Oscenità

dichiarazione o atto che offende fortemente la morale prevalente del tempo
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film del 1980, vedi Oscenità (film).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Osceno" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Osceno (disambigua).

Per oscenità si intende la qualità propria di qualcuno o qualcosa che offende il pudore[1] e la moralità.[2][3]

Copertina di un'edizione novecentesca di Fanny Hill (1748), libro che, in passato, fu oggetto di molte polemiche e censure per i suoi contenuti giudicati osceni.

EtimologiaModifica

"Osceno" deriva dal latino obscenus, che veniva usato per indicare qualcosa di infausto, disgustoso, o indecente in ambito religioso.[4][5] Il lemma latino proviene a sua volta dal greco antico skenè, ovvero "scena/spazio scenico", e ob, che funge da negazione. Pertanto, l'unione delle due parole va a comporre la frase "che non appartiene alla scena".[6]

DescrizioneModifica

In molti casi, tutto ciò che è considerato osceno è circoscritto negli ambiti della sessualità e in alcune rappresentazioni della nudità. Nonostante ciò, il materiale a scopo didattico, medico, e scientifico che raffigura parti del corpo nude è raramente da considerarsi osceno. Nel Regno Unito di epoca vittoriana erano considerate oscene tutte le raffigurazioni di nudo quando esplicite. La maggior parte delle opere d'arte raffiguranti nudi non vengono considerate oscene. Negli Stati Uniti, il materiale considerato osceno può essere censurato da leggi apposite.[7] Gli ambiti non sessuali che in qualche modo possono urtare la sensibilità includono la violenza, il linguaggio scurrile, e la blasfemia.[8]

NoteModifica

  1. ^ Oscenità, su sapere.virgilio.it. URL consultato il 17 maggio 2022.
  2. ^ (SV) Obscen, su runeberg.org. URL consultato il 17 maggio 2022.
  3. ^ (SV) Obscen, su runeberg.org. URL consultato il 17 maggio 2022.
  4. ^ (EN) obscena, su latin-dictionary.net. URL consultato il 17 maggio 2022.
  5. ^ Osceno, su etimo.it. URL consultato il 17 maggio 2022.
  6. ^ (EN) Geoffrey Hughes, An Encyclopedia of Swearing: The Social History of Oaths, Profanity, Foul Language, and Ethnic Slurs in the English-Speaking World, M.E. Sharpe, 2006, p. 332.
  7. ^ (EN) Sex Is Less Offensive Than Violence: A Call To Update Obscenity Jurisprudence, su scholarship.shu.edu. URL consultato il 17 maggio 2022.
  8. ^ (EN) James Alexander, Obscenity, Pornography, and Law in Japan: Reconsidering Oshima's' In the Realm of the Senses, Asian-Pacific Law & Policy Journal 4, 2003, pp. 148-68.

BibliografiaModifica

  • (EN) Sarah Elisabeth Bull, Obscenity and the Publication of Sexual Science in Britain, 1810-1914, Diss. Arts & Social Sciences: Department of English, 2014.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85093744 · GND (DE4172346-6 · J9U (ENHE987007541119905171 · NDL (ENJA00574116