Owain Gwynedd

Owain I del Gwynedd
detto "Owain Gwynedd"
Owain Gwynedd (PB02299).jpg
Owain Gwynedd di Hugh Williams, 1909, National Library of Wales
Re del Gwynedd
Stemma
In carica 1137 - 23/28 novembre 1170
Predecessore Gruffydd II
Successore Maelgwn II, Dafydd I e Rhodri III
Re dei Gallesi[1]
In carica 1137 - 1157
Predecessore Gruffydd ap Llywelyn
Successore sé stesso come Principe dei Gallesi
Principe dei Gallesi
In carica 1157 - 23/28 novembre 1170
Predecessore sé stesso come Re dei Gallesi
Successore Rhys ap Gruffydd
Nascita Anglesey, 1100
Morte Regno di Gwynedd, 23 o 28 novembre 1170
Sepoltura Cattedrale di Bangor
Dinastia Casato di Aberffraw
Padre Gruffydd II
Madre Angaharad ferch Owain
Consorte Gwladus ferch Llywarch
Cristina ferch Goronwy
Figli Maelgwn II
Dafydd I
Iorwerth ap Owain Gwynedd
Rhodri III
Hywel ab Owain Gwynedd
Cynan ap Owain Gwynedd
Religione cattolicesimo

Owain I ap Gruffyd ap Cynan, detto Owain Gwynedd o Owain Mawr (Owain il Grande)[2] (Anglesey, 1100 ca. – Regno di Gwynedd, 28 novembre 1170), è stato Re del Gwynedd dal 1137 alla morte. Considerato uno dei più potenti sovrani gallesi, fu il primo a portare il titolo di Principe del Galles[3].

BiografiaModifica

Primi anni di vitaModifica

Owain era un membro della Casato di Aberffraw, il ramo più anziano della dinastia di Rhodri il Grande. Suo padre, Gruffydd II, era un sovrano forte e longevo che aveva reso il Regno del Gwynedd il più influente del Galles durante i sessantadue anni del suo regno, usando l'isola di Anglesey come base di potere. Sua madre, Angharad ferch Owain, era la figlia di Owain ab Edwin di Tegeingl.

Si pensa che Owain sia nato ad Anglesey intorno all'anno 1100. Intorno al 1120 Gruffydd era diventato troppo vecchio per guidare le sue forze in battaglia e Owain e i suoi fratelli Cadwallon e, in seguito, Cadwaladr guidarono le forze del Gwynedd contro i Normanni e contro altri principi gallesi con grande successo. Suo fratello maggiore Cadwallon fu ucciso in una battaglia contro le forze del Regno del Powys nel 1132, lasciando Owain come erede di suo padre. Owain e Cadwaladr, in alleanza con Gruffydd ap Rhys del Deheubarth, ottennero un'importante vittoria sui Normanni a Crug Mawr vicino a Cardigan nel 1136 e annessero il Ceredigion al regno del padre.

Ascesa al tronoModifica

Alla morte di Gruffydd nel 1137, Owain ereditò il Gwynedd, ma dovette condividerlo con Cadwaladr. Nel 1143 Cadwaladr fu implicato nell'omicidio di Anarawd ap Gruffydd del Deheubarth, e Owain rispose inviando suo figlio Hywel per spogliarlo delle sue terre nel Ceredigion del nord. Sebbene si riconciliò in seguito con Cadwaladr, dal 1143, Owain regnò da solo sulla maggior parte del Galles settentrionale. Nel 1155 Cadwaladr fu mandato in esilio.

Owain approfittò dell'Anarchia, una guerra civile tra Stefano di Blois, re d'Inghilterra, a Matilde d'Inghilterra, per espandere i confini di Gwynedd più a est che mai.[4] Nel 1146 conquistò il castello di Mold e intorno al 1150 conquistò Rhuddlan e invase i confini del Powys. Il principe del Powys, Madog ap Maredudd, con l'assistenza di Ranulph de Gernon, IV conte di Chester, diede battaglia a Coleshill, ma Owain ne uscì vittorioso.

Lo scontro con Enrico IIModifica

Tutto andò bene fino all'ascesa del re Enrico II d'Inghilterra nel 1154. Enrico invase il Gwynedd nel 1157 con il sostegno di Madog ap Maredudd del Powys e di Cadwaladr. L'invasione ha incontrato fortune alterne. Le forze di Enrico devastarono il Gwynedd orientale e distrussero molte chiese, facendo infuriare così la popolazione locale. I due eserciti si incontrarono a Ewloe. Gli uomini di Owain tennero un'imboscata all'esercito reale in una stretta valle boscosa, sbaragliandola completamente con lo stesso re Enrico che evitò per poco la cattura.[5] La flotta che accompagnava l'invasione fece uno sbarco ad Anglesey dove fu sconfitta. Infine, nel 1157, al termine della campagna, Owain fu costretto a scendere a patti con Enrico, essendo obbligato a cedere Rhuddlan e altre conquiste a est e a giurare fedeltà al re inglese.

Madog ap Maredudd morì nel 1160, consentendo a Owain di riconquistare i territori ad est. Nel 1163 formò un'alleanza con il nipote Rhys ap Gruffydd del Deheubarth per sfidare il dominio inglese. Enrico invase nuovamente Gwynedd nel 1165, ma invece di prendere la solita rotta lungo la pianura costiera settentrionale, l'esercito del re invase da Oswestry e prese una rotta sulle colline di Berwyn. L'invasione fu accolta da un'alleanza di tutti i principi gallesi, con Owain come leader indiscusso. Tuttavia, a parte una piccola schermaglia nella battaglia di Crogen, ci furono pochi combattimenti, perché il clima gallese venne in aiuto di Owain, giacché la pioggia torrenziale costrinse Enrico a ritirarsi. L'infuriato Enrico mutilò un certo numero di ostaggi gallesi, inclusi due dei figli di Owain.

Gli inglesi non invasero più il Gwynedd e Owain riuscì a riprendere le sue conquiste orientali, riconquistando il castello di Rhuddlan nel 1167 dopo un assedio di tre mesi.

Controversie con la chiesa e morteModifica

Gli ultimi anni della vita di Owain furono segnati dalle controversie con l'arcivescovo di Canterbury, Thomas Becket, sulla nomina di un nuovo vescovo di Bangor. Quando la sede divenne vacante, Owain fece eleggere il suo candidato, Arthur di Bardsey. L'arcivescovo si rifiutò di accettarlo, quindi Owain fece consacrare Arthur in Irlanda. La disputa continuò e la sede rimase ufficialmente vacante anche dopo la morte di Owain. Fu anche messo sotto pressione dall'Arcivescovo e dal Papa per ripudiare la sua seconda moglie, Cristina, che era sua cugina di primo grado, rapporto che rendeva invalido il matrimonio secondo la chiesa. Nonostante fosse stato scomunicato per la sua sfida, Owain si rifiutò risolutamente di ripudiare la moglie. Owain morì nel 1170 e, nonostante fosse stato scomunicato, fu sepolto nella Cattedrale di Bangor dal clero locale.

Dopo la sua morte, scoppiò uns guerra civile tra i suoi figli. Owain è stato sposato due volte, prima con Gwladus ferch Llywarch ap Trahaearn, dal quale ha avuto due figli, Maelgwn ab Owain Gwynedd e Iorwerth Drwyndwn, il padre di Llywelyn il Grande, poi con Cristina, da cui ha avuto tre figli tra cui Dafydd ab Owain Gwynedd e Rhodri ab Owain Gwynedd. Aveva anche un certo numero di figli illegittimi, che secondo la legge gallese avevano lo stesso diritto sull'eredità se riconosciuti dal padre.

NoteModifica

  1. ^ David Carpenter, The struggle for mastery, su archive.org.
  2. ^ Lloyd, op. cit., pp. 94.
  3. ^ John Davies, Nigel Jenkins, Menna Baines e Peredur I. Lynch, Encyploaedia of Wales, Cardiff, University of Wales Press, 2008, p. 636, ISBN 978-0-7083-1953-6.
  4. ^ R. R. Davies, Conquest, Coexistence and Change. Wales 1063-1415, Oxford, University of Wales Press, 1987, p. 229.
  5. ^ (EN) Gerald of Wales, Itinirum Cambrae, su buildinghistory.org.

Voci correlateModifica

BibliografiaModifica

John Edward Lloyd, A History of Wales: From the Norman Invasion to the Edwardian Conquest, Barnes & Noble, 2004, ISBN 978-0-7607-5241-8.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN307172906 · ISNI (EN0000 0004 3341 1674 · LCCN (ENno2014021547 · WorldCat Identities (ENlccn-no2014021547