Osvaldo Lamborghini

Osvaldo Lamborghini (Buenos Aires, 12 aprile 1940Barcellona, 18 novembre 1985[1]) è stato uno scrittore e poeta argentino. Considerato uno «scrittore maledetto», la sua opera è stata conosciuta dopo la sua morte grazie a scrittori come César Aira, Rodolfo Fogwill e Néstor Perlongher. Lamborghini è noto per una scrittura carica di violenza, con uso del gergo politico, del lunfardo, della parodia e di immagini pornografiche.[2][3]

Biografia modifica

Osvaldo Lamborghini nasce il 12 aprile 1940 nella città di Buenos Aires, Argentina. Figlio di un ingegnere che lavorò per il governo del generale Juan Domingo Perón, si iscrive, in gioventù, al Partito Peronista. Trascorre l'infanzia e l'adolescenza a Necochea, dove conclude la sua educazione secondaria.

Nel 1972 si avventura nel fumetto, pubblicando la serie umoristica ¡Marc! con il disegnatore Gustavo Trigo, nella rivista Top Maxi Historietas.[4]

Nel 1973, dopo la pubblicazione del suo primo testo, Il Fiordo, la sua partecipazione attiva al peronismo diminuisce, riprendendo più tardi per integrare il settore più ortodosso del partito. In seguito al colpo di Stato del 24 marzo 1976 si esilia in Spagna.

Dal 1976 al 1985 vive a Barcellona, dove muore di infarto all'età di 45 anni.

Opere modifica

Romanzi modifica

  • El fiord (1969)
  • Sebregondi retrocede (1973)

Poesia modifica

  • Poemas (1980)

Fumetti modifica

  • ¡Marc! (illustrazioni di Gustavo Trigo) (1972)

Postumi modifica

  • Novelas y cuentos I (2012)
  • Novelas y cuentos II (2012)
  • Poemas 1969-1985 (2012)
  • Tadeys (2012)
  • Una nueva aventura de Irene Adler (con Dodi Scheuer) (2016)

Traduzioni italiane modifica

  • Il ritorno di Hartz e altre poesie, Libri Scheiwiller, 2013, ISBN 978-8876446641 . Edizione bilingue.
  • La pianura degli scherzi, Miraggi Edizioni, 2019, ISBN 9788833860695 . Raccolta delle prose Il fiordo, Sobregondi retrocede, La causa giusta, Le figlie di Hegel.

Note modifica

  1. ^ La poesia di Osvaldo Lamborghini, su ilprimoamore.com. URL consultato il 25 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2021).
  2. ^ (ES) Osvaldo Lamborghini, la lengua revolucionaria, su letraslibres.com.
  3. ^ D.L.: «Vida y obra», Página 12, 4 de mayo de 2003
  4. ^ Ferreiro, Andrés y Ostuni, Hernán (2012). Revistas de aventuras y para adultos argentinas en Del tebeo al manga: Una historia de los cómics 9. Revistas de aventuras y de cómic para adultos, p. 151.

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN14814998 · ISNI (EN0000 0000 8093 6909 · LCCN (ENn88208611 · GND (DE138672563 · BNE (ESXX859571 (data) · BNF (FRcb121877435 (data) · J9U (ENHE987007347154105171 · WorldCat Identities (ENlccn-n88208611
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie