Apri il menu principale

Pala Chigi

dipinto a olio su tavola di Pietro Perugino
Pala Chigi
Perugino, crocifissione (pala chigi), 1502-04, 01.jpg
AutorePietro Perugino
Data1506-1507
Tecnicaolio su tavola
Dimensioni400×289 cm
UbicazioneChiesa di Sant'Agostino, Siena

La Pala Chigi è un dipinto a olio su tavola (400x289 cm) di Pietro Perugino, databile al 1506-1507 e conservata nella chiesa di Sant'Agostino a Siena. L'opera era anticamente dotata di una predella, oggi divisa tra il Metropolitan Museum di New York e l'Art Institute of Chicago.

Descrizione e stileModifica

La pala mostra la Crocifissione, organizzata, come di consueto per il Perugino, su due registri: uno celeste superiore, dove si vede il Cristo sulla croce, dal corpo fortemente sbalzato anatomicamente, tra angeli, e uno terreno inferiore dove, sullo sfondo di un dolce paesaggio collinare che sfuma in lontananza punteggiato da esili alberelli fronzuti, si trovano i Dolenti tradizionali e una serie di santi legati alla committenza, alla chiesa ed alla cappella in cui l'opera era destinata. Si riconoscono ad esempio a destra san Giovanni Battista e san Girolamo.

Gli angeli sono perfettamente simmetrici e derivano da cartoni di repertorio adattati per l'occasione. In alto, sulla sommità della croce, si vede il simbolo del pellicano, che si strappa le carni per nutrire i suoi figli, mentre a destra e sinistra si vedono il sole e la luna in un cupo cielo tempestoso, secondo l'antica tradizione iconografica dei fenomeni atmosferici che seguirono la morte di Cristo.

Il pittore più che all'originalità della composizione puntava soprattutto a un'esecuzione impeccabile e di altissima qualità, come è dimostrato dal disegno sottile e preciso, inciso in fase preparatoria forse con la punta d'argento, visibile solo tramite riflettografie all'infrarosso; il colore a olio è corposo e spesso, pur senza venir meno la tipica delicatezza dell'artista. Ogni dettaglio è reso con grande cura ed attentamente studiata è la direzione della luce, con gli effetti che genera nello spessore dei panneggi e nella rifrazione dei colori cangianti.

BibliografiaModifica

  • Vittoria Garibaldi, Perugino, in Pittori del Rinascimento, Scala, Firenze 2004 ISBN 888117099X

Altri progettiModifica

  Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte