Ossitocina

ormone presente nei mammiferi
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'ossitocina (o "oxitocina", abbreviato OXT) è un ormone peptidico e un peptido ciclico eterodetico di 9 amminoacidi prodotto dai nuclei ipotalamici sopraottico (principalmente) e paraventricolare e secreto nella neuroipofisi, presente in tutti i mammiferi. L'ossitocina agisce anche come neurotrasmettitore all'interno del cervello; è l'ormone principale che causa la contrazione uterina e l'eiezione del latte nell'ipofisi posteriore. Insieme al neuropeptide vasopressina, si ritiene che influenzi la cognizione sociale e il comportamento.[1][2]

Ossitocina
Struttura molecolare dell'ossitocina, con evidenziata la sequenza amminoacidica.
Struttura molecolare dell'ossitocina, con evidenziata la sequenza amminoacidica.
Nome IUPAC
(2S)-1-[(4R,7S,10S,13S,16S,19R)-19-ammino-7-(2-ammino-2-ossoetil)-10-(3-ammino-3-ossopropil)-13-[(2S)-butan-2-il]-16-[(4-idrossifenil)metil]-6,9,12,15,18-pentaosso-1,2-ditia-5,8,11,14,17-pentazacicloicosan-4-carbonil]-N-[(2S)-1-[(2-ammino-2-ossoetil)ammino]-4-metil-1-ossopentan-2-il]pirrolidin-2-carbossammide
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC43H66N12O12S2
Massa molecolare (u)1007.18734
Aspettosolido bianco
Numero CAS50-56-6
Numero EINECS200-048-4
Codice ATCH01BB02
PubChem439302
DrugBankDB00107
SMILES
CCC(C)C1C(=O)NC(C(=O)NC(C(=O)NC(CSSCC(C(=O)NC(C(=O)N1)CC2=CC=C(C=C2)O)N)C(=O)N3CCCC3C(=O)NC(CC(C)C)C(=O)NCC(=O)N)CC(=O)N)CCC(=O)N
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
iniezione
Dati farmacocinetici
Legame proteico30%
Emivita1-6 minuti
Escrezionerenale, biliare
Indicazioni di sicurezza

Un'azione importante dell'ossitocina è quella di stimolare le contrazioni della muscolatura liscia dell'utero. Nell'ultimo periodo della gravidanza la responsività dell'utero all'ossitocina aumenta notevolmente e l'ormone esercita un ruolo importante nell'inizio e nel mantenimento del travaglio e del parto.

Altro fondamentale ruolo è quella di stimolo delle cellule dei dotti lattiferi delle mammelle. In tal modo l'ossitocina provoca una contrazione delle cellule muscolari e la secrezione del latte. Ciò avviene in risposta allo stimolo della poppata.

In entrambi i sessi a livello neurologico favorisce l'attaccamento relazionale, la sua produzione viene stimolata dai contatti fisici affettuosi o anche solo dalla vista di persone amate o bambini piccoli[3].

Farmacologia modifica

Sir Henry H. Dale fu il primo a scoprire l'ossitocina e le sue proprietà contrattili dell'utero nel lontano 1906.[4][5][6] Come gli altri ormoni neuroipofisari, l'ossitocina è costituita da una sequenza di nove amminoacidi con un legame disolfuro tra i residui Cys 1 e 6.[4][6] Negli anni '50, l'ossitocina sintetica fu sintetizzata con successo da Vincent du Vigneaud, un biochimico che in seguito fu insignito del premio Nobel per la sua ricerca.[6] Oggi, l'ossitocina continua a essere un importante strumento nell'ambito dell'ostetricia moderna per indurre il parto quando necessario e gestire l'emorragia postpartum.[6][7] Si stima che l'induzione del parto con l'ossitocina venga utilizzata in quasi il 10% dei casi di nascita a livello globale.[6]

È importante notare che l'utilizzo dell'ossitocina durante il parto comporta dei rischi. Pertanto, l'uso di questo ormone dovrebbe essere ponderato e limitato alle situazioni in cui è necessario, ed eseguito solo da operatori sanitari esperti.[7]

Nonostante sia principalmente associata al travaglio e al parto, l'ossitocina ha effetti sia periferici che centrali di ampia portata.[4] Essa svolge un ruolo significativo nel legame di coppia, nella cognizione sociale e nel funzionamento, e persino nel condizionamento della paura.[8] Inoltre, l'ossitocina svolge una funzione nella omeostasi metabolica e nella regolazione cardiovascolare.[6][9]

Meccanismo d'azione modifica

L'ossitocina svolge un ruolo vitale nel travaglio e nel parto.[10] L'ormone viene prodotto nell'ipotalamo e viene secreto dal nucleo paraventricolare nella neuroipofisi, dove viene immagazzinato. [10][11] Durante il parto, viene rilasciato a impulsi per indurre le contrazioni uterine.[10]

La concentrazione dei recettori dell'ossitocina sul miometrio aumenta significativamente durante la gravidanza e raggiunge il picco all'inizio del travaglio.[12] L'attivazione dei recettori dell'ossitocina sul miometrio avvia una cascata di segnalazione che porta all'aumento del calcio intracellulare nelle miofibrille uterine, rafforzando e aumentando la frequenza delle contrazioni uterine.[12][11][13]

Nell'uomo, la maggior parte degli ormoni è regolata da un feedback negativo; tuttavia, l'ossitocina è uno dei pochi ormoni regolati da un feedback positivo.[11] La pressione della testa del feto sul collo dell'utero segnala il rilascio di ossitocina dalla neuroipofisi della madre.[11] L'ossitocina viaggia quindi verso l'utero, dove stimola le contrazioni uterine.[11] Le contrazioni uterine indotte a loro volta stimolano il rilascio di sempre maggiori quantità di ossitocina, questo ciclo di feedback positivo continuerà fino al parto.[11]

Poiché l'ossitocina sintetica e quella secreta endogenamente producono gli stessi effetti sul sistema riproduttivo femminile, l'ossitocina sintetica può essere utilizzata in specifici casi durante il periodo antepartum e postpartum per indurre o migliorare le contrazioni uterine.[11][12]

Metabolismo modifica

L'ossitocina viene rapidamente rimossa dal plasma tramite metabolismo epatico e renale.[12] L'enzima ossitocinasi è in gran parte responsabile del metabolismo e della regolazione dei livelli di ossitocina durante la gravidanza e solo una piccola percentuale di neuroormone viene escreta nell'urina inalterata.[12][14] L'attività dell'ossitocinasi aumenta durante la gravidanza e raggiunge il picco nel plasma, nella placenta e nell'utero vicino al termine.[14] La placenta è una fonte chiave di ossitocinasi durante la gestazione e produce quantità crescenti dell'enzima in risposta all'aumento dei livelli di ossitocina prodotti dalla madre.[15][16] L'attività dell'ossitocinasi è presente anche nelle ghiandole mammarie, nel cuore, nei reni e nell'intestino tenue.[5] Livelli più bassi di attività si possono riscontrare nel cervello, nella milza, nel fegato, nel muscolo scheletrico, nei testicoli e nel colon.[5] Il livello di degradazione dell'ossitocina è trascurabile nelle donne non incinte, negli uomini e nel sangue del cordone ombelicale.[14]

Escrezione modifica

L'enzima ossitocinasi è in gran parte responsabile del metabolismo e della regolazione dei livelli di ossitocina durante la gravidanza; solo una piccola percentuale del neuroormone viene escreta nell'urina senza modifiche.[12]

Tossicità modifica

L'amministrazione di dosi supraterapeutiche di ossitocina esogena può causare ischemia miocardica, tachicardia e aritmie. Dosi elevate possono anche provocare spasmi uterini, ipertonicità o rottura. L'ossitocina ha proprietà antidiuretiche, pertanto dosi giornaliere elevate (come dose singola o somministrate lentamente nel corso di 24 ore) possono causare elevato accumulo di liquidi con conseguenti convulsioni materne, coma e persino alla morte. Il rischio di antidiuresi e intossicazione da acqua nella madre sembra essere maggiore quando i liquidi vengono somministrati per via orale.[17]

Note modifica

  1. ^ oxytocin (CHEBI:7872), su www.ebi.ac.uk. URL consultato il 15 giugno 2023.
  2. ^ (EN) PubChem, Oxytocin, su pubchem.ncbi.nlm.nih.gov. URL consultato il 15 giugno 2023.
  3. ^ Copia archiviata (PDF), su ausl.rn.it. URL consultato il 31 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2016).
  4. ^ a b c (EN) Gerald Gimpl e Falk Fahrenholz, The Oxytocin Receptor System: Structure, Function, and Regulation, in Physiological Reviews, vol. 81, n. 2, 1º aprile 2001, pp. 629–683, DOI:10.1152/physrev.2001.81.2.629. URL consultato il 15 giugno 2023.
  5. ^ a b c (EN) C. Ding, M. K.‐S. Leow e F. Magkos, Oxytocin in metabolic homeostasis: implications for obesity and diabetes management, in Obesity Reviews, vol. 20, n. 1, 2019-01, pp. 22–40, DOI:10.1111/obr.12757. URL consultato il 15 giugno 2023.
  6. ^ a b c d e f (EN) C.E.C. den Hertog, A.N.J.A. de Groot e P.W.J. van Dongen, History and use of oxytocics, in European Journal of Obstetrics & Gynecology and Reproductive Biology, vol. 94, n. 1, 2001-01, pp. 8–12, DOI:10.1016/S0301-2115(00)00311-0. URL consultato il 15 giugno 2023.
  7. ^ a b Pedro Hidalgo-Lopezosa, María Hidalgo-Maestre e María Aurora Rodríguez-Borrego, Labor stimulation with oxytocin: effects on obstetrical and neonatal outcomes, in Revista Latino-Americana de Enfermagem, vol. 24, n. 0, 2016, DOI:10.1590/1518-8345.0765.2744. URL consultato il 15 giugno 2023.
  8. ^ Candace Jones, Ingrid Barrera e Shaun Brothers, Oxytocin and social functioning, in Dialogues in Clinical Neuroscience, vol. 19, n. 2, 2017-06, pp. 193–201, DOI:10.31887/DCNS.2017.19.2/cjones. URL consultato il 15 giugno 2023.
  9. ^ J. Gutkowska, M. Jankowski e J. Antunes-Rodrigues, The role of oxytocin in cardiovascular regulation, in Brazilian Journal of Medical and Biological Research = Revista Brasileira De Pesquisas Medicas E Biologicas, vol. 47, n. 3, 2014-02, pp. 206–214, DOI:10.1590/1414-431X20133309. URL consultato il 15 giugno 2023.
  10. ^ a b c (EN) Kerstin Uvnäs-Moberg, Anette Ekström-Bergström e Marie Berg, Maternal plasma levels of oxytocin during physiological childbirth – a systematic review with implications for uterine contractions and central actions of oxytocin, in BMC Pregnancy and Childbirth, vol. 19, n. 1, 2019-12, DOI:10.1186/s12884-019-2365-9. URL consultato il 15 giugno 2023.
  11. ^ a b c d e f g Eva V. Osilla e Sandeep Sharma, Oxytocin, StatPearls Publishing, 2023. URL consultato il 15 giugno 2023.
  12. ^ a b c d e f FDA Approved Drug Products: Pitocin (oxytocin) injection (PDF), su accessdata.fda.gov.
  13. ^ (EN) S. Arrowsmith e S. Wray, Oxytocin: Its Mechanism of Action and Receptor Signalling in the Myometrium, in Journal of Neuroendocrinology, vol. 26, n. 6, 2014-06, pp. 356–369, DOI:10.1111/jne.12154. URL consultato il 15 giugno 2023.
  14. ^ a b c (EN) Pitocin (oxytocin) dose, indications, adverse effects, interactions... from PDR.net, su www.pdr.net. URL consultato il 15 giugno 2023.
  15. ^ (EN) V. S. Mathur e J. M. Walker, Oxytocinase in Plasma and Placenta in Normal and Prolonged Labour, in BMJ, vol. 3, n. 5610, 13 luglio 1968, pp. 96–97, DOI:10.1136/bmj.3.5610.96. URL consultato il 15 giugno 2023.
  16. ^ Oxytocinase as the most important marker of fetal development. | DrugBank Online, su go.drugbank.com. URL consultato il 15 giugno 2023.
  17. ^ Oxytocin | DrugBank Online, su go.drugbank.com. URL consultato il 15 giugno 2023.

Bibliografia modifica

  • Jaak Panksepp, Affective Neuroscience. The Foundations of Human And Animal Emotions, New York, Oxford University Press, 1998.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85096354 · GND (DE4044251-2 · J9U (ENHE987007555732205171