Pabbajja

Pabbajja: nell'antica lingua indiana pāli vuol dire "andare oltre (dalla vita di casa alla vita del senza casa)"[1], è il termine che nel canone del buddhismo theravāda denomina l'ordinazione a samanera (samaneri), o monaco(a) novizio(a). Nel canone pāli già il novizio è detto anagarika, ovvero il senza casa, nel senso di asceta rinunciante agli agi e alle sicurezze della vita di famiglia. Il termine è frutto della preposizione della particella negativa a- al vocabolo agariya, che denota il laico che conduce una vita casalinga.

Ordinazione di novizi buddhisti a Bangkok

La pabbajja prevede la rescissione di tutti i legami familiari e sociali per poter vivere la vita di ascetismo e rinuncia del monaco, nonostante non sia né un atto definitivo né comporti legami irrinunciabili per il resto della vita.

Vedasi upasampadā per la successiva cerimonia di ordinazione del novizio a monaco.

NoteModifica

  1. ^ Nel canone pāli l'"andare oltre dalla vita di casa a quella del senza casa" è reso con l'espressione: agārasmā anagāriyaṃ pabbajjā. Così ad esempio nel Gotamīsuttaṃ dell'Aṅguttaranikāya.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàNDL (ENJA00572386
  Portale Buddhismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Buddhismo