Apri il menu principale
Palazzo Annoni
20160930 Palazzo Annoni h.jpg
Palazzo Annoni
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
Indirizzocorso di Porta Romana 6
Coordinate45°27′35.08″N 9°11′21.7″E / 45.459744°N 9.189362°E45.459744; 9.189362Coordinate: 45°27′35.08″N 9°11′21.7″E / 45.459744°N 9.189362°E45.459744; 9.189362
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1631
Realizzazione
ArchitettoFrancesco Maria Richini
AppaltatorePaolo Annoni
CommittentePaolo Annoni

Palazzo Annoni (o palazzo Annoni Cicogna Mozzoni) è uno storico palazzo barocco di Milano, situato in corso di Porta Romana 6.

Storia e architetturaModifica

Il palazzo venne edificato a partire dal 1631, per volere di Paolo Annoni, ricco commerciante di sete dell'epoca su progetto di Francesco Maria Richini: tale progetto è considerato uno dei suoi capolavori. Fu inoltre uno dei pochi palazzi ad essere costruiti durante la peste che colpì duramente la città. Tra il 1712 e il 1778 il conte Carlo Annoni trasformò la dimora in un centro artistico-culturale di prim'ordine, realizzando una ricca biblioteca e una collezione di dipinti comprendente opere di Rubens e Van Dyck, la quale fu successivamente sottratta dagli occupanti austriaci nel 1848[1]. Le cronache seicentesche raccontano della rivalità tra la famiglia Annoni e la famiglia Acerbi, che possedeva il palazzo dirimpetto: le due famiglie iniziarono a darsi battaglia decorando sempre più fastosamente le loro dimore cittadine, abbellendo di volta in volta i propri palazzi per superare in bellezza i rivali[2].

 
Cortile del palazzo

La facciata del palazzo è composta da due ordini di finestre, quelle al piano nobile con timpani curvi e triangolari alternativamente, a destra e a sinistra è delimitata da lesene bugnate. Al centro della facciata si trova il portone di ingresso principale, affiancato da due colonne con capitello ionico eclettico, che sorreggono il balcone centrale del piano nobile. A delimitare l'ingresso all'interno dell'edificio vi è un seicentesco cancello in ferro. Il cortile interno è impostato su colonne tuscaniche; al primo piano le finestre architravate sono divise da lesene in stile ionico, mentre le piccole finestre quadrate dell'ultimo piano sembrano formare un fregio decorativo[3].

Il palazzo ha subito varie opere di ammodernamento all'inizio del diciannovesimo secolo e un ultimo restauro tra il 1955 e il 1961: il palazzo fu gravemente danneggiato durante la seconda guerra mondiale, e degli originari interni fastosi non resta che lo scalone d'onore.

NoteModifica

  1. ^ Porta Romana (PDF), comune di milano. URL consultato il 21 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2012).
  2. ^ Il diavolo che abitava in Porta Romana, corriere.milano.it. URL consultato il 21 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  3. ^ Attilia Lanza, Milano e i suoi palazzi:Porta Orientale, Romana e Ticinese, Libreria Meravigli Editrice, 1993, pg. 104.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica