Ottone di Ballenstedt

Ottone di Ballenstedt
Duca di Sassonia
In carica 1122
Predecessore Lotario II di Supplimburgo
Successore Lotario II di Supplimburgo
Nascita 1070
Morte 9 febbraio 1123
Dinastia Ascanide
Padre Adalberto II di Ballenstedt
Madre Adelaide di Weimar-Orlamünde
Coniuge Eilika di Sassonia
Figli Alberto l'Orso
Adelaide

Ottone di Ballenstedt, detto il Ricco, (in tedesco Otto von Ballenstedt, der Reiche; 10709 febbraio 1123) fu duca di Sassonia per un solo anno, nel 1122. Egli fu il padre di Alberto l'Orso, il primo margravio di Brandeburgo.

BiografiaModifica

OriginiModifica

Egli apparteneva alla dinastia di Ascania, figlio del conte Adalberto II di Ballenstedt e di sua moglie Adelaide di Weimar-Orlamünde. Il figlio maggiore, Ottone, ricevette la contea di Ballenstedt in Sassonia alla morte del padre intorno all'anno 1080. Il fratello minore Sigfrido ereditò dalla madre la contea di Weimar-Orlamünde. Il matrimonio di quest'ultima con il conte palatino Ermanno II di Lotaringia della dinastia degli Azzoni, poi con Enrico II di Laach, permise a Sigfrido di divenire conte palatino del Reno.

Secondo lo Sachsenspiegel, gli antenati di Ottone provenivano dalla Svevia; tra questi c'era un nobile Adalberto che aveva sposato Hidda (?), figlia del margravio Odo di Lusazia († 993). Il padre di Ottone, Adalberto II è indicato come conte in un atto del re Enrico IV nel 1073; in quella data fu uno dei protagonisti della rivolta sassone.

EspansioneModifica

 
Castello di Ballenstedt.

Intorno all'anno 1094 Ottone sposò Eilika Billung, figlia del duca Magnus di Sassonia. Suo cognato fu Enrico il Nero, della dinastia Welfen di Baviera, che era sposato con la sorella maggiore di Eilika, Wulfhilde. Quando la dinastia Billung scomparve con la morte del duca Magnus nel 1106, tra i due sorse una disputa sulla successione; la terza parte era Lotario di Supplimburgo che fu infine nominato duca di Sassonia dal re Enrico V. Alcuni decenni dopo, il conflitto per il possesso del ducato di Sassonia si riaccese tra il figlio di Ottone, Alberto Orso, e il nipote di Enrico il Nero, Enrico il Leone.

Nel 1112 Enrico V tolse il titolo di duca a Lotario di Supplimburgo e Ottone venne nominato duca di Sassonia; dopo pochi mesi, tuttavia, l'imperatore si riconciliò con Lotario e l'attribuzione della Sassonia a Ottone fu annullata. Il conte si concentrò quindi nelle conquiste nella marca orientale sassone attraverso il fiume Elba, in particolare nelle aree dell'antica marca del Nord dove combatté contro le tribù slave (precisamente contro i Venedi). Le sue conquiste territoriali intorno a Zerbst e Köthen costituirono la base del futuro principato di Anhalt. Successivamente il principe slavo Pescorelav, convertito al cristianesimo e battezzato con il nome di Enrico, lascerà in eredità il suo paese nella vecchia marca del Nord la sua capitale Brandeburgo ad Alberto Orso.

Ottone morì nel 1123. Poco prima aveva trasformato la sua residenza a Ballenstedt in un'abbazia benedettina.

Matrimonio e figliModifica

Nel 1094 sposò Eilika di Sassonia († 1142), figlia di Magnus, duca di Sassonia, della dinastia Billung. Essi ebbero

BibliografiaModifica

  • Anthony Stokvis, Manuel d'histoire, de généalogie et de chronologie de tous les États du globe, depuis les temps les plus reculés jusqu'à nos jours, préf. H. F. Wijnman, Israël, 1966, chapitre VIII « Généalogie des Margraves de Brandebourg. Maison d'Ascanie  » . Tableau généalogique n° 7.
Controllo di autoritàVIAF (EN160150981 · GND (DE142776130 · CERL cnp01276450