta inoltre l'elenco di ventitré gran maestri dell'Ordine (tutti i re del Portogallo) succedutisi dal fondatore re Alfonso, nel 1165, fino alla reggenza di re Pietro II (1667).

Già dall'origine sembra i cavalieri di tale ordine portavano una veste bianca con sopra la croce spadata rossa, simile a quella dell'ordine di San Giacomo, con due gigli ai lati (che sembra fossero d'oro). Il motto dell'ordine era "Qui ut Deus". La loro insegna era un'ala color porpora, circondata da raggi d'oro. L'ordine seguiva la regola benedettina, sotto l'istituzione dei cistercensi. I loro voti comprendevano la difesa della religione cristiana nel regno del Portogallo, l'aiuto verso le vedove ed i fanciulli. L'investitura cavalleresca e le regole dell'ordine erano come quelle dell'ordine di Avis. Loro stendardo di guerra rappresentava da un lato la croce dell'ordine e dall'altra san Michele arcangelo, con il loro motto. L'ammissione era riservata esclusivamente a chi dimostrava la nobiltà illustre dei suoi avi. Ad ogni modo non risultano note approvazioni apostoliche, ma si ritiene fossero approvati dal vescovo.

In realtà sono poche e scarse le tracce storiche dell'ordine, ma si presume che esso sia caduto in disuso, pur restando legato ai re del Portogallo, che ne erano i grandi maestri.

Elenco antico dei grandi maestriModifica

  1. Alfonso di Borgogna il Conquistatore
  2. Sancio I il Popolatore
  3. Alfonso II il Grasso
  4. Sancio II il Pio
  5. Alfonso III il Restauratore
  6. Dionigi l'Agricoltore
  7. Alfonso IV l'Ardito
  8. Pietro I il Giustiziere
  9. Ferdinando I il Bello
  10. Giovanni I d'Aviz il Buono
  11. Edoardo il Filosofo
  12. Alfonso V l'Africano
  13. Giovanni II il Principe Perfetto
  14. Manuele I d'Aviz-Beja il Fortunato
  15. Giovanni III il Pio
  16. Sebastiano I il Desiderato
  17. Enrico I il Casto
  18. Filippo I d'Asburgo il Prudente, Re di Spagna e Portogallo
  19. Filippo II il Pio
  20. Filippo III il Grande
  21. Giovanni IV di Braganza il Restauratore, già Duca di Braganza
  22. Alfonso VI il Vittorioso
  23. Pietro II il Pacifico

Riattivazione modernaModifica

L'ordine di San Michele dell'Ala lasciò quindi poche tracce nella storia, sia riguardo al suo funzionamento che alla totalità dei suoi membri, anche perché, secondo la tradizione, avrebbe avuto sempre una connotazione di segretezza. I suoi grandi maestri sarebbero sempre stati i re del Portogallo[senza fonte].

I riferimenti più affidabili all'esistenza e all'attività di questa istituzione risalgono al periodo fra il 1733 ed il 1912, quando vennero raccolti e documentati nella storia della massoneria in Portogallo di Manuel Borges Grainha[senza fonte].

L'ordine sarebbe stato riattivato durante il regno di Michele del Portogallo, come un ordine segreto che aveva come obiettivo principale la lotta contro la massoneria e carboneria. Per questo i suoi membri ricevevano un addestramento militare ed erano sempre armati[senza fonte].

Dopo la guerra civile Michele del Portogallo venne sconfitto ed esiliato nel 1834. Da allora l'ordine, ufficialmente estinto, sarebbe invece continuato ad esistere in modo sotterraneo per sostenerlo in esilio[4] Durante l'esilio Michele I si trasferì a Roma sotto la protezione di papa Gregorio XVI. In seguito, con il consenso di papa Pio IX, ristrutturò l'ordine come una associazione segreta. In seguito tutti gli ordini segreti, sia da papa Pio IX nella lettera Syllabus (1864) da papa Leone XIII, con Humanum genus, le società segrete vennero sciolte.

A partire dal 1981, per qualche tempo, Dom Duarte, pretentende al titolo di Duca di Braganza acconsentì alla riattivazione dell'attività sociale dell'Ordine come Associazione civile ma, successivamente essa fu dallo stesso Dom Duarte sospesa. Negli anni 1990 fu creato un ente sociale attivo per l’Ordine. A seguito di una disputa legale con Dom Pedro, Duca di Braganza e Nuno da Camara Pereira, connestabile del Portogallo, risolta nel 2014 a sfavore di Dom Duarte, venne vietato a costui l'uso delle insegne dell'Ordine.

Infatti, sin dal 2014, il tribunale di Lisbona vietò a Duarte Pio di Braganza di usare le insegne dell'Ordine di San Michele dell'Ala chiedendo che risarcisse 300.000 euro ai legittimi titolari dei diritti, Nuno da Câmara Pereira, che registrò il nome "Ordine di San Michele dell'Ala" (in portoghese: Ordem de São Miguel da Ala) nel 1981, mentre Duarte Pio lo avrebbe registrato in 2004.[5] La condanna è stata confermata il 5 ottobre 2015.[6]. Secondo una notizia infondata, diffusa successivamente da una testata on line di moda, il 3 novembre 2015 i diritti di Nuno da Câmara Pereira sui simboli sarebbero andati perduti,[7][8]. In realtà il 7 dicembre 2015 Duarte Pio di Braganza ha solo ottenuto la sospensiva temporanea del pagamento della provvisionale dei 300.000 euro.

L'attuale decorazione portata dai membri della cosiddetta "Reale Confraternita di San Michele dell’Ala (Real Irmandade de São Miguel da Ala)", conosciuta anche come la Real Irmandade da Real Ordem de São Miguel da Ala, è semplicemente una confraternita di diritto diocesano: essa non va confusa con il quasi omonimo ordine dinastico portoghese: gli statuti per la creazione della Reale Confraternita furono approvati d Dom Duarte con Decreto datato 10 giugno 2001. Trattandosi di confraternita religiosa gli statuti vennero successivamente modificati ed approvati da S.E. Rev.ma D. Abilio Rodas de Sousa Ribas, Vescovo portoghese di São Tomè e Principe, diocesi africana, protettore della confraternita. Canonicamente, la Reale Confraternita è governata ancora oggi dal Vescovo di São Tomè e Principe, rappresentato dal Vescovo Sua Eccellenza D. Abilio Rodas de Sousa Ribas che ne è il Protettore Ecclesiastico. L’Ordine è conferito nei cinque gradi onorari di: Gran Collare (Grão Collar), Gran Croce (Grã-Cruz), Commendatore con Placca / Grande Ufficiale (Comendador con Placa / Grã-Oficial), Commendatore (Comendador), Cavaliere o Dama (Cavaleiro o Dama), Postulante (Postulante).

Il simbolo dell'Ordine di San Michele dell'Ala è una spada-croce di San Giacomo con l’emblema del sole e l'ala nel centro, accostato alla base da due gigli e sormontata da un nastro recante la divisa Quis ut Deus.

L'obiettivo principale dell’attuale Ordine è innanzitutto la difesa della fede cattolica, apostolica, espressa dalla Santa Chiesa di Roma e la diffusione della devozione a San Michele Arcangelo, acclamato come Angelo della Pace. L'azione dell'Ordine è rivolta principalmente alla formazione delle nuove generazioni, in modo che sappiano mantenere un modo di essere nella vita basato sui principi della Fede, della morale cristiana, dell'onore, della lealtà (onore, lealtà, umiltà, disinteresse, generosità, condivisione ed aiuto del prossimo).

NoteModifica

  1. ^ http://www.nobil-homo.it/ordine.ala.html
  2. ^ Abate Ascanio Tamburinio, "In Iure abbatum et aliorum Praelatorum ecc" (1691), volume II (pagine 418-419), trascrisse il Breve Papale di Alessandro III del 4 Gennaio 1177 riguardante il riconoscimento del "Ordo Equitum S. Michele sive de Ala" e di altri ordini portoghesi
  3. ^ "Historie Cronologiche dell'Origine degl'Ordini Militari e di Tutte le Religioni Cavalleresche" (Venezia 1692), capitolo XXVIII, Parte I, pagine 428-433
  4. ^ Maria Emília Sena de Vasconcelos (1989). ««Miguelismo no Alto-Minho»» (PDF). "Cadernos Vianenses", Viana do Castelo: Pelouro da Cultura Câmara Municipal, Tomo XIII. Câmara Municipal de Viana do Castelo. p. 114
  5. ^ D. Duarte de Bragança condannato dal Tribunale del commercio di Lisbona, su lux.iol.pt. URL consultato il 4 agosto 2018.
  6. ^ O.S.M.A. – Processo 93.07 – Acórdão do Supremo Tribunal de Justiça 05-10-2015, su pt.scribd.com. URL consultato il 4 agosto 2018.
  7. ^ Marco Pereira, Rute Lourenço, Nuno da Câmara Pereira perde marca real, su flashvidas.pt. URL consultato il 4 agosto 2018.
  8. ^ C.T., Duarte Pio absolvido pelo tribunal, su flashvidas.pt. URL consultato il 4 agosto 2018.

BibliografiaModifica

  • Bonaventura Tondi da Gubbio, Il Monacismo illustrato, Venezia, 1884.
  • Bonaventura Tondi da Gubbio, La monarchia austriaca, Napoli. 1894.
  • Filippo Bonanni, Catalogo degli ordini equestri e militari. Esposto in immagini, e con breve racconto offerto alla Santità di N.S. Clemente XI dal P. Filippo Bonanni della Compagnia di Gesù, Roma, 1711.
  • Giuseppe Francesco Fontana, Storia degli ordini monastici, religiosi e militari e delle congregazioni secolari, Lucca, 1738.
  • Giovanni Marangoni da Vicenza, Grandezze dell’arcangelo San Michele nella chiesa trionfante militante e purgante, Roma, 1739.
  • Onorato di Santa Maria, Dissertazioni storiche e critiche sopra la cavalleria antica e moderna, secolare e regolare, Brescia, 1769.
  • Mariano D’Ayala, Dizionario militare francese italiano, Napoli, 1841.
  • Cesare Cantù, Storia Universale, Torino, 1842.
  • Raffaele Cuomo, Ordini cavallereschi antichi e moderni, Bologna, 1894.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN146848964 · LCCN (ENnb2010027854 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2010027854