Padule di Bolgheri

area protetta in provincia di Livorno
Padule di Bolgheri
Padule di Bolgheri "marchese Mario Incisa della Rocchetta".jpg
Tipo di areaZona umida
Codice WDPA555540354
Cod. Natura 2000IT5160004
Class. internaz.SIC, ZPS, IBA
StatoItalia Italia
RegioniToscana
ProvinceProvincia di Livorno
ComuniCastagneto Carducci
Superficie a terra577 ha
Provvedimenti istitutivi14/12/76
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Padule di Bolgheri
Padule di Bolgheri
Sito istituzionale

Coordinate: 43°13′N 10°33′E / 43.216667°N 10.55°E43.216667; 10.55

Il padule di Bolgheri è una zona umida lungo la fascia costiera della Val di Cecina ed è riconosciuta Sito di interesse comunitario e ZPS dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Si trova sul territorio di Castagneto Carducci in Provincia di Livorno, e per la sua avifauna è anche indicata dal BirdLife International come sito ICBP.[1]

TerritorioModifica

Il suo territorio è costituito in prevalenza da campi incolti o coltivati, da bosco planiziale allagato, e la zona umida vera e propria è costellata di stagni retrodunali, tombolo costiero e arenile. Si alternano vari habitat: foreste dunali di Pinus pinea e di Pinus pinaster, dei frassineti, zone di perticaia costiera di ginepri e di praterie mediterranee con piante erbacee alte e giunchi.

FloraModifica

Tra le piante presenti nella riserva vi sono il frassino ossifillo, l'olmo campestre, il ginepro coccolone, il ginepro fenicio, la tamerice, il prugnolo, il biancospino, la roverella, il leccio, il pino domestico, la canna di palude, lo scirpo, il giglio di mare, l'eringio marittimo, la soldanella.[2]

FaunaModifica

 
Giovani cicogne nell'oasi
 
Daini nel Padule

Nella Padule di Bolgheri trovano rifugio alcune specie rare e minacciate.

Nella zona umida sono numerosi gli uccelli che trovano qui una zona di svernamento e di nidificazione.

Svernano qui il fischione e gruppi di oche selvatiche. Vi nidificano l'airone rosso, la calandrella, il succiacapre, la pavoncella, l'averla piccola e l'averla capirossa, specie vulnerabili, il cavaliere d'Italia e il fratino eurasiatico, specie minacciata. La zona boschiva è popolata dal picchio rosso minore, vulnerabile, dal martin pescatore, vulnerabile, dal cuculo dal ciuffo e dalla colombella, specie rare.[2] Nel 2008 è tornata a nidificare anche la cicogna, specie che da 200 anni mancava dalla Maremma e che da allora nidifica regolarmente nell'area.[2]

Tra i mammiferi si incontrano il cinghiale, il daino, il capriolo, il coniglio selvatico, la lepre, l'istrice, il tasso, la donnola, la faina, la volpe, il moscardino, il riccio, lo scoiattolo.[2]

Tra gli anfibi sono presenti specie endemiche, come il tritone crestato italiano, il tritone punteggiato, la rana verde, la rana di Lessona.[2]

Tra i rettili ricordiamo la testuggine di Hermann, specie vulnerabile, e la testuggine d'acqua, specie minacciata.[2]

NoteModifica

  1. ^ Copia archiviata, su sira.arpat.toscana.it. URL consultato il 6 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2008).
  2. ^ a b c d e f Rifugio Faunistico Oasi Affiliata WWF Padule di Bolgheri, su WWF Italia. URL consultato il 4 gennaio 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica