Oscar di Prussia

Principe Oscar
Prinz Oskar von Preußen (1888-1958).jpg
Principe di Prussia
Stemma
Nome completo in tedesco: Oskar Karl Gustav Adolf Prinz von Preußen
Nascita Palazzo di Marmo, Potsdam, 27 luglio 1888
Morte Monaco di Baviera, 27 gennaio 1958
Luogo di sepoltura Burg Hohenzollern, Baden-Württemberg
Padre Guglielmo II, Imperatore di Germania
Madre Duchessa Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein
Consorte Contessa Ina Maria di Bassewitz-Levetzow

Oscar di Prussia, (nome completo Oskar Karl Gustav Adolf Prinz von Preußen[1]) (Potsdam, 27 luglio 1888Potsdam, 27 gennaio 1958), membro della famiglia degli Hohenzollern, fu principe di Prussia[1].

BiografiaModifica

Famiglia d'origineModifica

Suo padre era l'imperatore Guglielmo II di Germania[1], figlio di Federico III di Germania e di Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha, nata principessa reale del Regno Unito; sua madre era l'imperatrice Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg[1], figlia del principe Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg e della principessa Adelaide di Hohenlohe-Langenburg.

Venne educato, come cadetto, a Plön. Nel 1902 si fratturò la clavicola dopo una caduta dalle sbarre[2].

CarrieraModifica

Oscar di Prussia
Dati militari
Paese servito  Impero Tedesco
Forza armata  Deutsches Heer
Anni di servizio1906-1919
GradoColonnello
GuerrePrima guerra mondiale
BattaglieBattaglie di Verdun
Comandante diGrenadierregiment "Konig Wilhelm I"
Decorazioni 
 
voci di militari presenti su Wikipedia

Durante i primi mesi della prima guerra mondiale, comandò la Grenadierregiment "Konig Wilhelm I." con il grado di colonnello. Manfred von Richthofen assistette, il 22 agosto 1914, all'attacco a Virton, in Belgio, e scrisse del coraggio del principe Oscar[3]. Dopo la battaglia di Verdun, trascorse il resto dell'anno lontano dal campo di battaglia per problemi di cuore[4].

Nel corso del 1930, la famiglia Hohenzollern tentò di sondare il terreno per un ritorno al potere attraverso il nazionalsocialismo. Quando divenne più evidente che non ci sarebbe stata la restaurazione della monarchia attraverso i nazisti, la famiglia cominciò a cadere in disgrazia agli occhi di Hitler, con l'eccezione del fratello di Oscar, Augusto Guglielmo.

MatrimonioModifica

Il 31 luglio del 1914[1] Oscar sposò la contessa Ina Maria di Bassewitz-Levetzow[5], figlia del conte Carlo Enrico di Bassewitz-Levetzow e della contessa Margherita di Schulenburg. Entrambe le cerimonie ebbero luogo presso Schloss Bellevue, nei pressi di Berlino.

Si trattava di un matrimonio morganatico e Ina, prima della celebrazione delle nozze, venne creata contessa di Ruppin. Nel 1920 a lei e ai suoi figli venne concesso il rango di principi e principesse di Prussia, con il trattamento di Altezza reale.

MorteModifica

La salute del principe Oscar peggiorò durante gli ultimi anni della sua vita. Morì di cancro allo stomaco in una clinica di Monaco di Baviera, il 27 gennaio 1958[6]

 
Oscar e Ina con i figli.

DiscendenzaModifica

Oscar ed Ina Maria ebbero quattro figli:[1]

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Guglielmo I di Germania Federico Guglielmo III di Prussia  
 
Luisa di Meclemburgo-Strelitz  
Federico III di Germania  
Augusta di Sassonia-Weimar-Eisenach Carlo Federico di Sassonia-Weimar-Eisenach  
 
Marija Pavlovna di Russia  
Guglielmo II di Germania  
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha  
 
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg  
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha  
Vittoria del Regno Unito Edoardo Augusto di Hannover  
 
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
Oscar di Prussia  
Cristiano di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg Federico Cristiano II di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
 
Luisa Augusta di Danimarca  
Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
Luisa Sofia di Danneskiold-Samsøe Cristiano Corrado di Danneskiold-Samsøe  
 
Giovanna Kaas di Mur  
Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
Ernesto I di Hohenlohe-Langenburg Carlo Ludovico I di Hohenlohe-Langenburg  
 
Amalia Enrichetta di Solms-Baruth  
Adelaide di Hohenlohe-Langenburg  
Feodora di Leiningen Emilio Carlo di Leiningen  
 
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
 

OnorificenzeModifica

Onorificenze prussianeModifica

  Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
  Gran Commendatore con spade dell'Ordine Reale di Hohenzollern
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa
  Croce di Ferro di I classe
  Croce di Ferro di II classe
  Gran Maestro dell'Ordine di San Giovanni del Baliaggio di Brandeburgo

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere dell'Ordine dei Serafini
— 13 febbraio 1906
  Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante
— 25 febbraio 1913
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Sant'Enrico
  Cavaliere dell’Ordine del Leone dei Paesi Bassi
  Cavaliere dell'Ordine di Osmanie
  Cavaliere dell’Ordine della Corona wendica
  Distintivo di ferro per feriti

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Darryl Lundy, Genealogia del principe Oscar di Prussia, thePeerage.com, 6 giugno 2004. URL consultato il 4 giugno 2010.
  2. ^ “Kaiser's Fifth Son Hurt.” New York Times. December 9, 1902.
  3. ^ Kilduff, Peter. The Life and Death of an Ace. Cincinnati, OH: David & Charles, LTD., 2007. p. 34.
  4. ^ "Von Der Horst Killed Leading His Troops." New York Times. October 3, 1914.
  5. ^ Son Of The Kaiser To Wed A Countess. Prince Oscar to Contract a Morganatic Marriage with a Premier's Daughter, in New York Times, 27 maggio 1914. URL consultato il 18 marzo 2011.
    «Prince Oscar of Prussia, the fifth son of the Kaiser, is about to contract a morganatic marriage. His engagement to Countess Ina Marie von Bassewitz-Levetzow, daughter of the Premier of the Grand Duchy of Mecklenburg-Schwerin and former maid of honor of the Kaiserin, is officially announced today.».
  6. ^ Von Woche zu Woche. Das Ostpreußenblatt, 1 February 1958, p. 2.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN15145738 · ISNI (EN0000 0000 0473 9153 · GND (DE101822340 · BNF (FRcb14920030m (data) · WorldCat Identities (ENviaf-15145738