Paśupati

Incarnazione della divinità indù Shiva

Paśupati o Pashupati (devanagari: पशुपति), letteralmente "signore del bestiame"[1] è il nome attribuito a una divinità del pantheon hindu[2] che viene individuato fin nei sigilli della Civiltà della valle dell'Indo, laddove è raffigurato circondato da un certo numero di animali.

Tempio di Pashupatinath a Kathmandu, in Nepal.

StoriaModifica

In India questo appellativo verrà attribuita a diverse figure divine, innanzitutto a Śiva[3] nell'induismo, specie in Nepal,[4] ma anche al dio vedico Puṣan che nel Ṛgveda è identificato come il signore degli animali. L'indologia ha dibattuto a lungo sull'identità di questa figura che, nelle rappresentazioni vallinde, si può accostare ad altre divinità "cornute" come Cernunnos[5] presso i Celti e lo stesso Pan[6] tra i Greci.

NoteModifica

  1. ^ Vedasi Paśupati (पशुपति) in Shiva Sahasranama e la traduzione "Lord of all animals". Vedasi anche Sharma (1996), p. 291.
  2. ^ Jeanette Ellis (2009), p. 52.
  3. ^ Wolf-Dieter Storl (2004), p. 36.
  4. ^ Chiara Letizia (2003), p. 93.
  5. ^ Shiva e Cernunnos, somiglianze fra divinità lontanissime, dall'India alla Danimarca at Yogasutra
  6. ^ Robert Barzan (1995), p. 55.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di induismo