Apri il menu principale
Palazzo Bettoni Cazzago
Palazzo bettoni cazzago (retro).JPG
Il fronte su piazza Bruno Boni, in origine il retro del palazzo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàBrescia
Indirizzovia Antonio Gramsci
Coordinate45°32′10.39″N 10°13′08.94″E / 45.53622°N 10.219149°E45.53622; 10.219149Coordinate: 45°32′10.39″N 10°13′08.94″E / 45.53622°N 10.219149°E45.53622; 10.219149
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVIII secolo
Questa voce riguarda la zona di:
Corso Zanardelli
Visita il Portale di Brescia


Palazzo Bettoni Cazzago è un palazzo di Brescia, situato lungo via Antonio Gramsci, con retro su piazza Bruno Boni. Costruito nel Settecento, è stato profondamente rimaneggiato nel Novecento ma conserva ancora numerosi elementi dell'architettura originaria, tra i quali la cappella gentilizia interna. Alla fine del Novecento è stato interessato dal progetto di riqualificazione della corsia del Gambero, che ha portato all'inaugurazione, nel 1998, di piazza Bruno Boni, del quale il retro del palazzo costituisce oggi una quinta monumentale.

Indice

StoriaModifica

Nei primi decenni del XVIII secolo la nobile famiglia Cazzago, che aveva le proprie residenze nella zona est della città, acquista dalla famiglia Albani questa elegante dimora signorile in pieno centro. Con l'estinzione della discendenza maschile dei Cazzago, però, la proprietà passa in eredità ai conti Bettoni, che a loro volta lo alienano a privati nell'Ottocento[1].

Il palazzo viene quindi profondamente rimaneggiato nel XX secolo, pur conservando alcuni tratti originali sia internamente, sia esternamente. L'edificio, ormai frazionato, ospita oggi una serie di appartamenti ed esercizi commerciali[1].

Alla fine del Novecento, il giardino retrostante il palazzo viene interessato dal progetto di riqualificazione della corsia del Gambero, progetto che porta all'inaugurazione, nel 1998, di piazza Bruno Boni, ricavata occupando l'area dell'ex giardino privato[2].

DescrizioneModifica

Dell'originale architettura si conserva, all'esterno, un portale barocco su via Gramsci caratterizzato da singolari bugne prospettiche, vezzo propriamente bresciano ma raramente conservato integro. All'interno, invece, vi sono numerosi affreschi settecenteschi, concentrati nelle sale del piano nobile[1].

All'interno dell'edificio è ancora visibile la cappella gentilizia privata, all'epoca appartenente, nonché gestita, al complesso conventuale degli Umiliati cui faceva capo la chiesa di Santa Maria Maddalena sul retro[1].

Il prospetto posteriore del palazzo, con portico centrale, un tempo affacciato sul proprio parco, costituisce oggi una quinta monumentale per piazza Bruno Boni[2].

NoteModifica

  1. ^ a b c d Braga, Simonetto, p. 76
  2. ^ a b Braga, Simonetto, p. 73

BibliografiaModifica

  • Marina Braga, Roberta Simonetto (a cura di), Le quadre di Sant'Alessandro in Brescia Città Museo, Sant'Eustacchio, Brescia 2004

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica