Ossido di stronzio

composto chimico
Ossido di stronzio
SrOpowder.jpg
Struttura cristallina di SrO
Nome IUPAC
ossido di stronzio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareSrO
Massa molecolare (u)103,62
Aspettosolido bianco
Numero CAS1314-11-0
Numero EINECS215-219-9
PubChem73975
SMILES
[O-2].[Sr+2]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)4,078[1]
Solubilità in acquareazione violenta[1]
Temperatura di fusione2 430 °C (2 703 K)[1]
Temperatura di ebollizione3 200 °C (3 473 K)[1]
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1)–592,4 kJ/mol[2]
ΔfG0 (kJ·mol−1)–562,3[2]
S0m(J·K−1mol−1)54,4[2]
C0p,m(J·K−1mol−1)45,2[2]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo
pericolo
Frasi H314 [1]
Consigli P280 - 305+351+338 - 310 [1]

L'ossido di stronzio è il composto inorganico di formula SrO. In condizioni normali è un solido bianco inodore. Chimicamente è un ossido fortemente basico.

StrutturaModifica

L'ossido di stronzio è un tipico composto ionico. Cristallizza nella struttura tipo NaCl dove cationi e anioni hanno coordinazione ottaedrica.[3] A pressione molto elevata (>36 GPa) si osserva una transizione di fase dalla struttura tipo NaCl a quella tipo CsCl, con una riduzione di volume del 13% circa.[4]

SintesiModifica

L'ossido di stronzio si prepara per decomposizione termica di altri composti di stronzio:[2]

SrCO3 → SrO + CO2
Sr(OH)2 → SrO + H2O
Sr(NO3)2 → SrO + N2O5

ReattivitàModifica

L'ossido di stronzio è un composto stabile. Come base forte reagisce violentemente in acqua formando l'idrossido Sr(OH)2.

UsiModifica

L'ossido di stronzio è usato in smalti ceramici in alternativa a composti di bario e piombo che sono tossici. È usato nella fabbricazione di vetri speciali che rimangono incolori ma assorbono radiazioni ultraviolette. Questi vetri erano usati nel tubo a raggi catodici dei televisori.[5] Serve inoltre come materiale di partenza per la sintesi di altri composti di stronzio.[2]

Tossicità / Indicazioni di sicurezzaModifica

SrO è un composto irritante e corrosivo per occhi, pelle e mucose. Non risultano informazioni su eventuali effetti cancerogeni.[1]

NoteModifica

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàGND (DE4454489-3
  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia