Apri il menu principale
Palazzo Borbone
Assemblea Nazionale
Assemblée Nationale France.jpg
Localizzazione
StatoFrancia Francia
LocalitàParigi
Coordinate48°51′43.46″N 2°19′07.25″E / 48.862072°N 2.318681°E48.862072; 2.318681Coordinate: 48°51′43.46″N 2°19′07.25″E / 48.862072°N 2.318681°E48.862072; 2.318681
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1722-1728
Stileneoclassico
UsoSede del Assemblea Nazionale
Realizzazione
ArchitettoLorenzo Giardini, Pierre Cailleteau, Jean Aubert e Jacques Gabriel
ProprietarioStato francese

Il Palazzo Borbone (in francese: Palais Bourbon) è un edificio storico di Parigi che si trova sulla Rive Gauche, la riva sinistra della Senna, sul Quai d'Orsay, davanti al Pont de la Concorde. È la sede dell'Assemblée Nationale, la camera bassa francese.

StoriaModifica

L'edificio fu realizzato fra il 1722 e il 1728 per volere della duchessa di Borbone Luisa Francesca, figlia di Luigi XIV: a realizzarlo si prestarono Lorenzo Giardini, seguito da Pierre Cailleteau detto "Lassurance" e infine da Jean Aubert e Jacques Gabriel, che lo portarono a compimento. Successivamente, nel 1764, fu rilevato da Luigi-Giuseppe di Borbone-Condé, che ne decise l'ampliamento e fece realizzare, fra le altre strutture, le due ali che cingono il cortile d'onore rivolto verso la piazza che del palazzo porta il nome. Alla fine del XVIII secolo, dal 1798, ospitò il Consiglio dei Cinquecento. Successivamente, fra il 1803 e il 1807, Napoleone ordinò che fosse realizzata la facciata neoclassica che dà sulla Senna.

DescrizioneModifica

 
Il palazzo in una foto notturna scattata da Place de la Concorde

Il palazzo risente delle modifiche effettuate nel corso del XVIII secolo, senza per questo perdere armonia. L'entrata principale dell'edificio dà sulla piazza omonima e conserva l'aspetto settecentesco.

InternoModifica

Il palazzo è stato decorato in gran parte da Eugène Delacroix, massimo esponente della pittura romantica nella prima metà dell'Ottocento. All'interno vanno segnalati:

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN295245481 · LCCN (ENn83013099 · GND (DE4342820-4 · WorldCat Identities (ENn83-013099