Apri il menu principale
Ottavio Oro
Ottavio Oro.jpg
Ottavio Oro
NascitaNapoli, 1º marzo 1971
MorteNapoli, 27 luglio 2012
Cause della morteMalattia
Luogo di sepolturaSalerno[1]
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armatacarabinieri
RepartoDirezione Investigativa Antimafia
Anni di servizio1986 - 2012
Gradotenente colonnello
Studi militariScuola Militare Nunziatella, Accademia Militare, Scuola ufficiali carabinieri
voci di militari presenti su Wikipedia

Ottavio Oro (Napoli, 1º marzo 1971Napoli, 26 luglio 2012) è stato un militare italiano, tenente colonnello dei Carabinieri e della DIA, noto per essere stato a capo delle indagini per la cattura del camorrista del clan dei Casalesi Giuseppe Setola.

BiografiaModifica

Entrato giovanissimo alla Scuola militare Nunziatella (corso 1986-89) vi conseguì la maturità classica, entrando successivamente all'Accademia Militare di Modena come allievo ufficiale dei Carabinieri.

Conseguita la nomina a sottotenente nel 1991, proseguì gli studi presso la Scuola ufficiali carabinieri di Roma. Promosso tenente, fu successivamente assegnato a ruoli operativi. Da Tenente è stato Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Crotone presso la quale ha tratto in arresto un personaggio di spicco della ndrangheta, capo cosca di Isola Capo Rizzuto, inserito nell'elenco dei 30 latitanti più pericolosi in territorio nazionale.

Da capitano è stato comandante della compagnia Carabinieri di Aversa nei primi anni 2000[2], passando successivamente al Reparto Operativo di Caserta[3] in qualità di maggiore. Promosso tenente colonnello, è stato assegnato alla Direzione Investigativa Antimafia di Napoli, presso la quale ha ottenuto numerosi risultati di rilievo, operando in particolare contro il clan dei Casalesi. In particolare, nel 2008 ha partecipato alla cattura di Oreste Spagnuolo[4] e di altri malviventi implicati nella strage di Castel Volturno[5]; e nel 2009 è stato protagonista delle indagini che hanno portato alla cattura del camorrista Giuseppe Setola[6]. Successivamente ha operato in contrasto alla cosca di Mondragone che, guidata da Giovanni Cascarino, cercava di sostituire Setola nelle attività criminali nel territorio casertano[7].

Negli stessi anni ha cominciato a combattere con gravi problemi di salute. Colpito da un tumore al cervello, è stato operato una prima volta, ed una seconda per le conseguenze di un grave incidente stradale sull'autostrada A1 tra Frosinone e Ceprano[8][9]. Ripresosi da entrambi, ha continuato la propria attività investigativa fino ad essere colpito nuovamente dal male incurabile che lo aveva precedentemente interessato e che questa volta lo avrebbe portato a spegnersi a Napoli il 27 luglio 2012 all'età di 41 anni. I funerali si sono svolti il giorno dopo nella chiesa napoletana di Santa Maria della Libera[3].

Individuo dal profondo tratto umano, è stato un ufficiale amato e rispettato sia dai propri colleghi[10], che dalle istituzioni dei territori in cui ha operato[2].

NoteModifica

  1. ^ Lutto nell'Arma. Ieri si sono svolti i funerali del colonnello dei Carabinieri Ottavio Oro, su caiazzorinasce.net, luglio 2012. URL consultato il 27 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2016).
  2. ^ a b Lutto nell'Arma dei Carabinieri: addio al colonnello Ottavio Oro [collegamento interrotto], su pupia.tv. URL consultato il 27 aprile 2016.
  3. ^ a b Coordinò le indagini sul boss Setola - I carabinieri piangono Ottavio Oro, 28 luglio 2012. URL consultato il 27 aprile 2016.
  4. ^ Antonio Corbo, Film preferito, "Il vendicatore". Scarpe e giubbini alla moda nel covo dei superlatitanti, 2008. URL consultato il 27 aprile 2016.
  5. ^ Spagnuolo:"Ecco perché abbiamo ucciso gli sporchi neri di Castel Volturno"
  6. ^ Addio al tenente colonnello Ottavio Oro - Combatté l'ala stragista dei Casalesi
  7. ^ Aveva «fondato» un nuovo clan per sostituire Setola: arrestato. URL consultato il 27 aprile 2016.
  8. ^ Terribile incidente stradale, il colonnello Oro grave all'ospedale Umberto I di Roma
  9. ^ Lutto nell'Arma dei Carabinieri. Scompare il colonnello Ottavio Oro, l'uomo che arrestò il sanguinario killer Setola, su caiazzorinasce.net. URL consultato il 29 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2012).
  10. ^ Addio al tenente colonnello Ottavio Oro - Combatté l'ala stragista dei Casalesi, in Il Mattino. URL consultato il 27 aprile 2016.

OnorificenzeModifica

  Encomio solenne
«In territorio caratterizzato da elevato indice di criminalità organizzata e da difficile contesto ambientale, evidenziando altissimo senso del dovere e professionalità, pianificava e dirigeva articolata attività d'indagine nei confronti della camorra egemone nella provincia di Caserta. Le complesse e rischiose operazioni si concludevano con l'arresto di cinquantasette persone, nonché con il sequestro di numerose armi, munizioni, beni mobili e immobili per circa 80 milioni di euro. Gli eccellenti risultati conseguiti contribuivano ad esaltare, in ambito nazionale, il prestigio e l'immagine dell'Istituzione.»
— luglio 2009.